Georgiche. Testo latino a fronte

Publio Virgilio Marone

Traduttore: M. Ramous
Editore: Garzanti Libri
Collana: I grandi libri
Anno edizione: 2009
Formato: Tascabile
In commercio dal: 4 giugno 2009
Pagine: 267 p., Brossura
  • EAN: 9788811362722
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Composti tra il 37 e il 30 a.C., i quattro libri delle "Georgiche" si inseriscono nella fortunata tradizione del poema didascalico, traendo ispirazione dalle opere di Esiodo e Lucrezio, Catone e Varrone. L'originalità e la genialità di Virgilio si esprimono nella capacità di trasformare l'arida lettera della disciplina agronomica in un'epopea del lavoro umano, in particolare delle attività agresti - dalla coltivazione dei campi a quella della vite, dall'allevamento all'apicoltura -, conforme all'ideologia augustea, che predica un ritorno al costume dei padri e alla terra dopo molti anni di guerre civili.

€ 7,65

€ 9,00

Risparmi € 1,35 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Renzo Montagnoli

    13/11/2010 21:33:36

    Le guerre civili hanno lasciato pesanti strascichi di carattere economico, con le campagne abbandonate, anche perchè l'incertezza che ha dominato sovrana per anni incuteva, giustamente, grossi timori negli agricoltori, poco propensi a coltivare una terra che poteva loro essere strappata da un momento all'altro. La riorganizzazione dello stato non può prescindere dalla soluzione, ormai indifferibile, degli approvvigionamenti alimentari e quindi Augusto deve ridare fiducia a chi coltiva la terra, avviando una vasta campagna, che si potrebbe definire pubblicitaria, imperniata soprattutto sul valore del lavoro dei campi, non disgiunto dall?apprendimento di tecniche di coltura, quasi dimenticate in quegli anni di sangue, paure e incertezze. E' così che Mecenate propone a Virgilio di scrivere un poema didattico e il poeta mantovano accetta alle condizioni che non gli vengano posti inderogabili limiti di tempo e che possa mantenere una certa indipendenza, di modo che l'opera non sia esclusivamente didascalica, ma anche letteraria. Nascono così le Georgiche, un lavoro in 4 libri per complessivi 2.183 esametri, forma metrica idonea a un poema epico-didascalico. Il risultato è stupefacente e Virgilio, grazie al suo genio, travalica i suggerimenti di Mecenate, con una visione dell'umanità indubbiamente asservita al potere imperante, ma comunque del tutto universale, una comunità dagli stretti legami, laboriosa, rivolta solo al bene comune, proprio come le api dell'alveare. Ottaviano ne fu addirittura estasiato, perchè il poeta mantovano aveva scritto un'opera perfetta, non solo sotto l'aspetto stilistico, ma anche perchè aveva capito perfettamente l'essenza della politica del primo imperatore ed era riuscito a tradurla in lettere in modo del tutto accattivante e comprensibile. Le Georgiche sono un altro capolavoro e quindi la lettura è vivamente raccomandata.

Scrivi una recensione