Categorie

La grande frattura. La disuguaglianza e i modi per sconfiggerla

Joseph E. Stiglitz

Editore: Einaudi
Anno edizione: 2016
Pagine: XXVII-435 p., Brossura
  • EAN: 9788806226855
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 18,70

€ 22,00

Risparmi € 3,30 (15%)

Venduto e spedito da IBS

19 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Nel maggio del 2011, Joseph E. Stiglitz scrisse per “Vanity Fair” un breve articolo destinato a un grande successo. Quell’articolo si intitolava Of the 1 Percent, by the 1 Percent, for the 1 Percent e raccontava di come la società americana si fosse polarizzata tra l’1 per cento di molto ricchi e il restante 99 per cento. Della crescita economica degli anni precedenti aveva beneficiato quasi soltanto quell’1 per cento, con dirompenti conseguenze sociali e politiche. Ispirandosi a queste tesi il movimento Occupy Wall Street trovò il proprio slogan: “noi siamo il 99 per cento”.

A quell’articolo divulgativo ne seguirono molti altri e ora più di cinquanta di essi sono raccolti in questo libro, il cui titolo rappresenta l’idea che Stiglitz ha di quello che è accaduto negli Stati Uniti nel corso degli ultimi decenni. Negli articoli ricorrono le tesi che, con maggior rigore e articolazione, il premio Nobel per l’economia ha sviluppato in altri lavori più scientifici e anche nel libro Il prezzo della disuguaglianza (Einaudi, 2013). Queste tesi sono ormai, in larga parte, note e occupano un posto di rilievo, anche se spesso condiviso con altri, nell’ormai ricco panorama degli studi sulla disuguaglianza economica. Si tratta di tesi fortemente critiche nei confronti delle analisi e delle interpretazioni dominanti della disuguaglianza e quasi tutte sono molto convincenti. (…)

Il libro è focalizzato sulla realtà americana – sebbene un’intera parte sia dedicata ad altri paesi – e si occupa principalmente di disuguaglianza nei redditi, anche se sono frequenti i riferimenti alla disuguaglianza nella ricchezza e articoli specifici riguardano la disuguaglianza in altre sfere essenziali del benessere e dei diritti sociali: la salute, l’istruzione e la giustizia. (…) In generale, la disuguaglianza comprime la domanda di consumo e ciò, in assenza di compensazione da parte della domanda di investimenti, riduce le possibilità di espansione dell’attività economica. (…) Ma la disuguaglianza economica ha un’altra importante conseguenza, che Stiglitz considera inevitabile e della quale si mostra molto preoccupato: si tratta del suo impatto sul processo politico. La disuguaglianza economica si trasformerebbe, infatti, in disuguaglianza politica e le due disuguaglianze si alimenterebbero in un circolo vizioso. Stiglitz parla esplicitamente di “politiche economiche congegnate dall’1 per cento per l’1 per cento” e uno degli esempi che propone, forse imbarazzante anche per lui, è quello dell’amministrazione Clinton catturata dal business.

(…) La conclusione allora sembra essere obbligata. La rottura del circolo vizioso dipende, più probabilmente, dalla capacità dei processi democratici di portare nelle stanze del potere politico chi è in grado di non alimentare quel circuito. E non solo di portarcelo, ma anche di preservarlo dalle molte lusinghe del potere economico, una volta in quelle stanze. Non proprio uno scherzetto, si potrebbe dire.

Recensione di Maurizio Franzini

 


Indice

Prologo
Prime Crepe
- Le conseguenze economiche della presidenza Bush - Folli capitalisti - Anatomia di un omicidio: chi ha ucciso l'economia americana? - Comke uscire dalla crisi finanziaria
Parte Prima
Le grandi questioni
- Dell'1 per cento, dall'1 per cento, per l'1 per cento - Il problema dell'1 per cento - Crescita lenta e diseguaglianza sono scelte politiche. Possiamo scegliere diversamente - La diseguaglianza diventa globale - La Disuguaglianza è una scelta - La democrazia nel XXI seconolo - Capitalismo Fasullo
Parte seconda
Riflessioni personali
- Come il reverendo King ha influenzato il mio lavoro di economista - Il mito dell'età dell'oro americana
Parte terza
Dimensioni della diseguaglianza
- Pari opportunità, il nostro mito nazionale - Il debito degli studenti e l'infrangersi del sogno americano - Giustizia per alcuni L'unica soluzione rimasta per l'immobiliare: rifinanziare i mutui in massa - La disuguaglianza e i bambini americani - L'Ebola e la disuguaglianza
Parte quarta
Cause della crescente disuguaglianza negli Stati Uniti
- Il socialismo per i ricchi in America - Un sistema fiscale che va contro il 99 per cento - La globalizzazione non è soltanto questione di profitti: riguarda anche le tasse - Fallacie nella logica di Romney
Parte quinta
Conseguenze della disuguaglianza
- La lezione sbagliata della bancarotta di Detroit - Non fidarsi è meglio
Parte sesta
Politica
- In che modo la politica ha contribuito al grande divario economico - Perchè deve essere Janet Yellen, e non Larry Summers, a guidare la Fed - La dissennatezza della nostra politica alimentare - dalla parte sbagliata della globalizzazione - La farsa del libero commercio - Come e perché la proprietà intellettuale aggrava la disuguaglianza - La saggia decisione dell'India sui brevetti - Abolire la disuguaglianza estrema: un obiettivo dello sviluppo sostenibile, 2015-2030 - La crisi del dopo crisi - La disuguaglianza non è inevitabile
Parte settima
Prospettive regionali
- Il miracolo di Mauritius - La lezione di Singapore a un'America ingiusta - Il Giappone deve stare all'erta - Il Giappone è un modello, non un racconto ammonitorio - La road map della Cina - Riforme per un nuovo equilibrio Stato/mercato in Cina - Medellin: una luce sulle città - L'Australia e il miraggio del modello americano - L'indipendenza scozzese - La depressione della Spagna
Parte Ottava
Rimettere al lavoro l'America
- Come rimettere al lavoro l'America - La disuguaglianza frena la ripresa - The Book of Jobs - L'età dell'abbondanza ci ha reso più poveri - Virare a sinistra per tornare a crescere - L'enigma dell'innovazione

Postfazione
Intervista di Cullen Murphy a Joseph Stiglitz