Recensioni Il gigante sepolto

  • User Icon
    22/11/2020 20:31:15

    Un libro onirico, un fantasy misto ad un racconto introspettivo su cosa ci lasciamo alle spalle e sulle verità che ci legano o che ci separano dalle nostre conoscenze.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    13/05/2020 06:12:53

    Uno dei libri più dolci e ben scritti che io abbia mai letto, ambientato in un mondo di ispirazione tolkeniana con una marcata influenza data dal ciclo arturiano. Ishiguro si riconferma uno dei miei scrittori preferiti di sempre

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    12/05/2020 17:59:31

    Questo romanzo mi ha deluso. Avevo grandi speranze nei suoi confronti, per l'ambientazione (la Bretagna del V secolo, Artù, draghi e orchi) che mi entusiasmava sebbene io non legga solitamente fantasy. Ma è stato un libro che a tratti sembrava persino scritto da uno romanziere in erba, figuriamoci come si possa credere che sia l'opera di un Premio Nobel. A volte passaggi ingenui, trama non sempre che reggeva, personaggi senza caratterizzazioni, senza umanità, poco reali e credibili e quasi privi di personalità. Un grandissimo peccato, era da tanto che volevo leggere questo autore.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    12/05/2020 13:04:50

    Ho scoperto questo libro quasi per caso poco dopo la sua pubblicazione e ad oggi sono ancora convinta che sia stato lui a trovare me. Era un momento molto difficile della mia vita, ma questo romanzo mi ha aiutata a rimettermi in piedi con la dolcezza di due amanti, con la paura dell'ignoto, con il sapore antico della fiaba. Consiglio a tutti la lettura, non ve ne pentirete.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    Ugo
    12/05/2020 07:26:36

    Bellissima storia, con sorprendenti ribalti e per nulla scontata. Risulta difficile far parte dello stile del libro scritto a mo' di favola perenne.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    xR
    11/05/2020 17:53:52

    Un libro decisamente particolare. Mi ha incuriosita soprattutto per il fatto che i protagonisti di un racconto d'avventura (fantasy?) siano dei coniugi anziani. All'inizio non mi ha convinta, probabilmente perché mi aspettavo un po' più di "azione", poi ha preso una piega decisamente più interessante e mi sono appassionata. È impossibile non provare empatia e tenerezza per Axl e Beatrice, analizzati e descritti in modo molto intimo. Ho finito di leggerlo da un po' e ancora ogni tanto ripenso al finale: non pensavo che un romanzo potesse avere una fine tanto bella e tanto triste allo stesso tempo. Già solo per questo 4 stelle meritate.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    15/03/2020 07:10:49

    Bello, intenso, ricco di sorprese, quasi lento ma con spunti di riflessione e inganni che fanno apprezzare anche un po' di tedio. Non so, è proprio lo stile unico che ti prende

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    11/03/2020 17:16:05

    Alla fine mi ha distrutta. È difficile definirlo, penso però che solo uno scrittore di altissimo livello e di incredibile sensibilità possa scrivere qualcosa del genere. Non dimenticherò mai questa storia, perché penso sia impensabile trovare qualcosa di simile.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    03/03/2020 20:36:01

    Libro molto bello con una trama particolare.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    01/10/2019 09:06:22

