Giovanissimi - Alessio Forgione - copertina

Giovanissimi

Alessio Forgione

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: NN Editore
Collana: La stagione
Anno edizione: 2020
In commercio dal: 23 gennaio 2020
Pagine: 219 p., Brossura
  • EAN: 9788894938562
Salvato in 178 liste dei desideri

€ 13,60

€ 16,00
(-15%)

Punti Premium: 14

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

Giovanissimi

Alessio Forgione

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Giovanissimi

Alessio Forgione

€ 16,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Giovanissimi

Alessio Forgione

€ 16,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (8 offerte da 15,22 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Nella dozzina del Premio Strega 2020

Dopo l’esordio con Napoli mon amour, Alessio Forgione torna con un romanzo di prime volte, e ci racconta un mondo di ragazzini che crescono da soli,tra desideri di grandezza e delusioni repentine, piccoli crimini e grandi violenze, in attesa di scorgere il varco che conduce all’età adulta.

«Per immergersi in un romanzo di formazione maschile» - Cosmopolitan

«In questa seconda prova Alessio Forgionr dà mostra di maggiore maturità stilistica e narrativa» - Gaetano Moraca, Style

«Rispetto a Napoli mon amour, questo Giovanissimi è un romanzo affidato a una scrittura insieme più tesa ma anche più sciolta, e costruito con maggior compattezza» - Ermanno Paccagnini, La Lettura

Marocco ha quattordici anni e vive con il padre a Soccavo, un quartiere di Napoli. La madre li ha abbandonati qualche anno prima, senza dare più notizie di sé, e lui vive quell’assenza come una ferita aperta, un dolore sordo che non dà pace. Frequenta il liceo con pessimi risultati e le sue giornate ruotano attorno agli allenamenti e alle trasferte: insieme a Gioiello, Fusco e Petrone è infatti una giovane promessa del calcio, ma nemmeno le vittorie sul campo riescono a placare la rabbia e il senso di vuoto che prova dentro. Finché non accadono due cose: l’arrivo di Serena, che gli porta un amore acerbo e magnifico, e la proposta di Lunno, il suo amico più caro, che mette in discussione tutte le sue certezze.
Questo libro è per il primo uomo che è stato davvero sulla Luna, per chi sogna un’estate su una spiaggia solitaria, per chi infilava Dylan Dog nei libri di scuola fingendo di studiare, e per chi ha capito che l’amore, quando si presenta, rischia di trasformarci in nuvole: piccole forme delicate, semplici da distruggere.

Proposto per il Premio Strega 2020 da Lisa Ginzburg: «Un secondo romanzo (dopo "Napoli mon amour") di sorprendente compattezza stilistica. Un ritratto malinconico e intenso dell'età che precede la giovinezza e la piena definizione di se stessi. Una vicenda tra goliardia un po' sbruffona di giovani aspiranti calciatori e tristezza del coabitare di un figlio e un padre dopo che la madre è andata via. Tra amicizie leali e traditrici insieme, l'emozione dirompente di un primo innamoramento, il disincanto amaro dell'"arte di arrangiarsi" in una periferia di Napoli, Soccavo, con le sue strade erte di trappole e lontane da ogni stereotipata bellezza del golfo poco lontano. Romanzo/silloge delle regole più feroci che ritmano l'ingresso all'età adulta: storia la cui potenza risiede nello sguardo e la voce di un protagonista che occupatissimo a decifrare se stesso, trova spazio tuttavia per far parlare ciascuno. Con quella empatia autentica che è intimamente connaturata solo ai veri scrittori.»

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,24
di 5
Totale 131
5
58
4
55
3
14
2
0
1
4
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    LEOPOLDO ROMAN

    15/10/2020 16:38:53

    E’ la storia di un anno della vita di Marco, detto Marocco, vissuto molto pericolosamente nella spensieratezza e nella spericolatezza di un giovane napoletano di 14 anni, al primo anno di liceo con una forte avversione al latino, alla ricerca di tutto: l’amore della mamma che lo ha abbandonato, l’amore vero di Serena, un rapporto di responsabilità con il padre che lo ha cresciuto da solo, il brivido dell’effimero facendosi canne con gli amici, il successo sportivo giocando a calcio, la maturità. Insomma, il classico romanzo di formazione, abbastanza scontato nella conclusione, con tutti gli ingredienti per strappare qualche lacrima, ma con una monotonia narrativa a volte anche troppo ripetitiva, tanto che non mi sentirei di consigliarne la lettura ad un amico. La scrittura è ricercata e scorrevole, ma la trama è deboluccia. Ci sono personaggi interessanti quali l’allenatore della squadra di calcio o l’insegnante di latino, decisamente interessanti, sui quali l’autore poteva soffermarsi di più, come anche sul rapporto del padre, abbandonato dalla moglie cinque anni prima, con la mamma dell’amico Petrone, al quale dedica l’incipit del romanzo. Con questa lettura mi aspettavo anche un’immersione nella Napoli dei vicoli stregati ed imprevedibili e nei suoi quartieri emarginati ed inestricabili. L’ambientazione ovviamente c’è, ma non centrale nella storia.

  • User Icon

    xR

    06/07/2020 20:56:45

    Bellissimo. Racconta le difficoltà di un ragazzino quattordicenne che cresce in una Napoli inospitale in cui risulta estremamente facile imboccare la classica "cattiva strada". Un rapporto travagliato col padre, la madre che lo ha abbandonato da un giorno all'altro e il sogno di diventare un calciatore di talento. Decisamente super consigliato, non metto 5 stelle perché ho trovato lo stile di scrittura poco fluido e a volte un po' sconnesso.

