Giorni di gloria... giorni d'amore

For the Boys

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: For the Boys
Regia: Mark Rydell
Paese: Stati Uniti
Anno: 1991
Supporto: DVD
Salvato in 2 liste dei desideri

€ 5,74

Venduto e spedito da Vecosell

Solo 1 prodotto disponibile

+ 4,90 € Spese di spedizione

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 5,25 €)

Due cantanti-fantasisti organizzano spettacoli per le truppe al fronte nella Seconda Guerra Mondiale. Un cronista televisivo insiste affinché i due appaiano in una tresmissione.
  • Produzione: 20th Century Fox Home Entertainment, 2016
  • Distribuzione: Terminal Video
  • Durata: 127 min
  • Lingua audio: Francese (Dolby Surround 2.0 - stereo);Inglese (Dolby Surround 2.0 - stereo);Italiano (Dolby Surround 2.0 - stereo);Spagnolo (Dolby Surround 2.0 - stereo);Tedesco (Dolby Surround 2.0 - stereo)
  • Lingua sottotitoli: Francese; Inglese per non udenti; Italiano; Olandese; Portoghese; Spagnolo; Svedese; Tedesco
  • Formato Schermo: Widescreen
  • Area2
  • Mark Rydell Cover

    Attore e regista statunitense. Esordisce sul grande schermo nel 1956 con una parte secondaria nel dramma sociale Delitto nella strada di D. Siegel e alcuni anni dopo si cimenta nella regia con il letterario ma mediocre dramma psicologico La volpe (1968). Miglior sorte ottengono le pellicole seguenti: il faulkneriano e scanzonato Boon il saccheggiatore (1969) con S. McQueen e l'anomalo western I cowboys (1972) con J. Wayne. Nel 1973 accetta il ruolo del teppista nel drammatico Il lungo addio di R. Altman, ma torna subito dietro la mdp. Gli influssi letterari, i richiami all'America reaganiana, e l'utilizzo di famosi e validi attori hollywoodiani (da H. Fonda a R. Gere) sono caratteristiche presenti anche nei film successivi. Ricordiamo il biografico The Rose (1979) sulla vita della cantante... Approfondisci
  • Bette Midler Cover

    Attrice statunitense. Appassionata interprete blues, figura irruente e gigionesca, icona antidivistica, alterna alle prime apparizioni (The Thorn, 1971, di P. Alexander) disinibite esibizioni nei cabaret gay. Il successo giunge con la viscerale interpretazione della cantante blues Janis Joplin in The Rose (1979) di M. Rydell, mentre il cinema veicola le sue esibizioni musicali scandite da gag irriverenti (Divine Madness!, 1980, di M. Ritchie). Dopo Un giocatore troppo fortunato (1982), noir in parodia dell'ultimo D. Siegel, e una parte di supporto in Su e giù per Beverly Hills (1986) di P. Mazursky, diviene protagonista incontenibile (Per favore, ammazzatemi mia moglie, 1986, di J. Abraham, D. e J. Zucker) e istrionica (Una fortuna sfacciata, 1987, di A. Hiller) della commedia, fino a punte... Approfondisci
  • James Caan Cover

    Attore statunitense. Si fa le ossa in teatro e in tv prima di approdare al cinema con una fugace apparizione in Irma la dolce (1963) di B. Wilder, e subito dopo con un ruolo importante in Un giorno di terrore (1964) di W. Grauman, accanto a O. De Havilland. Fisico atletico, si presenta come interprete ideale per ruoli d'azione come in El Dorado (1967) di H. Hawks o Conto alla rovescia (1968) di R. Altman. È protagonista di Non torno a casa stasera (1969) di F.F. Coppola, in cui si cala perfettamente nel personaggio svanito di un ex giocatore di football, sport da lui stesso praticato. Figura dai tratti somatici vigorosi, affina negli anni la sua recitazione, agli inizi un po' legnosa, e lavora in seguito, come protagonista o come comprimario di rango, in numerosi film, tra i quali Il Padrino... Approfondisci
  • George Segal Cover

    Attore statunitense. L'esordio in Giorni senza fine (1961) di P. Karlson prepara un'intensa stagione prima da comprimario poi come protagonista dal western psicologico (Invito a una sparatoria, 1964, di R. Wilson) al film spionistico (Quiller memorandum, 1966, di M. Anderson). Alla commedia più sincopata ed eccentrica (California Poker, 1974, di R. Altman), alterna prove drammatiche (Loving, gioco crudele, 1970, di I. Kershner) di estrema intensità (Il mio uomo è una canaglia, 1971, di I. Passer). Gli anni '80 e '90, pur densi, sono orientati al serial televisivo o al film-tv (Intrigo a Berlino, 1984, di J. Dearden) e le apparizioni cinematografiche restano marginali (Il rompiscatole, 1996, di B. Stiller). Approfondisci
Note legali