    Ho letto un romanzo fantasy e ne sono sopravvissuta Le aspettative che avevo verso questo nuovo romanzo di Ishiguro erano pressoché pari a zero: in primo luogo, per via del genere. Non ho mai amato leggere storie di draghi, orchi e compagnia bella, però lui era uno dei miei scrittori preferiti e quindi non potevo certo ignorarlo. In secondo luogo, la trama: due vecchietti che, persa la memoria, vagano per lande desolate incontrando strani esseri e guerrieri senza paura? Naaa! Infine, la certezza che non sarebbe mai potuto essere un capolavoro, perchè quello Ishiguro l'ha già scritto nel 1989 e l'ha intitolato "Quel che resta del giorno". A dispetto di tutti i miei pregiudizi, invece, grande è stata la sorpresa nel ritrovarmi, a fine lettura, con la consapevolezza di aver terminato un bel libro, non certo un capolavoro di proporzioni epiche, ma un romanzo ben confezionato, senza punti morti, né noioso né pesante ( come avevo invece avuto modo di leggere in certe critiche ). La storia scorre via senza inciampi, la nebbia della storia sembra avvolgere anche te e fino all'ultima pagina ti chiedi che ne sarà dei poveri Axl e Beatrice, mentre attendi col cuore in gola l'esito dei duelli tra guerrieri, cavalieri di re Artù e malvagi demoni. Un romanzo impregnato di nostalgia, fatica, saggezza, segreti, odio, sangue, spade sguainate, legami fortissimi e immensi spazi aperti. Dieci anni d’attesa per un libro che, complessivamente, promuovo.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    25/09/2019 22:00:38

    Ottimo, trama ben congegnata e scorrevole. Consigliato.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    21/09/2019 16:25:28

    Questo libro ci accompagna in un viaggio avvincente che vorremmo non finisca. Ishiguro dipinge paesaggi quasi fantasy, luoghi come al solito onirici eppure concreti, che portano in situazioni riconoscibili da tutti noi. In questo viaggio, che ha qualcosa del rituale di iniziazione, un inevitabile percorso attraverso il tempo e i ricordi che accompagna il legame tra due amanti, ci si disvelano sempre più aspetti della realtà. Come sempre Ishiguro ci fa scoprire un po' di più noi stessi.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    Fra
    19/09/2019 09:51:01

    Cosa ho amato di questo libro? Il fatto che attinga al Ciclo Arturiano senza trovarsi a svilupparne le solite tematiche, o per lo meno senza arrivare a lasciargli sovrastare tutta la trama. Lo stile di Ishiguro si armonizza in modo saggio - ma non pesante - con l’epoca nella quale ambienta le vite dei personaggi. Lo stile diventa in molti passi poetico, in altri comunque incisivo nell’azione. Il finale dolce amaro ci fa riflettere sul legame che può unire due persone in una coppia e richiedere, nel tempo, il coraggio di saperlo reinventare, di accettarne le zone d’ombra e accettare di imparare a conoscere una seconda volta l’altro, anche in quella luce più fioca. Mi è piaciuto, mi ha dimostrato che le leggende più antiche possono ancora ricevere nuova veste. Mi ha spinto a voler leggere altro di Ishiguro, che sembra proprio essere un autore capace di esplorare setting e generi molto differenti.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    07/09/2019 18:48:53

    Mi aspettavo qualcosa di più, sono sincero. Libro che si lascia leggere, sotto la buccia fantasy c'è una polpa che parla di memoria, ricordi, dolore, speranza. Ma nel complesso non supera mai la soglia della meraviglia, secondo me, né come scrittura, né come trama

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    02/08/2019 12:00:13

    Un romanzo fantasy uscito nel 2015, il settimo romanzo di Ishiguro, ambientato in Inghilterra nel periodo post re Artù e mago Merlino, tra villaggi sassoni e britanni. Axl e Beatrice sembrano all'inizio essere i soli protagonisti ma il viaggio che intraprendiamo con loro ci farà conoscere altri personaggi e nell'ampliarsi della storia i capitoli si alterneranno nel raccontarne le vicende. In un'ambientazione onirica molto fantasy ma anche mitologica incontreremo cavalieri, elfi, orchi e perfino un drago! La forza dell'amore, la vecchiaia, la perdita si della memoria ma anche delle cose care, sono solo alcuni lati toccati dal romanzo. Verso la fine, la profondità dei significati e le riflessioni che lo scrittore fa emergere scuotono la coscienza individuale e collettiva. Un capolavoro. Non nascondo che non è stata una facile lettura. Bisogna immergersi e iniziare a volare con Ishiguro per poterla apprezzare. Facevo anche difficoltà a proseguire ma la ricerca di un figlio lontano ed un inizio ricco di mistero e curiosità mantengono la lettura costante; mi sentivo come se anch'io avessi subito qualche strano sortilegio. È un romanzo assolutamente da 5 stelle anche se a qualcuno può non piacere, la maestria della narrazione di Ishiguro vale tanto. Io sono stata stregata e sicuramente a breve leggerò altro di questo autore.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    22/03/2019 17:52:20