  • User Icon

    Ilaria

    19/06/2020 15:15:38

    Una formazione un po’ tragica quella del protagonista di queste pagine ragazzi sfortunati x lo più di buoni sentimenti che cercano di crescere in un quartiere difficile della bella e intensa Napoli. E quello che mi è proprio mancato è la napolitanieta non ho assaporato i colori dei vicoli partenopei nei vicoli descritti i personaggi sono malinconici e tristi.Belle le scelte narrative e stilistiche non è un banale romanzo di formazione ma forse vista la mia lontananza anagrafica dalle vicende narrate non mi ha fatto assaporare fino in fondo la sincerità dei personaggi che ho trovato veri nelle descrizioni quotidiane e un po’ costruite negli avvenimenti degni di nota del romanzo.Terrò’ sicuramente d’occhio questo autore

  • User Icon

    Giulia

    08/06/2020 21:34:28

    Un buon romanzo di formazione scritto con una grande attenzione ad adeguare lo stile alla situazione popolare in cui vive il protagonista. Copertina 3 Storia 4 Stile 3

  • User Icon

    Gianluca

    08/06/2020 21:04:24

    Libro semplicemente meraviglioso. Nella storia raccontata dall'autore ci si può immedesimare in più punti in base alle proprie vite e alle proprie esperienze. È davvero bello, soprattutto per i giovanissimi in quanto è incentrato sul loro stile di vita e da quindi modo di capire come comportarsi e come vivere certe "prime volte". Una specie di compagno di viaggio per loro, quasi un diario. Inoltre è utile anche per i meno giovani, che magari hanno dimenticato ciò che si prova in quei momenti che tutti hanno vissuto, e che l'autore ha descritto perfettamente, permettendo quindi di essere più vicini ai propri figli e al loro mondo. Complimenti! Gianluca. Copertina: 5 Storia: 5 Stile: 5

  • User Icon

    Antonia

    08/06/2020 18:12:02

    Dopo aver apprezzato Napoli mon amour, sono contenta di aver potuto fare lo stesso con Giovanissimi. Partendo da un quartiere napoletano, che tra l’altro conosco bene, si snodano vicende di rabbia, di rifiuto, di accettazione, al centro delle quali c’è il quattordicenne Marocco. Mi sono ritrovata nella solitudine di questa giovane promessa del calcio, nel suo amore vissuto con ansia del futuro e con paura dei sentimenti propri e altrui. Forgione ha ritratto in maniera appassionante la storia apparentemente semplice di un ragazzo dalla vita complessa, che è cresciuto con il padre in un contesto difficile e disagiato, e che vive costantemente l’assenza della madre prima con speranza, poi con rassegnazione (“non c’era traccia di mia madre in quella stanza come nel resto delle nostre vite”). Copertina: 5. Storia: 5. Stile: 4.

  • User Icon

    KAT

    08/06/2020 16:00:54

    Libro meraviglioso, degno dei grandi romanzi di formazione, del calibro dell'amica geniale.I personaggi vivono con te, soffrono con te, si innamorano con te. Un grazie speciale all'editore che non ho mai mancato di ringraziare personalmente per la scelta dei capolavori, la cura nei dettagli nella stampa (segnalibro del titolo e cartolina dell'uscita successiva compresi) e la bellissima pagina Facebook di promozione del suo lavoro. (Ancora) Piccoli, ma cazzuti. COPERTINA: 5, STILE:5, STORIA:5

  • User Icon

    Milu'

    08/06/2020 15:18:49

    Scendono in campo i "Giovanissimi" di Alessio Forgione. Il giocatore playmaker: Marco, detto Marocco, per via della pelle scura e dei capelli ribelli, ha 14 anni, vive a Napoli, è inquieto e fa i conti con le prime volte, alcune bellissime, altre non proprio. La madre ha abbandonato lui e suo padre e lui vive l'assenza come una ferita aperta, un dolore che non gli da pace. La sacralità dello spogliatoio: I Giovanissimi che crescono da soli con i desideri di grandezza e le delusioni repentine, i piccoli crimini e le grandi violenze, in attesa di entrare nel mondo degli adulti. La tattica di gioco: tra rovesciate, cross, tiri in porta, corner e marcature...arriva l'allenatore Forgione che non fa sconti a nessuno, non ha paura di raccontare la realtà così com'è fatta. Campo di gioco: Nel quartiere sregolato di Soccavo, luogo di passaggio impenetrabile, piazza di spaccio, dal sapore della periferia irriverente e dai colori del sobborgo degradato. La sfida di gioco: è amara, non lascia scampo, davanti alla vita vera, soccombiamo tutti, ognuno a modo suo e c'è poco da fare, se non viverla pensando di dedidere tutto, anche se si è consapevoli che non si deciderà nulla. Il gol più bello: è quello di Giovanissimi che rappresenta con la potenza delle parole sposate con lo stile diretto, la possibilità di Colpirti. I messaggi che ci si porta dentro: "se volete vincere, dovete continuare a lottare..."non tanto quello che ricevi ma quello che dai è importante..."il rispetto è la sola cosa che conta...E' molto poetico, Forgione, quando dice: "l'amore quando si presenta rischia di trasformarsi in nuvole: piccole forme delicate e semplici da distruggere". Una chicca da non perdere: le citazioni di Baglioni e Battiato. Le mie preferite sono "Strada facendo troverai..." e "Il mio maestrò mi insegno' com'è difficile trovare l'alba dentro l'imbrunire." Con "Giovanissimi" Forgione ha fatto Gol!. Copertina 5, Storia 5, Stile 5.

  • User Icon

    Elena

    08/06/2020 10:12:01

    In questo libro seguiamo le vicende di un giovane quattordicenne di nome Marco -chiamato ironicamente “Marocco” dagli amici- nella trivialità dei gesti e dei rituali quotidiani: frequenta la scuola ma non studia (si potrebbe dire che a Marocco non interessa la scuola e alla scuola non interessa di Marocco) e fa parte di una squadra di calcio, i “giovanissimi”, ma neanche questa è la sua passione. Marco, infatti, nasconde i suoi veri interessi e si lascia trascinare in un’esistenza vuota e priva di colore. Questo accade finché non entra in scena Serena: il suo arrivo colora il mondo di Marco, che finalmente sembra sperimentare la felicità e la potenzialità dei sentimenti, i quali permettono di abbandonarsi all’altro e, fondamentalmente, di rischiare di essere feriti. Il protagonista, infatti, porta dentro di sé un dolore immenso causato dall’abbandono della madre, un evento che lo ha reso schivo e restio a instaurare relazioni sincere con gli altri. Il senso di vuoto è un elemento che si percepisce in ogni pagina e non riguarda solo Marocco ma anche i suoi amici, rappresentati come ragazzi disillusi e apatici. Ebbene, Serena riesce a colmare il vuoto che Marco sente dentro di sé, quel vuoto causato dall’assenza materna e dal suo abbandono. Si tratta di un romanzo di formazione in quanto racconta di una precisa fase della vita di Marocco e dei suoi amici e della loro crescita ed evoluzione: tutti loro, infatti, cambiano, maturano e nessun personaggio finisce la storia così come l’ha cominciata. Potremmo dire che la storia si evolve e assieme a lei i personaggi oppure che sono proprio loro a farla evolvere. Un particolare che ho apprezzato è che in questo libro la scuola è dipinta in modo molto diverso rispetto a come siamo abituati: i professori non si interessano degli alunni e del loro futuro, sono distanti, freddi, persino scorbutici. Ho apprezzato questa sincerità da parte dell’autore e questo punto di vista alternativo. Copertina: 5 Storia: 4 Stile: 5

  • User Icon

    Francesca

    08/06/2020 10:06:57

    Forgione si era già mostrato tra i giovani autori italiani più convincenti con il suo esordio e con questo secondo romanzo si conferma tale. L'ambientazione è sempre Napoli e il racconto è quello di un mondo di adolescenti soli ma determinati che inseguono, come il protagonista, il loro sogno. Copertina: 5 Storia: 5 Stile: 5

  • User Icon

    Manuela

    08/06/2020 09:47:50

    Libro sempre attuale che racconta la vita di un ragazzo di 14 anni rimasto solo con il padre ad affrontare i problemi giornalieri poiché la madre li ha abbandonati entrambi. Ed è difficile camminare da solo, il padre non gli mostra molto affetto, ma cerca almeno di tutelarlo dalle brutte compagnie che sono sempre in agguato, a spronarlo ad andare a scuola e farsi una cultura. Giovanissimi è il periodo migliore della nostra esistenza ma anche quello più problematico.

  • User Icon

    Gianluca Cannillo

    08/06/2020 08:11:27

    "Giovanissimi" di Forgione è stato un fresco bicchiere d'acqua da bere tutto d'un sorso. Forse un po' più forte di un bicchiere d'acqua, forse una bevanda più intensa, forse caffè amaro, capace di metterti in piedi di prima mattina. La giovinezza in questo romanzo scorre impetuosamente impietosa: è una pioggia torrenziale, un fiume in piena, una valanga, una spirale che si avvolge su se stessa come le spire di un serpente. Dalla giovinezza non si esce se non scossi. È l'età difficile quella di Marocco, è l'età prima, quella delle prime esperienze e delle prime scelte consapevoli. È l'età in cui spesso poniamo le basi della nostra frustrazione adulta, quella che spesso rifiutiamo per gli errori commessi, ma forse quella in cui maggiormente ci sentiamo vivi, non determinati, non finiti. Forgione questo lo sottolinea con grande stile: è l'eta in cui tutto è ancora possibile e tutto ancora lecito perché siamo inesperti del mondo, storditi, ancora per poco, dalle tempeste che abbiamo dentro, non ancora stanchi del tempo quotidiano. "Giovanissimi" è un nuovo romanzo di formazione per i giovani di oggi, una prosa ben strutturata, ma lineare, avvincente e sostenuta. Una trama complessa, ma realizzabile. Copertina: 5 Storia: 5 Stile: 4

  • User Icon

    Maria Rosaria

    08/06/2020 01:57:21

    Giovanissimi è più di un romanzo di formazione e Marco è più della semplice allegoria dell’adolescente tormentato. Questo libro non cerca definizioni e così nemmeno i personaggi al suo interno. Forse però, se proprio bisognasse trovare un esempio, le parole di Forgione sarebbero descrivibili come uno di quei pensieri che scrivi sul quaderno e non fai leggere a nessuno o come una confessione sussurrata all’orecchio del tuo migliore amico. Sono pagine gridate silenziosamente che tentano di trasmettere una sofferenza tacita e composta, che non esige una comprensione univoca, poiché la capacità di arrivare anche solo ad un singolo individuo sarebbe probabilmente sufficiente. In un quartiere di Napoli Marco, anche detto “Marocco”, ci racconta la sua quotidianità di ragazzo, divisa tra amici, droga, famiglia, futuro e, forse più di tutto, amore, quello perduto e quello ricevuto inaspettatamente ma, infondo, disperatamente desiderato. La sua vita ci dimostra come spesso l’esistenza ci plasmi ancora prima di formarci, ci distorga le speranze, i sogni, cambi le nostre prospettive di vita, le nostre priorità. Lungi dal pensare che il dolore ci faccia crescere e imparare a vivere, continuiamo imperterriti a sbagliare, dibattendoci quotidianamente tra le infinite possibilità che abbiamo di vivere. Come quelle che si presentano tutti i giorni al protagonista. Ma alla sua età quanto è facile perdersi tra le righe e voler essere tutto e niente. In poco più di 200 pagine, viviamo uno scorcio tremendamente realistico dell’ adolescenza, della ricerca personale, dei sogni, delle aspettative, delle speranze, di chi la vita ancora deve viversela tutta. Alla fine avremo sempre le stesse domande e gli stessi dubbi dell’inizio, non sapremo comunque come affrontare il futuro, ma ci basterà sfogliare nuovamente questo libro per sentirci subito meno soli, perché ogni volta troveremo un amico pronto a rincuorarci e dirci “Anch’io mi sento così.”. Copertina: 3 | Storia: 4 | Stile: 5

