Giorni selvaggi. Una vita sulle onde - William Finnegan - copertina

Giorni selvaggi. Una vita sulle onde

William Finnegan

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: 66th and 2nd
Collana: Vite inattese
Anno edizione: 2016
In commercio dal: 30 giugno 2016
Pagine: 496 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788898970582
Salvato in 134 liste dei desideri

€ 23,75

€ 25,00
(-5%)

Punti Premium: 24

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

Giorni selvaggi. Una vita sulle onde

William Finnegan

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Giorni selvaggi. Una vita sulle onde

William Finnegan

€ 25,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Giorni selvaggi. Una vita sulle onde

William Finnegan

€ 25,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (7 offerte da 24,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Premio Pulitzer 2016 per la Biografia.

Vincitore del William Hill Sports Book of the year 2016


«Il racconto di un surfista in cerca della propria auto-trascendenza. Un capolavoro» - Geoff Dyer, The Guardian

Nessuno era riuscito prima di Finnegan a far incontrare il surf e la letteratura con tanta maestria. In questo modo Thad Ziolkowski, sulle pagine del «New York Times», saluta la pubblicazione di Giorni Selvaggi, il memoir che William Finnegan, acclamato reporter di guerra del New Yorker, ha composto ripercorrendo le tappe di una vita votata a una personalissima sfida al «Dio oceano». Cresciuto in California e poi alle Hawaii, William Finnegan ha iniziato a surfare da bambino. Ha inseguito l’onda perfetta in giro per i cinque continenti, vagabondando dalla Polinesia all’Australia, da Madeira al Sud Africa, dalle Fiji al Perù.

"Le onde sono il tuo campo da gioco sono l’oggetto della tua adorazione e dei tuoi desideri più profondi. Ma allo stesso tempo sono il tuo avversario, il tuo nemico mortale, la tua nemesi."

Giorni selvaggi è il diario di un’ossessione, un racconto incantato che immerge il lettore in un mondo sconosciuto, pericoloso, fatto di cameratismo e amicizie rese immortali dalla comune sfida alle onde. L’infanzia passata fra i libri e un’adolescenza eccessivamente avventurosa, gli scontri fra gang di adolescenti a Honolulu, i tumulti sociali degli anni ’60, le surfate sotto acido sulle onde di Maui, la scoperta del mondo e dei suoi conflitti. Insignito del Premio Pulitzer 2016, Giorni Selvaggi è un romanzo d’avventura d’altri tempi, una autobiografia intellettuale, un road movie letterario e, soprattutto, una straordinaria esplorazione sul continuo perfezionamento richiesto dall’esigente e poco conosciuta arte del surf.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,14
di 5
Totale 7
5
5
4
0
3
1
2
0
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    id

    16/05/2020 16:48:21

    Una storia appassionante anche per chi non ha mai provato a stare in piedi su una tavola. Finnegan è davvero un narratore straordinario. Un libro da leggere e da regalare.

  • User Icon

    Benjamin

    23/09/2018 16:46:39

    Incuriosito da questo breve racconto di uno dei più eclettici e colti scrittori britannici, e attratto dal confronto con l'idea schnizleriana del doppio sogno, ne ho tratto alcune conclusioni. Una, squisitamente letteraria: si tratta di racconto assai riuscito e, per certi versi, inquietante (cinematografico, e infatti cinema fu).

  • User Icon

    Benjamin

    23/09/2018 16:45:45

    Ci sono solo due premi di cui mi fido quando si tratta di consigli di lettura, uno è il Pulitzer l'altro il Booker. Mi chiedevo però come fosse possibile vincere uno di questi due premi con un'autobiografia, per altro l'autobiografia di un giornalista/scrittore. Ma ogni mia perplessità si è dissolta leggendola.

  • User Icon

    Martino

    20/09/2018 09:16:14

    Sono un grande appassionato di sport acquatici soprattutto di Kite, Sup eccetera ...quindi ho acquistato questo libro con entusiasmo e come dice il titolo narra la storia avventurosa e rocambolesca di due ragazzi in giro per il mondo ad inseguire l'onda perfetta.Ho trovato qualche difficoltà a capire alcuni termini tecnici relativo allo sport del surf e qualche difficoltà a mantenere l'attenzione viva durante alcuni tratti del libro. Nel complesso piacevole ma penso che si potessero dire le stesse cose con meno giri di pagine e di parole.Bella la descrizione dei luoghi e delle persone, può essere un ottima guida turistica per surfisti in cerca di spot esotici

  • User Icon

    n.d.

    06/07/2018 13:07:03

    Chinque abbia fatto surf dovrebbe leggere questo libro.\nUna passione che sprona a non mollare anche chi è più avanti con gli anni.

