Il giardino delle spezie segrete - Elena Cantoni,Charlotte Betts - ebook

Il giardino delle spezie segrete

Charlotte Betts

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Elena Cantoni
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 1,37 MB
Pagine della versione a stampa: 446 p.
  • EAN: 9788854149458
Salvato in 6 liste dei desideri

€ 4,99

Punti Premium: 1

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Incantevole, magico, emozionante. Vi conquisterà il cuore.

Una storia d'amore può sopravvivere a un terribile segreto?

È il 1665 e nonostante Londra sia sconvolta dall’epidemia di peste, Susannah cresce serena dietro il bancone della farmacia del padre. Circondata da erbe e spezie, la ragazza si dedica all’antica arte di curare con le piante, cercando di inventare sempre nuove pozioni e misture. Cornelius, suo padre, oltre ad averle insegnato tutti i segreti delle piante medicinali, le ha trasmesso il piacere per le buone letture e la passione per la conoscenza.
Il rapporto tra padre e figlia, per anni armonioso e intenso nonostante l’assenza della madre, morta dando alla luce il fratellino di Susannah, finisce il giorno in cui Cornelius decide di risposarsi con la giovane e capricciosa Arabella. Susannah è disperata perché d’un tratto deve dividere le attenzioni e l’affetto del padre con la matrigna che per di
più è prepotente e presuntuosa, come i suoi tre figli.
L’arrivo in città dell’affascinante Henry Savage, un ricco mercante, sembra essere l’occasione per Susannah di emanciparsi da questa situazione e, dopo alcune titubanze, accetta la sua proposta di matrimonio. Ma Henry si rivela un uomo complesso e sfuggente, tormentato da un oscuro passato, i cui segreti a poco a poco iniziano ad affiorare. In una Londra in cui la peste continua a mietere vittime, riuscirà Susannah a curare il proprio cuore e mettere in pratica la conoscenza delle erbe per salvare la sua gente da una terribile calamità?

Una storia emozionante in una Londra assediata dalla peste
Una donna ostinata
Un’arte magica
Un’indimenticabile storia piena di mistero

«Una gioia dei sensi. Con la stessa lingua sensuale del Profumo di Patrick Süskind, Charlotte Betts dà vita a un romanzo che coinvolge e appassiona tutti gli amanti del genere, ambientato in uno dei periodi più conturbanti della storia di Londra.»
Magazine Holiday

«Una grande storia d’amore in un’epoca di guerre, sofferenze e pregiudizi.»
Katherine Webb, autrice di L’eredità segreta

«Romantico e coinvolgente. È uno di quei romanzi che vi farà viaggiare nel tempo.»
Katie Fforde, scrittrice bestseller Sunday Times


Charlotte Betts
Si è occupata di moda, arredamento e gestione immobiliare. Il giardino delle spezie segrete, suo romanzo d’esordio, ha vinto diversi premi ed è stato finalista al Choc Lit’s Best Historical Read.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

2,7
di 5
Totale 10
5
1
4
2
3
4
2
1
1
2
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    elisa

    19/09/2018 08:10:14

    Ho apprezzato molto questo libro. Innanzitutto una bella ambientazione, ben resa. Una ragazza, figlia di speziale, non vuole sposarsi e far figli ma lavorare, in un tempo in cui però è ritenuto assurdo che le donne facciano lo speziale (sarebbe contro la volontà di Dio poichè lavoro da uomo). Ma il padre si risposa ed improvvisamente la casa diventa troppo piccola per tutti. Costretta infine a rivedere i suoi progetti, la nostra eroina si troverà ad affrontare bugie, segreti, indigenza, questioni di schiavitù ed infine la peste.... Affascinante, una buona lettura.

  • User Icon

    Ely

    01/02/2017 21:56:26

    Ho deciso di leggere questo libro perché ho conosciuto l'autrice quando ho letto il suo secondo libro " L'allieva segreta del Pittore " e mi era piaciuto molto il modo in cui scriveva. In questo libro di cui vi parlo oggi, che è il suo primo, troviamo personaggi che ho apprezzato nell' " Allieva segreta del Pittore " ma prima di questo. La protagonista infatti è Susannah, che dopo la perdita della madre resta da sola con il padre e da lui impara tutti i segreti dello speziale, ma purtroppo non può seguire questa professione perché è una donna. Il padre decide di risposarsi con la perfida Arabella (che ritroveremo anche nel secondo libro) e Susannah non può più vivere nella sua casa natale. Le scelte sono due, o diventa la donna di servizio in una casa, oppure si deve sposare. In quegli anni le strade di Londra sono devastate dalla peste e chi può si è spostato verso la campagna, per cui non le è possibile trovare lavoro. Resta solo la possibilità di sposarsi, e l'incontro con Henry, il cugino del dottor Ambrose, capita al momento giusto. Dopo il matrimonio Susannah cerca di essere una brava moglie ma Henry la tiene a distanza, e lei non ne capisce il motivo. Dopo una discussione un giorno Henry esce di casa, e colto dalla peste non farà più ritorno. Susannah si trova vedova, sola e sommersa dai debiti che il marito ha accumulato a sua insaputa. Oltretutto scopre di essere incinta e non sa come fare. Non può tornare nella casa del padre, e per fortuna le viene in aiuto la zia di Henry e del Dottor Ambrose, che la accoglie nella sua casa come dama di compagnia. Durante questo periodo Susannah inizia a conoscere di più l'ombroso William Ambrose, e piano piano si affeziona senza di più a lui, e il sentimento sembra essere ricambiato, ma sembra esserci un trascorso passato del dottore che la tiene a distanza, anche se a fatica. Ma la peste continua a mietere vittime...

