I guerrieri d'argento. Le cronache dei cinque regni

Elvio Ravasio

Illustratore: A. Alù
Editore: Gribaudi
Anno edizione: 2016
Pagine: 164 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788863662252
Usato su Libraccio.it - € 6,75

€ 10,62

€ 12,50

Risparmi € 1,88 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibile in 2 gg lavorativi

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Debora

    17/12/2016 07:54:32

    Sono diversi gli aspetti che ho apprezzato in questo libro. La copertina, molto bella! Non da meno sono le immagini interne al libro, tutte ben fatte e curate nei dettagli, come accurata è in generale la grafica (impaginazione, paragrafazione, diversificazione di font e posizione del testo) Chi legge abitualmente fantasy, sa che niente è per caso. Infatti l’incontro e il successivo rapporto tra Nayla ed Elamar è ben lontano dall’essere casuale, soprattutto perché tra i due sembra esserci una diversità grande come un abisso fin quando il Bracciale di Ephir non la colma in un istante. Ha così inizio un viaggio, durante il quale ai due si affiancherà Gotland. Scelti per contrastare le forze del male che si stanno ridestando dopo ere di pace, lungo il cammino dovranno scoprire e imparare a usare i loro poteri. A sorvegliarli e guidarli verso le giuste scelte, dalle quali dipenderanno le sorti del mondo di Arìshtar, Arkàdon e la stirpe degli immortali. Devo dire che alcune parti mi hanno affascinata, altre mi hanno strappato grasse risate: i battibecchi tra Nayla ed Elamar, ad esempio, oppure il Re degli Omini, permaloso come non mai. L’autore ci trasporta spesso in epoche remote, lo fa nel momento opportuno e riuscendo a trasmettere il sapore dell’antico, del mistico, del magico, senza però separarci troppo dal presente. