Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Funerale a Los Angeles (DVD)

Un homme est mort

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: Un homme est mort
Regia: Jacques Deray
Paese: Francia
Anno: 1972
Supporto: DVD
Salvato in 7 liste dei desideri

€ 5,99

Venduto e spedito da TUTTOSULVIDEO

Solo 1 prodotto disponibile

+ 5,00 € Spese di spedizione

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (5 offerte da 5,99 €)

Lucien, conosciuto da tutti con il falso nome di Roger, arriva da Parigi a Los Angeles per uccidere il vecchio e ricchissimo boss della malavita Victor Kovacs. L'uomo non fa fatica a portare a termine la sua missione. I committenti del delitto sono il figlio di Victor, Alex, e la matrigna Jacky. Nonostante il successo dell'operazione Lucien viene derubato dei documenti e perseguitato da un killer, così decide di rimanere a Los Angeles per fare luce sui misteriosi episodi di cui è stato vittima.
  • Produzione: Titanus, 2017
  • Distribuzione: Terminal Video
  • Durata: 107 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 2.0)
  • Formato Schermo: 1,33:1
  • Ann Margret Cover

    Propr. A. M. Olsson, attrice svedese. Trasferitasi giovanissima negli Stati Uniti, si dedica al ballo e al canto per poi esordire ventenne in Angeli con la pistola (1961) di F. Capra nella parte della giovane figlia di B. Davis. Bionda e attraente, diventa la partner fissa di E. Presley nelle commedie musicali che lo vedono protagonista. Le sue prove migliori sono tuttavia nei ruoli drammatici: è una passeggera di una diligenza assalita dagli indiani in I nove di Dryfork City (1966) di G. Douglas, rifacimento del fordiano Ombre rosse del 1939, l’intensa Bobbie di Conoscenza carnale (1971) di M. Nichols, l’avida madre del protagonista nell’opera musicale Tommy (1975) di K. Russell, l’affettuosa cugina di un ufficiale inglese affetto da amnesia in Prigioniero del passato (1981) di A. Bridges.... Approfondisci
  • Umberto Orsini Cover

    Attore italiano. Abbandona gli studi universitari per amore del teatro e dopo il diploma all’Accademia calca i più prestigiosi palcoscenici italiani, senza ruoli da mattatore ma con una recitazione sempre misurata e aderente ai personaggi. Efficace anche negli sceneggiati televisivi, si affaccia al cinema in La dolce vita (1960) di F. Fellini, ma deve aspettare La caduta degli dèi (1969) di L. Visconti per ottenere la prima parte importante. Sono degli anni ’70 le sue prove migliori, ancora con Visconti in Ludwig (1973), con L. Cavani in Al di là del bene e del male (1977) e nella commedia-gay di M. Bellei Bionda fragola (1980). Dagli anni ’80 torna con intensità al teatro e alla fiction tv trascurando il grande schermo, a cui si concede per brevi ma significative apparizioni, come in Pasolini... Approfondisci
  • Jean Louis Trintignant Cover

    "Attore e regista francese. Interprete timido e schivo, abilissimo nel costruire personaggi apparentemente impassibili che però riescono a mostrare in modo sofferto i propri sentimenti, debutta nel cinema nel 1956 al fianco di B. Bardot in Piace a troppi di R. Vadim; dopo alcuni anni trascorsi nell’esercito durante la guerra in Algeria, è ottimo interprete in Un’estate violenta (1959) di V. Zurlini e Il sorpasso (1962) di D. Risi, mentre la consacrazione definitiva arriva con Un uomo, una donna (1966) di C. Lelouch, film che lo conferma come uno dei più apprezzati attori europei. Nel 1969 è impeccabile protagonista di Z - L’orgia del potere di C. Costa-Gavras e La mia notte con Maud di E. Rohmer; l’anno successivo offre una straordinaria interpretazione nei panni di un uomo sedotto dal fascismo... Approfondisci
Note legali