  • User Icon

    Jodie

    01/02/2017 13:32:48

    A volte mi chiedo chi è che decide le traduzioni dei titoli (in questo caso l'originale sarebbe "La figlia dello speziale"), in questo caso totalmente inappropriato perché un giardino nemmeno esiste all'interno delle 600 pagine. Il libro è comunque valido, l'ho letto con molto piacere (non bisogna avere troppe pretese), e mi ha tenuta incollata alla vicenda. Non l'ho trovato così banale o scontato come viene descritto, anche se in effetti il finale è intuibile. L'autrice fa del suo meglio per descrivere l'epoca, anche se a tratti fa errori abbastanza grossolani (i personaggi che non si danno del "voi" per esempio, ma forse è solo colpa della pessima traduzione). Diciamo che nell'insieme poteva essere abbreviato e scritto nella metà delle pagine, ma comunque è sicuramente acquistabile.

  • User Icon

    Simon60

    05/01/2017 13:31:24

    Insulso romanzetto rosa in ( superficiale) salsa storica. Acquisto del tutto sbagliato, titolo fuorviante e vicenda completamente prevedibile.

  • User Icon

    LaVieEstBelle

    16/02/2015 00:19:21

    In quanto farmacista sono stata attirata dall'ambientazione e dal titolo. Sono rimasta delusa. E' molto descrittivo per quanto riguarda la situazione storica del momento; le spezie non sono l'argomento principale; la storia in sè piuttosto scontata e priva di espedienti narrativi . Discreta la caratterizzazione dei personaggi che se non altro lasciano un'immagine di loro stessi abbastanza nitida. Per la scrittura non do un giudizio assoluto in quanto il libro l'ho letto in italiano e non in lingua originale. Troppo triste per essere un romanzo di evasione, ma di poco spessore narrativo per essere ricordato.

  • User Icon

    Tatiana

    21/01/2014 21:53:24

    Dico subito che di spezie se ne parla pochissimo e non è di certo l'argomento principale del libro. La lettura e' stata molto piacevole perche' il libro e' scritto in maniera molto scorrevole e la storia e' molto leggera e con un lieto fine. Tutto sommato non mi è dispiaciuto e non me la sento di sconsigliarlo!

  • User Icon

    ilaria

    02/09/2013 18:03:46

    La lettura e' stata molto piacevole perche' il libro e' scritto in maniera molto scorrevole e la storia e' molto leggera e con un lieto fine. Anche se la storia d amore puo' risultare banale, il contesto storico nel quale e' ambientata mi ha colpito e intrigato. Non e' un capolavoro ma non mi pento di averlo comprato. Una cosa che mi ha delusa e' che il titolo non ha alcun riscontro nel racconto: sembra che ci debba essere chissa' quale mistero o segreto, invece poi nella storia non ce nulla di tutto ciò. Non fatevi ingannare.

  • User Icon

    mirella

    02/06/2013 22:04:25

    Mai fidarsi troppo di quanto riportato sul retro di un libro . Parlare di questo libro evocando il Profumo di Suskind è davvero, davvero, troppo.E' una storia d'amore spesso con passaggi davvero banali e scontati, il lettore non viene mai colto di sorpresa, non deve mai scoprire nulla. Persino i sentimenti dell'uno o dell'altro personaggio non crescono e si scoprono man mano che la lettura procede, perché la scrittrice li dichiara senza preoccuparsi di farli cogliere al lettore. Ahimè!Certamente è una storia facile da seguire, adatta a chi si sente stanco e non chiede niente di più, niente di meno che una distrazione.Per quanto riguarda il periodo in cui è ambientata, esso è solo uno sfondo, come del resto lo sono le spezie.Personalmente ho sbagliato ad acquistarlo, però desidererei che le librerie non lo usassero per riempire gli scaffali, mettendolo in bella vista come se fosse un capolavoro.Certamente il prezzo e la copertina vistosa tendono a fare abboccare i pesci come me.

  • User Icon

    annalisa

    05/05/2013 16:29:11

    una bella storia, ben caratterizzata...Piacevole alla lettura e con un lieto finale...insomma un libro scacciapensieri...Carino

  • User Icon

    Michela

    27/04/2013 19:48:36

    Ambientato nella Londra del 1665,questo romanzo ripercorre tutte le vicissetudini dell'epoca,a partire dalla peste che colpì la stragrande maggioranza della popolazione inglese,per finire con il grande incendio scoppiato nel 1666 che fece altrettante vittime. Sicuramente la storia non è delle migliori,in quanto priva di colpi di scena e scontata dall'inizio alla fine...di spezie si parla pochissimo e non è sicuramente l'argomento principale del libro.Tutto sommato non mi è dispiaciuto e non me la sento di sconsigliarlo!C'è sicuramente di peggio!

Vedi tutte le 10 recensioni cliente
Note legali