  • User Icon

    Daniele

    07/06/2020 20:46:22

    G igantesco è il tuffo con cui Forgione ci trascina nel mondo adolescenziale. I n un turbinio di esperienze e sensazioni, il giovane Marocco si appresta a diventare un uomo. O ccupato, distratto dai suoi “affari”, dal calcio, riesce quasi a non pensare alla mamma, però la V ede, non materialmente, ma la vede, la avverte. Non può farne a meno. Marocco è costretto A crescere con suo padre, due abbandonati. Ma se la vita del padre ha incontrato un muro, la sua N o, è giovane, giovanissimo, il futuro lo aspetta e la speranza è lì, scorre nelle sue vene. I nsieme si cresce, si fanno nuove e meravigliose S coperte, i ragazzi cambiano, maturano, evolvono con impeto, l’impeto inarrestabile della vita. S erena: è lei la chiave di tutto, la ragione naturale che schiude il bozzolo e dà I nizio a un capitolo nuovo, M entre il passato, ormai elaborato, metabolizzato, rimane alle spalle I ncitando l’uomo che nasce, consapevole e vigoroso, a vivere intensamente, senza ripensamenti, perché basta poco per farsi male e finire tutto. Quello che ci resta, allora, è prenderla a morsi, la vita, finché possiamo. Copertina: 3 Storia: 5 Stile: 4

  • User Icon

    SusannaDocet

    07/06/2020 20:38:04

    Finalmente, un romanzo di formazione in cui vediamo uno spaccato della vita adolescenziale di un gruppo di quattordicenni che “mordono la vita”; hanno sogni, speranze e tanta voglia di vivere e sentirsi vivi. Marco, per gli amici “Marocco” è il protagonista di “Giovanissimi” e purtroppo ciò di cui parla non è mera finzione letteraria, ma una realtà che non solo vive a pelle ma che esiste anche sul piano reale. Marco “sopravvive” nella periferia di un quartiere napoletano e la vita non è così rosea come si crede, neanche in un romanzo. Il ragazzo vive la vita borderline con i suoi amici di rione mentre dentro il petto porta un vuoto causato dall’abbandono da parte di sua madre; una ferita così inguaribile che lo porta a vivere con distacco la scuola e le relazioni umane. Niente si salva a quel dolore sordo che gli invade il cuore. In questa “prima parte” della storia vediamo la ricerca di un lessico duro, rude e frasi spezzati che ricreano il disagio interiore di Marco. Dopo, con la comparsa di Serena si può parlare di “seconda parte”, difatti, il registro cambia: i periodi sono più lunghi, il lessico è meno severo; si potrebbe parlare di lettura a colori tanto i toni erano foschi prima della comparsa di lei. Serena, un nome che va al di là dello stesso personaggio, spinge Marco a rompere il tabù sugli affetti. Marco credeva di poter concedere il suo affetto solo alla madre, per quanto riguarda i sentimenti verso il gentil sesso. La ragazza lo porta a riconsiderare questa intuizione tutta interiore che Marco possiede e che non riesce a mettere bene a fuoco, ma la percepisce. In questo marasma confuso dei sentimenti; lei, come la “Clizia” di Montale (quella del ’39), guiderà Marco fino a insegnarli come è possibile riempire quel vuoto nel petto: col suo amore. La storia è molto attuale e a renderla ancora più verosimile ci sono i colpi di scena, le tragedie e gli imprevisti che sono propri della quotidianità. COPERTINA 1, STORIA:4, STILE:3.

  • User Icon

    Aleale

    07/06/2020 18:52:44

    Copertina: 5 Storia: 5 Stile: 4 Il libro delle prime volte: il primo bacio, il primo toccarsi, la prima birra, il primo petardo fumato, le prime reazioni fuori controllo, la morte. . Giovanissimi, sommersi da vuoti, domande, certezze che crollano, presi da pericolose frenesie, ma che in cuor loro sperano che quel "ciao" non sia sempre un "addio", che si può essere lasciati per diventate "possibilità di qualcun altro". Giovani che ho amato, con i quali ho pianto, trattenuto il respiro, atteso i ritorni e ascoltato silenzi senza fine.

  • User Icon

    Virgi

    07/06/2020 18:44:14

    Rifiuto, Rabbia, Patteggiamento, Depressione e Accettazione, sono le cinque fasi che il protagonista di "Giovanissimi" attraversa durante la sua adolescenza e lo fa relegandosi in una totale contraddizione: vivere sperando in un futuro migliore, ma apprestandosi ad affrontare un presente pericoloso e spesso infelice. "Giovanissimi" è un romanzo che ti prende per mano e che ti convince pian piano a seguire la sua storia, che all'inizio si svolge in maniera lenta, dandoti la sensazione di un film già visto. Poi, però, ti attira a sé e non ti lascia più andare, fino a quando non ti resta che trattenere il fiato e goderti il sorprendente finale. COPERTINA: 5 STORIA: 5 STILE: 5

  • User Icon

    Anto

    07/06/2020 18:39:22

    Consigliato per gli amanti dei romanzi che toccano corde profonde, per chi ama le storie brevi ma intense, per chi vuole tornare ragazzino per un po’. Giovanissimi però non è una favola, proprio come nella vita accadono avvenimenti ingiusti, inspiegabili, dolorosi. Copertina 4, stile 5, storia 4

  • User Icon

    Vladi Spagnolo

    07/06/2020 15:14:19

    Scelta istintiva, senza conoscere la storia. Solo l'impatto dell'immagine di copertina. Sono tornato per un istante indietro, ho ritrovato Pasolini nella mia memoria, ho pensato che avesse scritto ancora. Ma... è evidente, non poteva essere. Di che parla questo libro? Di com’è crescere solo con il padre forse, crescere solo tra uomini, di com’è vivere a Napoli. Parla del calcio giovanile… eh sì… perché Marocco va forte quando imposta il gioco, specie se c’è Gioiello a ricevere il pallone. Già, Gioiello, brutta storia. Di sicuro non è un romanzo, per lo meno a me viene difficile definirlo così. È così vero così reale. Niente sembra creato o inventato dall’autore, tutto scorre lento e vero, senza un motivo, solo perché va così. Storie semplici, emozioni di ragazzi, ma anche i grandi ce l’hanno la paura. La paura che la tua donna vada via di casa e non torni più, la paura che tuo figlio si faccia male o che la sua vita coli a picco come la tua. È un libro trasparente, è acqua che scorre e ci vedi attraverso. È bello perché non spiega nulla, lo leggi e… bam… in un attimo tutto è finito. Gioiello, Fusco, Lunno, tutto finito tutto passato. E anche Serena passerà prima o poi. Copertina: 5 Storia: 5 Stile: 4

  • User Icon

    Francesco Merra

    07/06/2020 13:56:12

    Tra i ringraziamenti in chiusura del romanzo figurano, oltre parenti ed amici, due città: “Ringrazio Londra, a volte. Napoli, sempre”. Forgione narra la città partenopea attraverso frammenti di realtà quotidiana dei suoi protagonisti, delineando una Napoli-scuola di vita di ragazzi nel fulcro dell’età più potente e, forse, più controversa. L’adolescenza, infatti, ha in serbo molte cose per Marco: giornate trascorse per i vicoli della città, rincorrendo un pallone così come si rincorre la felicità e il desiderio di non pensare ad altro, di non pensare alle punizioni né ai rigori che la vita è pronta ad infliggere ai suoi nuovi giocatori. Marco ed i suoi amici non vogliono essere adolescenti. Bramano una barba virile, un petto villoso: desiderano una manifestazione di quella maturità tanto ambita che li aiuti a conquistare gli sguardi delle ragazze. Eppure, dietro il candore puerile di Marco si nasconde un evento assillante, una sofferenza che non trova sollievo e che condiziona con furore i suoi giorni: l'assenza della madre. James Russel Lowell era dell’idea che le ginocchia di una madre fossero la migliore scuola. Cosa accade, però, quando non si può far conto su un pilastro fondamentale come un genitore? Ecco che lo smarrimento di Marco si riversa nella scuola degli angoli bui di Napoli, dove regna lo spaccio, e non basterà un motorino per scappare da questa realtà soffocante. Servirà l’amore. Questo romanzo di formazione narra in prima persona il percorso di ragazzi di strada verso la felicità contro ogni avversità, come suggerivano i latini. Sarà un amore in particolare che aiuterà Marco a colmare una scuola d’insegnamenti e di amorevole affetto materno mai ricevuti, in un vortice di emozioni e stati d’animo altalenanti dipinti da Forgione con marcato impressionismo verbale. E sarà la giovinezza ad accendere questi giovani, giovanissimi uomini, spingendoli ad affrontare la realtà con la speranza di chi vuole cambiarla. COPERTINA: 5 STORIA: 5 STILE: 4

Vedi tutte le 131 recensioni cliente

Entriamo nella periferia di Napoli, i ragazzi bazzicano per le strade, gli adulti lavorano per portare qualche soldo a casa e mantenere in piedi famiglie traballanti, a volte riuscendoci e altre no. I giovanissimi s’incontrano nelle sale giochi, fumano erba e provano l’alcol, palleggiano nei campi e improvvisano tornei di calcetto. Poi c’è chi gioca a calcio davvero, come Marocco, che a quattordici anni va a scuola solo perché deve, mentre la sua mente è proiettata sul pallone, le sue promesse, la squadra, ma anche gli amici, il motorino che non ha, la bellezza della figlia del tabaccaio, i fumetti di Dylan Dog e le notizie sugli extraterrestri.
Tutto quell’insieme di piccolezze che fanno parte della vita come tessere più o meno importanti di un puzzle molto più grande, ma che nella narrazione di Forgione 
diventano semplicemente il tutto, perché nell’attimo in cui si vive un’esperienza, per quanto secondaria possa essere, questa ci appare sempre come qualcosa di totale.

Dopo il successo di Napoli mon amourAlessio Forgione torna a raccontare la sua amata Napoli in un atipico racconto di formazione, in cui la crescita non è radicale, non si conclude tra le pagine del romanzo, ma prosegue lentamente tra alti e bassi. Non è più quindi il mondo incerto e avvilente dei trentenni disoccupati a essere messo alla gogna, com’era stato a suo tempo in Napoli mon amour, ma quello rabbioso e insofferente degli adolescenti di periferia.

L’autore mette a nudo con incredibile realismo e verosimiglianza l’animo di un quattordicenne, soprannominato dagli amici Marocco, nelle cinque fasi che segnano il suo primo anno di liceo: rifiuto, rabbia, patteggiamento, depressione e accettazione. Una parabola che in realtà non segue un andamento lineare, ma vacilla tra momenti di odio e altri di serenità, tra la rabbia dell’adolescente avvilito dalla vita e la felicità di chi prova nuove esperienze, tra l’entusiasmo dell’amore e la paura della morte.