    L'ambientazione della storia è fantasy, ma non si tratta di un romanzo fantasy. Se siete alla ricerca dell'azione o di un secondo Harry Potter leggete qualcos'altro. A mio avviso lo sfondo fantasy dà quel tocco in più pur non essendo il perno centrale della narrazione. Il romanzo è delicato e si legge con facilità. Accanto a strane avventure e personaggi improbabili ma trasudanti di umanità con tutti i suoi pregi e difetti, vi è ampio spazio per la riflessione, sul ricordo, la memoria, il perdono. Bellissimo.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    11/03/2019 16:57:01

    stupendo romanzo dall'atmosfera onirica, delicata, commovente.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    08/03/2019 09:47:59

    Clima surreale, ma al tempo stesso concreto. Forse non il suo libro migliore, ma ho trovato molto affascinante il finale, mi ha fatto riflettere sul fatto che una persona nulla è senza il suo passato.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    07/03/2019 16:57:57

    ho acquistato il romanzo attratta dalla copertina mi ha incredibilmente sorpresa, incantata e mi ha fatto riflettere...a volte è positivo giudicare un libro dalla copertina

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    05/01/2019 21:30:52

    Cercavo un classico fantasy, che mi aiutasse ad allontanarmi dalla realta e è dai suoi pensieri.... Invece è un libro che ti spinge a riflettere sulla memoria, sull'amore e sui legami in genere... Scritto molto bene.. Buon acquisto.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    23/11/2018 22:33:24

    Ho comprato questo libro attirato dall'enigmatico titolo e dalla reputazione dell'autore. Si presentava con una trama interessante per poi rivelarsi ricco di significato. Acquisto azzeccato.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    22/09/2018 18:33:56

    La scrittura è scorrevole e la lettura ne risulta piacevole e accattivante: è tenerezza quella che si prova accompagnando i due protagonisti nel loro viaggio, eppure non bisogna farsi ingannare dalla nebbia che li circonda, nella quale il lettore viene risucchiato non riuscendo a guardare oltre al racconto. Inganni e trame si alternano a memoria e oblio, incollando il naso alle pagine dalla prima all'ultima

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    21/09/2018 10:05:03

    Quando ho acquistato questo libro avevo grandi aspettative, in quanto sapevo che l'autore Kazuo Ishiguro ha scritto molti best seller. Peraltro è stato premiato con un nobel per la letteratura. In realtà, pur avendo trovato la lettura originale e ben scritta, la storia non mi ha entusiasmato particolarmente. E' evidente che l'autore appartiene a una cultura diversa dalla nostra, come quella orientale, ma che ha, comunque, il suo fascino. Penso che questa lettura potrebbe essere maggiormente gradita a un pubblico appassionato di fantasy. In ogni caso si tratta di una lettura gradevole che consiglio a chi vuole scoprire questo famoso autore.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    18/09/2018 14:20:47

    Uno splendido romanzo sul tema della memoria e del necessario oblio, che trasporta il lettore prima in una Britannia post occupazione romana dai connotati fiabeschi, poi nelle pieghe del proprio animo. Il continuo e sapiente miscuglio tra realtà storica e leggenda, tra sequenze narrative e riflessive, tra desiderio, sogno, memoria e introspezione mi induce a definire questo romanzo come il migliore di Ishiguro, anche più bello del -seppur meraviglioso- "Quel che resta del giorno.". Il viaggio dei due protagonisti diventa il viaggio di ogni lettore, le loro domande e i loro dubbi ricalxano quelli di ognuno, la loro destinazione prelude a cìò che potrebbe essere, che sarà per ciascuno.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    18/01/2018 11:47:45

