Categorie

Francis Scott Fitzgerald

Curatore: F. Cavagnoli
Editore: Feltrinelli
Anno edizione: 2013
Formato: Tascabile
Pagine: 230 p. , Brossura
  • EAN: 9788807900235

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    franz

    14/01/2015 20.20.46

    lo "sparone" che organizzava feste frequentate dall'alta borghesia newyorkese degli anni venti non trova nessuno al proprio funerale. Tanti invitati, nessun amico, tanti conoscenti e nessun amico. "Vecchio mio" è il suo intercalare. La descrizione della vacuità smidollata è memorabile. Gatsby è l'opposto del vacuo realismo delle feste a ripetizione. Lo tiene dentro, il tarlo di un amore irrisolto. Basta vederlo da lontano, dalla finestra del salone.

  • User Icon

    Toglietemi tutto, ma non i miei libri

    11/05/2014 00.49.40

    La lettura è stata piacevole, carica di mistero e di amore. Una leggera nota di delusione mi è però rimasta. Daisy mi ha deluso in tutto, è uno dei personaggi che più ho odiato. Il libro si appresta ad essere una lettura piacevole e interessante. Un linguaggio fluente e per niente pesante. Non vi resta che farvi trasportare dalle parole dell'autore Fitzgerald.

  • User Icon

    Ornella

    22/05/2013 10.36.39

    mi aspettavo un po' di più dal "Maestro" Fitzgerald! Storia un po' banale, ma all'inizio del '900 ha affrontato un tema molto molto attuale: le feste, il gossip, la notorietà? e alla fine di tutto?. l'abbandono! Gatsby si è trovato sul letto di morte accompagnato dal signor Gatz?un rifiuto di appartenenza? Uno scherzo della natura? Tu che hai abbandonato resti solo. La vita mondana dell'Est permette a un sempliciotto di campagna di scalare la montagna del successo! Storie su storie che si intrecciano, legate da vecchi ricordi che si impongono con prepotenza sul presente. Coppie distrutte, e alla fine la rabbia, la paura di un uomo mette in moto una macchina cieca che senza prove dà fine a tutto. Gatsby lascia il palcoscenico della vita in silenzio, lo stesso silenzio che lo distingueva durante le continue feste in casa sua, le feste dei fantasmi.

Scrivi una recensione