Marocco non è in grado di stabilire una gerarchia d’importanza tra gli elementi che compongono la sua vita, ciascuno dei quali assume rilievo solo fino a quando ci si rapporta fisicamente e concretamente, oppure quando gli ritorna alla mente come un’epifania imprevedibile. Ecco allora che il trauma dell’abbandono della madre, uno dei più grandi drammi di Marocco, ricompare come un fantasma in momenti casuali della storia, richiamato da una parola o da un dettaglio solo vagamente connesso al suo ricordo. Allo stesso modo diversi eventi rilevanti e dal forte impatto emotivo esplodono in un caos di sensazioni, parole e gesti, per poi lasciare presto spazio a considerazioni e momenti molto meno incisivi, quasi insignificanti. Verranno richiamati solo di sfuggita negli atteggiamenti delle persone che ne sono rimasti più colpiti, ma per Marocco si tratta spesso solo di istantanee dolorose dell’esistenza, che capitano dal nulla e nel nulla ritornano.

La vita funziona così, con un susseguirsi di emozioni ed eventi che assumono e perdono importanza a seconda del momento. E poi c’è il peso della casualità, un fantasma che può far girare la ruota della fortuna nelle direzioni più imprevedibili. La storia di Marocco è fatta di scelte e di casualità, di decisioni ponderate o prese di getto, di eventi incontrollabili e scelte razionali. La narrazione non segue mai un percorso lineare, non ha un punto d’arrivo né un vero inizio: comincia in un momento qualsiasi della vita di Marocco e prosegue raccontando la sua adolescenza altalenante in modo sempre estremamente realistico, con eventi marginali che diventano rilevanti ed eventi rilevanti che si riducono a elementi marginali, tra casualità incontrollabili e scelte che non portano a nulla, sbagli che non vengono puniti e speranze che non vengono premiate.

L’unico perno attorno a cui ruota questa pluralità di elementi è la prospettiva sempre centrale di Marocco, in cui si alimentano costantemente sensazioni rabbiose, a tratti depresse, qualche volta entusiaste, che plasmano gli eventi secondo percezioni tutt’altro che imparziali. In Marocco brucia l’animo lunatico di un adolescente, che cova emozioni incontrollabili e non prova mai a guardare oltre il proprio presente, come se il futuro fosse semplicemente troppo lontano per preoccuparsene.

La scrittura sporca permette di entrare ulteriormente nella mente del protagonista e guardare il mondo dal suo punto di vista, seguendo un flusso di pensieri che raramente si focalizza abbastanza a lungo su un singolo elemento, spesso sorvolando su quelli importanti e focalizzandosi su aspetti marginali.

In Giovanissimi, Forgione riesce a fare proprio un tema tutto sommato molto diffuso come il racconto di formazione nella periferia urbana del secolo scorso, conferendogli  però un’autenticità e una freschezza spontanea, così naturale che il lettore non mette mai in dubbio di star guardando il mondo dal punto di vista di Marocco – un ragazzo rabbioso, insicuro, volubile e sincero. In altri termini: vero.

Recensione di Anja Boato

I vincitori del concorso "Caccia allo Strega" 2020

Stefano

Esiste un’età che profuma di desideri e sogni nel cassetto, che ha il sapore di amare sconfitte e di ferite che bruciano il doppio, che ha il colore accecante delle prime volte. Esiste un’età in cui non si è bambini e non si è adulti, in cui il mondo è tutto da scartare. È l’epoca dei GIOVANISSIMI di Alessio Forgione ,dimenticati dalle famiglie e trascurati dal mondo. È il tempo di Marocco, abbandonato dalla madre, diviso tra le partite di calcio, i suoi amici, e i crimini, alcuni innocenti altri un po’ meno. Ci porta a Napoli e ci fa sentire i rumori di un quartiere sregolato, i sapori di una periferia irriverente e i colori di un sobborgo degradato. Marocco è figlio di queste strade e tra furti e delinquenza si è fatto le ossa, ma con i suoi compagni di avventure e disavventure sognare il domani fa meno paura. Lo intravediamo tra le strade di Soccova, a smerciare droga e a ricercare ciò che ha perso: se stesso. Lo vediamo combattere tra il desiderio di diventare adulto e la paura di perdere quell'età in cui tutto profuma di novità. Lo accompagniamo in questo viaggio che è “attesa inconsapevole” fino all'arrivo di Serena. E anche quando l’amore vorrebbe curare ogni ferita, l’assenza, il vuoto e la perdita ritornano a galla trascinati da una pericolosa e instancabile corrente di risacca. Sono pagine cariche di emozione pensate e confezionate per chi, come Marocco,ha perso nel buio la luce di un sorriso amato, per chi ha dimenticato il suono di una voce, per chi ha imparato a temere anche il calore di un abbraccio o una carezza. Eppure questo atipico eroe è li per ricordarci che l’amore è un salto nel vuoto, e che ogni persona che sfiora le nostre vite è “un’ulteriore possibilità”. Serena lo è per lui. Marocco forse può esserlo per noi. Dalle sue parole impareremo che anche il silenzio sa parlare, con il suo sguardo scopriremo che cadere fa male ma finché “andiamo giù siamo comunque vivi”. Copertina 4 Stile 5 Storia 4

cratata

L’adolescenza come palestra di vita, dove ci si trova e ci si perde continuamente. “Giovanissimi” è un romanzo di formazione in cui Marocco, il protagonista, sogna un futuro da calciatore, ma vive un “qui ed ora” di deprivazione. Lo stile diretto e incisivo di Forgione ci fa entrare nel corpo di un adolescente, sentire il suo cuore che batte, muovere con i suoi passi, pensare con la sua mente. Gli stiamo a fianco, mentre lo vediamo fallire a scuola, litigare col padre, confidarsi col migliore amico. Facciamo il tifo per la sua storia d’amore che rimette luce in un territorio abitato da troppe ombre, la più nera delle quali è stata l’abbandono della madre, avvenuto anni prima. Ci sono ferite che diventano cicatrici e altre che continuano a sanguinare: l’adolescenza vorrebbe dimenticarle tutte, ma non ci riesce. Quando si è “giovanissimi” si attraversa quel tempo della vita in cui ancora non si sa chi si vuole diventare: si sogna e si avanza, ma alcune vite sembrano viaggiare controvento. Fai un passo avanti e ti ritrovi sbattuto indietro da un destino che, giorno dopo giorno, decide, al tuo posto, chi dovrai essere. Il romanzo di Forgione dalla prima pagina interpella il suo lettore: il destino lo si sceglie o lo si subisce? Marocco entra nel cuore del lettore, Forgione nella vita del suo lettore. Storia e stile generano un’immagine così vivida di Marocco che a volte ti sembra di averlo lì, di fianco a te. E ti viene voglia di parlargli. Invece puoi solo leggerlo. Termini il libro, ma Marocco resta e non va via. Copertina 3, Storia 5, Stile 5.

