Il giorno che cambiò la seconda guerra mondiale. 6 giugno 1944, lo sbarco in Normandia: le diciannove ore che hanno segnato il destino del mondo - Paolo Ippoliti,John C. McManus - ebook

Il giorno che cambiò la seconda guerra mondiale. 6 giugno 1944, lo sbarco in Normandia: le diciannove ore che hanno segnato il destino del mondo

John C. McManus

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Paolo Ippoliti
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 6,91 MB
Pagine della versione a stampa: 377 p.
  • EAN: 9788822733979

€ 6,99

Punti Premium: 1

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

6 giugno 1944 lo sbarco in Normandia: le diciannove ore che hanno segnato il destino del mondo

La 1ª divisione fanteria dell’esercito americano, sopranno¬ minata “il grande uno rosso” per via del distintivo, si era guadagnata la reputazione di invincibile dopo aver combattuto in nord africa e in Sicilia. Ma è con l’arrivo del fatidico D-day che il suo nome è rimasto per sempre impresso nella storia. Durante lo sbarco sulla spiaggia, costato migliaia di vite, alcuni uomini si distinsero per il loro valore: come il sergente Raymond Strojny, che afferrò un bazooka per affrontare in un combattimento mortale un cannone anticarro; il tecnico Joe Pinder, che sfi dò il fuoco nemico per salvare una radio di importanza cruciale; il tenente John Spalding e il sergente Phil Streczyk, che insieme demolirono una roccaforte tedesca che dominava i punti di approdo degli americani; il sacrificio del Genio Guastatori che sfidò le mine e vide morire più della metà dei suoi compagni. Il libro ripercorre il susseguirsi di quelle imprese, basandosi su una ricca gamma di fonti nuove o recentemente riportate alla luce, per capire a fondo il 6 giugno del 1944: il giorno che ha cambiato la storia.

«L’avvincente racconto della battaglia di Omaha Beach della leggendaria 1ª Divisione Fanteria. L’autore ci ricorda in modo vivido che la libertà non è mai qualcosa di scontato.»
Carlo D’Este, autore di Anzio e la battaglia per Roma

«Sono indeciso su quale sia il punto forte di questo libro: la scrittura magnifica, la straordinaria preparazione storica o le emozioni che l’ultimo capitolo sa suscitare.»
Paul Kennedy, autore di Ascesa e declino delle grandi potenze

«Un libro potente.»
St. Louis Post-Dispatch

«Un racconto di grande coraggio e spirito di sacrificio. Un libro avvincente che non si stacca dal punto
di vista dei soldati.»
Kirkus Reviews



John C. McManus

Professore di Storia militare americana, autore di libri di storia militare, è uno dei massimi esperti dello sbarco in Normandia e attualmente è lo storico ufficiale del Seventh Infantry Regiment degli Stati Uniti d’America. Il giorno che cambiò la seconda guerra mondiale è il suo primo libro pubblicato in Italia.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4
di 5
Totale 2
5
1
4
0
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    PaoloU

    21/09/2019 16:22:40

    Lo sbarco in Normandia del 6 giugno 1944 raccontato dai soldati della prima divisione americana (The Big Red One). Un omaggio dovuto ai soldati presenti a Omaha, ma è un saggio che non va al di là del racconto dettagliato degli eventi del D-Day con i nomi e i numeri di reparto dei protagonisti. Traduzione approssimativa e non accurata; cartine troppo piccole e non esaurienti.

  • User Icon

    domenico bosco

    17/07/2019 14:38:13

    È un peccato che un autore di questo calibro sia poco conosciuto in Italia è che questa sia la sua unica opera tradotta,Pur essendo piuttosto giovane,(54 anni) dimostra una competenza, una capacità di analisi dei documenti ed una sensibilità nella raccolta delle testimonianze che lo mettono sullo stesso livello di altri grandi storici più noti ed affermati ( Hastings, Beeavor, Ambrose, Ryan) i cui testi sono riconosciuti come riferimenti importanti sull’argomento in esame. Concentrato quasi esclusivamente sulle gesta della prima divisione di fanteria americana, il grande 1 rosso, racconta soprattutto storie di giovani uomini di fronte ad un’esperienza di combattimento riassumibile in un mix di emozioni,orrore, coraggio,senso del dovere, paura,lealtà eroismo e smarrimento che accompagna ogni istante della giornata dei soldati sulla spiaggia di Omaha in Normandia Perfetta la sequenza dei capitoli nei quali,lo sviluppo degli eventi, dalle prime tragiche ore dello sbarco fino al consolidamento della testa di ponte, si intreccia con le azioni dei numerosi protagonisti che vissero in prima persona le fasi della battaglia.La scrittura efficace permette una lettura scorrevole.Le argomentazioni storiche di accompagnano a notevoli spunti di riflessione interessanti anche per il lettore meno esperto.Da leggere senza dubbio

Note legali