    è l'unico libro di Ishiguro che ho letto e l'ho trovato veramente bello e profondo di lettura scorrevole e avvincente. Io ne consiglierei la lettura.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    12/01/2018 14:54:48

    Anche io, come Carlo e Giancarlo, non sono riuscita a terminare la lettura di questo fantasy. Mi sono bloccata a pag. 70. Leggendo le recensioni, avevo grandi aspettative invece l'ho trovato noioso e poco scorrevole. Insomma, non è riuscito a catturarmi. Mi aspetto molto di più da "Non Lasciarmi" che ho appena acquistato.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    05/01/2018 18:54:14

    Ho come la sensazione che ishiguro tratteggi dei temi, delle emozioni (rabbia, colpa, dolore, lutto, paura, orgoglio ) che restano sepolte, appunto. Mai sviluppate dall'autore né dai protagonisti del libro. Non so se vale un Nobel, mi sembra di aver letto libri più forti, ma vale la pena leggerlo. È particolare a modo suo. Comunque scorre la trama fra questi strani personaggi ( addirittura un cavaliere di Artù ). Dovete leggerlo per farvi la vostra idea. Non è una lettura sprecata.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    24/12/2017 23:09:38

    non sono riuscito ad andare avanti! leggendo le recensioni, il mio sconforto era totale. Finalmente in mio aiuto è arrivato Giancarlo. non riesco a trovare un solo motivo per proseguire nella lettura.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    20/12/2017 21:11:51

    Solo con difficoltà sono riuscito a terminare la lettura di questo noiosissimo romanzo: non si capisce se sia una imitazione della saga di Henry Potter o della Storia Infinita: nulla in confronto di QUEL CHE RESTA DEL GIORNO o di NON LASCIARMI SOLO. Ho deciso di concludere la lettura solo per vedere"come andava a finire" e di solito non è quel che cerco in un libro. Non capisco per nulla le varie recenzioni pubblicate : sono veritiere o sono state scritte dalla Casa editrice per favorire le vendite? Mi verrebbe voglia di rileggerlo, per timore che qualche cosa mi sia sfuggito, ma credo che dedicherò il mio tempo ad altre letture.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    31/10/2017 18:42:19

    Come un vero gioiello, il romanzo è di taglio e caratura eccezionali. L'ambientazione, costantemente slittante fra il reale e l'immaginario, ci introduce in un paesaggio che sembra uscito da dipinti di Vermeer o di Turner, e che nello stesso tempo pare scaturire da sognanti divagazioni della mente. Il fulcro narrativo consiste nella progressiva scoperta e nella rappresentazione del valore della memoria, intesa sia come consapevolezza dell'esistenza di eventi passati, stranamente ma non del tutto sprofondati nell'oblio, sia soprattutto come un nodo imprescindibile che avvince l'Uomo alla propria storia e alla Storia del mondo. Le vicende e l'itinerario dei personaggi - talora figure indistinte che affiorano e poi si rituffano nelle brume (forse reali, forse fantastiche) della Britannia dell'Alto Medioevo - costruiscono una trama emozionante e in alcuni passi solenne; unica e impagabile nella sua originalità. Il fascino intrinseco di questo settimo romanzo di Ishiguro (Premio Nobel per la Letteratura 2017), il suo stile raffinato ma mai artificioso, il lessico inattuale ma del tutto privo di soverchia ricercatezza, lo pongono probabilmente al di sopra di tutti i suoi sei romanzi precedenti e, in ogni caso, ai massimi livelli di invenzione e di scrittura della narrativa contemporanea.

    Leggi di più Riduci