Gianluca Cannillo

"Giovanissimi" di Forgione è stato un fresco bicchiere d'acqua da bere tutto d'un sorso. Forse un po' più forte di un bicchiere d'acqua, forse una bevanda più intensa, forse caffè amaro, capace di metterti in piedi di prima mattina. La giovinezza in questo romanzo scorre impetuosamente impietosa: è una pioggia torrenziale, un fiume in piena, una valanga, una spirale che si avvolge su se stessa come le spire di un serpente. Dalla giovinezza non si esce se non scossi. È l'età difficile quella di Marocco, è l'età prima, quella delle prime esperienze e delle prime scelte consapevoli. È l'età in cui spesso poniamo le basi della nostra frustrazione adulta, quella che spesso rifiutiamo per gli errori commessi, ma forse quella in cui maggiormente ci sentiamo vivi, non determinati, non finiti. Forgione questo lo sottolinea con grande stile: è l'eta in cui tutto è ancora possibile e tutto ancora lecito perché siamo inesperti del mondo, storditi, ancora per poco, dalle tempeste che abbiamo dentro, non ancora stanchi del tempo quotidiano. "Giovanissimi" è un nuovo romanzo di formazione per i giovani di oggi, una prosa ben strutturata, ma lineare, avvincente e sostenuta. Una trama complessa, ma realizzabile. Copertina: 5 Storia: 5 Stile: 4

Vladi Spagnolo

Scelta istintiva, senza conoscere la storia. Solo l'impatto dell'immagine di copertina. Sono tornato per un istante indietro, ho ritrovato Pasolini nella mia memoria, ho pensato che avesse scritto ancora. Ma... è evidente, non poteva essere. Di che parla questo libro? Di com’è crescere solo con il padre forse, crescere solo tra uomini, di com’è vivere a Napoli. Parla del calcio giovanile… eh sì… perché Marocco va forte quando imposta il gioco, specie se c’è Gioiello a ricevere il pallone. Già, Gioiello, brutta storia. Di sicuro non è un romanzo, per lo meno a me viene difficile definirlo così. È così vero così reale. Niente sembra creato o inventato dall’autore, tutto scorre lento e vero, senza un motivo, solo perché va così. Storie semplici, emozioni di ragazzi, ma anche i grandi ce l’hanno la paura. La paura che la tua donna vada via di casa e non torni più, la paura che tuo figlio si faccia male o che la sua vita coli a picco come la tua. È un libro trasparente, è acqua che scorre e ci vedi attraverso. È bello perché non spiega nulla, lo leggi e… bam… in un attimo tutto è finito. Gioiello, Fusco, Lunno, tutto finito tutto passato. E anche Serena passerà prima o poi. Copertina: 5 Storia: 5 Stile: 4

Mr. Ink - Diario di una dipendenza

Copertina: 4 Storia: 3 Stile: 4 Memore del trauma che fu il romanzo d’esordio, mi ero ripromesso di leggere Alessio Forgione a tempo opportuno. Quando l’umore sarebbe stato alto. Invece l’ho affrontato senza starci troppo a pensare, sarà che sono un malinconico cronico. Ma quant’è inaffidabile il detto via il dente, via il dolore? Ha fatto male comunque. Siamo in Campania, negli anni Novanta. Marco, detto Marocco, si domanda come finirà il campionato e quando l’innocenza. Abbandonato dalla madre, vive col papà una routine scandita da paste col pesto, sale giochi, sigarette, giornalini e campetti, e all’improvviso salta fuori un piccolo traffico di droga a ingrossargli le tasche. In queste pagine sperimenta: la prima punizione, il primo bacio, la prima volta. E leggendo, capitolo dopo capitolo, si rischia di volergli un bene esagerato; di affezionarsi troppo. Sconvolge, infatti, constatare quanto sia facile mettersi nei casini fino al collo; e se va male, rovinarsi i migliori anni. Senza ansia da prestazione, è genuino e immediato come ai tempi del debutto. Nichilista al solito. Ovviamente, inutile aspettarsi un finale tarallucci e vino. Ma questa volta non poteva forse accadere, cogliendoci tutti di sorpresa? Le eccezioni, in storie simili, sono infatti gli epiloghi quieti: Marocco, eccezionale com'è, ne avrebbe meritato decisamente uno. Perché corre, cade, si rialza, commette fallo. Qualche volta si merita il cartellino rosso, qualche volta fa goal. Giovanissimo, finché dura.

In chiusura del pezzo su Napoli mon amour, che si può leggere qui, mi ero congedata da Alessio Forgione così: «I Magnificat possono rivelarsi più infidi delle stroncature, soprattutto per un esordiente. Comprenderà quindi, l’autore, le ragioni per cui ho preferito l’aggettivo ottimo in luogo del più insidioso eccellente».