  • User Icon

    rosetta

    06/12/2016 15:36:45

    Non concordo affatto con Massimo, che ha scritto la precedente recensione. Questo libro è davvero affascinante, una ricostruzione perfetta di un mondo difficile da immaginare se non si ha avuto l'occasione di incrociarlo. Una versione oceanica di On the Road assolutamente da leggere.

  • User Icon

    Massimo

    01/09/2016 10:25:33

    Ho acquistato il libro poiché amante del surf e del mare...inutile polpettone senza senso; libro noioso ed inutile... Peccato!!!

Vedi tutte le 7 recensioni cliente

A metà strada tra il Bildungsroman e il romanzo d’avventura d’altri tempi, Giorni Selvaggi è soprattutto il racconto di un’ossessione, un memoir intellettuale sul surf, la testimonianza sincera di come questo sport possa cambiarti la vita: un diario appassionante che immerge il lettore in un mondo sconosciuto, pericoloso, da cavalcare fino all’ultima onda.

William Finnegan, editorialista del New Yorker, è un celebre giornalista che ha realizzato importanti reportage di guerra da ogni  continente; ma questa è soprattutto la storia di Bill, un bambino che a dieci anni inizia a surfare le onde della California per gioco, fino a quando non si trasferisce con la sua famiglia alle Hawaii: è lì che quel passatempo si trasforma nella passione cui dedicare una vita intera.
Con il passare degli anni, Bill non smette mai di inseguire le onde in giro per il mondo vivendo ogni genere di avventura, fino a quando non capisce che è giunto il momento di tornare a casa e lì avrà inizio la sua collaborazione con il New Yorker. Da qui la storia di Bill diventa quella di William il reporter, il quale raggiungerà fama internazionale proprio grazie a un leggendario articolo dedicato al mondo del surf.

Recensione di Vito Corciulo
A cura del Master in Editoria dell’Università degli Studi di Milano in collaborazione con la Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori

Ci sono prospettive del mondo che la maggior parte di noi non potrà mai avere, che sono riservate a pochi. Una di queste è la visione della terra, anzi delle terre (spiagge, dune, promontori, scogliere, ponti, porti e villaggi di tutti e cinque i continenti) dalla cresta di unonda mentre sta per frangersi. William Finnegan è uno scrittore eccelso e un surfista sfrontato: leggere come le due cose si uniscono insieme è emozionante, commovente, illuminante, totalizzante. Il suo memoir (Premio Pulitzer 2016) è uno di quei libri che cambiano la vita, senza che per forza dallaltra parte della pagina ci sia un patito del surf. È richiesta solo una cosa, infatti, per apprezzare questo testo al meglio: sapere cos’è la passione.

Marta

Premessa: questo memoir parla soprattutto di onde. Come si curvano, spingono i corpi, cambiano odore e colore da un luogo a un altro del mondo, dove nascono, come muoiono. Un po’ come per i fiocchi di neve, non ne esistono due uguali. Sopra queste onde galleggia un uomo, in compagnia della sua fidata tavola. La sua vita è stata modellata da queste onde. 
Un po’ brutalmente, Giorni selvaggi si può riassumere così. Quindi: se odiate il mare, e i surfisti come categoria umana – come tutti i cliché, possono essere irritanti, o peggio ridicoli – e preferite piuttosto i titanismi montanari o i vapori lacustri, è meglio se mettete giù subito questo libro e correte a prendere un Mauro Corona d.o.p., o un romanzo di Andrea Vitali.

Ma se ricordate di esservi esaltati quando, da piccoli, avete visto per la prima volta Un mercoledì da leoni o Point Break – due film ambientati in quella società a parte che è l’ambiente dei surfisti, e che i veri surfisti peraltro trovano ridicoli, nella loro inesattezza – e di essere rimasti turbati da quel mix di esotismo/cameratismo/libertà/pelle dorata, mèche naturali/spensieratezza/incoscienza/ generale figaggine, allora Giorni selvaggi è il libro perfetto per la vostra estate.
È stato scritto da una persona che nella vita ha fatto anche altro, oltre a inseguire le onde: autore di cinque libri, staff writer per il New Yorker da molti anni, William Finnegan ha realizzato celebri reportage da ogni continente, occupandosi di guerra civile (in Sudan e Somalia), razzismo (in Sudafrica), povertà (negli Usa), crimine organizzato (in Messico). E prima ancora, più giovane, per sopravvivere ai tempi dei suoi vagabondaggi dietro alle onde, è stato lavapiatti in Australia, frenatore di treni in California, insegnante d’inglese in un ghetto nero di Città del Capo. Con Giorni selvaggi quest’anno ha vinto il Premio Pulitzer per l’autobiografia.