Poco più di una pacca affettuosa sulla spalla, a metà tra il complimento, l’incoraggiamento e il rito scaramantico. Una chiosa formulata bonariamente e con le migliori intenzioni: hai emesso il tuo primo, apprezzatissimo vagito, converrai con me che il difficile viene ora. Il suono che hai cacciato deve evolversi in una tua propria voce, assumere la consistenza di parola, la forza di una lingua e continuare in crescendo. Il fiato c’è. La giusta intonazione pure. Teniamo le dita incrociate per via di quella storia della ubris e dell’invidia degli Dei.

Sono cosciente che, confermando un’ identica valutazione per Giovanissimi (219 pagine, 16 euro), seconda prova dello scrittore napoletano, ancora NN editore, mi tengo ugualmente stretta di manica.

Ottimo è, tutto sommato, un giudizio striminzito per un romanzo che trasuda maturità. In Giovanissimi l’autore ha dimostrato, infatti, di poter fare a meno delle tappe evolutive codificate per l’apprendimento del mestiere, essendo egli riuscito ad accorparle, quelle tappe, senza neppure necessità di saltarle, correndo e contemporaneamente cantando a pieni polmoni, fin da subito, e in modo decisamente molto spedito per la sua età editoriale/letteraria. Malgrado ciò, io continuerò a conservare le proverbiali lodi sperticate per la prossima volta o quella successiva ancora, onde neutralizzare la tracotanza e l’invidia deorum di cui sopra, perennemente in agguato.

Se non rischiassi di annoiare, ripeterei ogni altra parola che scrissi su Napoli mon amour qui, a proposito di Giovanissimi, non certamente per pigrizia nell’argomentare, né perché il romanzo sia un mero clone del primo e dunque manchi di pregi propri.

Piuttosto è che i punti di forza sottolineati la prima volta, ovvero le soluzioni scelte per neutralizzare efficacemente i rischi assunti, funzionano egregiamente anche in questo caso.

Forgione ha bissato l’obiettivo di un libro appassionante e dal grande carattere, rimanendo fedele a sé stesso e contemporaneamente trovando, in questa dimensione, spazi di originalità.

 Marocco ha quindici anni. Vive con il padre a Soccavo, periferia occidentale di Napoli. Studente demotivato, rinunciatario, rassegnato, sogna di diventare un calciatore professionista. Sfoga sul campo di pallone le frustrazioni di un’adolescenza alla quale è giunto già malconcio, ferito a morte dal precoce abbandono della madre, che si è volatilizzata senza mai più dare segni di sé. Mentre il residuo ricordo di lei progressivamente sbiadisce, egli tenta di lenirne l’assenza, rattoppare il desiderio di tenerezza e di protezione che gli tiene aperto un buco in pieno petto, ciondolando per il quartiere con Lunno, amico fraterno grazie alla cui intermediazione troverà l’amore.

Con la Napoli selvatica della sua zona d’origine e una giovinezza riottosa e fragile, Alessio Forgione è riuscito, in Giovanissimi, a impastare una trama esemplare, alla quale la spigolosità – tratto tipico dello scrittore – con cui si narrano l’amicizia imperfetta, l’amore acerbo, la sorprendente scoperta del sesso, conferisce la dimensione confidenziale dei romanzi destinati a durare.

Mi è piaciuta la saggezza con cui l’autore ha equilibrato i due principali soggetti: il quindicenne Marocco, e Soccavo. Entrambi, il ragazzo e l’elemento geografico, sono attori paritetici, agenti e reciprocamente agiti, in un rapporto di scambievole dipendenza. La periferia, delinquente, violenta, scostumata e irriverente, costringe Marocco, che la imita in quei tratti, ad assomigliarle. Marocco, indolente, talvolta insipiente e arrogante, a sua volta l’influenza, caricandola delle proprie cattive attitudini, in virtù del fatto che sono le persone, tutto sommato, a fare i posti.

Trama impetuosa e reticente

Mi è piaciuta la costruzione della trama, che procede come l’adolescenza: impetuosa e reticente, costantemente in tensione.

La scrittura di Alessio Forgione gli assomiglia, esteticamente intendo. Segaligno, pelato, non c’è una foto in cui rida. La sua narrazione sembra essere uno specchio che lo replica con una certa fedeltà. Procede secca, senza orpelli, dura. Eppure negli occhi dello scrittore si intravede una faglia, un’avvisaglia di sorriso. Suppongo sia la gioia procurata dal mestiere di scrivere, che buca la scorza coriacea. Un elan vital che, dopo esser passata nelle pagine,  aver legato tra loro le parole animandole, raggiunge infine il lettore, al quale regala scampoli di genuine emozioni.

Ciascuno darà un nome e una forma alle proprie: piacere puro del leggere, scoperta, rispecchiamento, paracadute per affrontare il crinale scivoloso della disillusione quotidiana.

Per me si tratta  della felicità semplice di ritornare nel mio quartiere. Sebbene il romanzo ne metta il luce aspetti poco lusinghieri, per i quali c’è da prendersi scuorno, sento comunque una sorta di orgoglio per come l’autore, tramite la voce malinconica, graffiante e amara di Marocco, l’ha resa. Con la sua bellezza sporca, l’ha affrancata dalla decadenza, dallo scarrupamento, l’ha nobilitata, seppure per il brevissimo attimo della narrazione, come solo la letteratura sa fare. E di questo non posso che ringraziarlo.

Recensione di Antonietta Molvetti

 

  • Alessio Forgione Cover

    Alessio Forgione è nato a Napoli nel 1986. Scrive perché ama leggere e ama leggere perché crede che una sola vita non sia abbastanza. Il suo romanzo d’esordio, Napoli mon amour, (NN Editore) ha vinto il Premio Berto 2019 e il Premio Intersezioni Italia-Russia; in corso di traduzione in Francia e Russia, verrà portato in scena al Teatro Mercadante di Napoli con la regia di Rosario Sparno. Nel 2020, sempre per l'editore NN, esce il suo secondo romanzo, Giovanissimi. Approfondisci
Note legali