Per i profani, il surf è semplicemente uno sport. Per chi lo pratica, è molto di più: un’arte, una dipendenza, un amore difficile da tradire, che diventa sempre più impegnativo e più pericoloso con il procedere dell’esperienza accumulata. Per il 12enne William, tutto nasce da un evento che per un bambino di solito è traumatico: un trasferimento, e tutto ciò che segue in termini di sradicamento, solitudine ecc. Invece qui è proprio il contrario: per un amante del surf, le Hawaii – il luogo in cui suo padre, produttore tv, ha trovato lavoro – rappresentano la meta in cui prima o poi è obbligatorio andare in pellegrinaggio, come La Mecca per un musulmano o Amsterdam per un fan della marijuana (oggi è il Colorado). “Alla sola idea di vivere alle Hawaii io ero fuori di me dall’eccitazione. Volente o nolente, qualsiasi surfista, qualsiasi lettore di riviste di surf [...] fantastica sempre di trascorrere la sua vita alle Hawaii. E adesso io ero lì, a camminare sulla vera sabbia hawaiana (farinosa, dall’odore sconosciuto), ad assaggiare l’acqua di mare hawaiana (tiepida, dall’odore sconosciuto) e a remare verso le onde hawaiane (piccole, scure, sospinte dal vento). Niente era come me l’ero immaginato”.
I giorni del giovane William sono scanditi dalle lunghe sessioni di surf, prima e dopo la scuola. Ma per un surfista, diventare adulto è qualcosa che avviene lontano dall’acqua: l’apparente improduttività del solcare le onde con una tavola – le lunghe attese, i fugaci, ma potentissimi, momenti in piedi sulla tavola – si concilia poco con le crescenti responsabilità che la vita reale esige: trovare un lavoro, mettere radici in un posto preciso, formare una famiglia. Per seguire le onde bisogna rinunciare a tutto il resto, ed è esattamente quello che fa William, quando, qualche anno dopo – ormai un vero barbaro del surf (il titolo originale è Barbarian Days) – rincorre le onde attraverso mezzo Pacifico, dall’Australia al Madagascar passando per le Figi, Sumatra e Samoa. E le affronta carico di abbondanti dosi di LSD, con i prevedibili rischi e le intense visioni di assoluto che questo binomio – surf e psichedelia – sono in grado ispirare: “Lottai per farmi strada tra la schiuma, contento di avere qualcosa da fare. L’acqua al suo stadio molecolare sembrava meno interessante di prima. [...] Il colore era di un grigio-bianco tenue finché non si alzava un’onda, dopodiché sembrava che si accendessero dei riflettori turchese che illuminavano dall’interno le viscere dell’onda. [...] Sollevai lo sguardo e vidi in alto un soffitto argenteo e spumeggiante. Sembrava che stessi cavalcando un cuscino d’aria. Poi le luci si spensero”.

C’è un rapporto di causa ed effetto da trovare, tra il coming of age sull’acqua che occupa gran parte di questo libro, l’inevitabile ritorno a casa e la scelta di diventare uno scrittore specializzato nel descrivere la realtà nei suoi aspetti più oscuri? Forse è stata proprio l’abitudine ad andare incontro al pericolo (sotto forma di onde), a spingere Finnegan verso le zone del mondo più turbolente – osservare la guerra è un’attività che consuma il fisico e la mente, ma da cui è difficile staccarsi per tornare alla normalità, come racconta Michael Ware nel recente Only the Dead, documentario HBO sui suoi sette tormentosi anni da reporter in Iraq. Se il surf è una dipendenza, come candidamente ammette l’autore di questo libro, qualcosa deve avere a che fare con il tentativo di recuperare quell’intensissimo, irripetibile high iniziale.
O forse si tratta di altro. Forse il surf è soltanto un modo (più cool di altri) per provare sulla pelle il brivido della libertà. Ma Giorni selvaggi ci lascia con una piccola certezza: a volte, il modo migliore per capire il mondo è proprio quello di perdere tempo. Voto 4/5

Recensione di Mario Bonaldi

  • William Finnegan Cover

    Nato nel 1952 a New York, William Finnegan è cresciuto tra la periferia di Los Angeles e le Hawaii e ha conseguito una laurea alla University of California e un master in scrittura creativa alla University of Montana. Dal 1987 è cronista per il «New Yorker», oltre a collaborare con altre riviste, tra cui «Granta», «Harper’s», «The New York Review of Books». Ha compiuto reportage quasi in ogni continente, molti in Africa e in America Centrale, occupandosi soprattutto di politica estera, guerra, razzismo, povertà, crimine organizzato, globalizzazione. Ha pubblicato cinque libri e ricevuto numerosi riconoscimenti, tra cui due Overseas Press Club, ed è stato due volte finalista per il National Magazine Award.... Approfondisci
Note legali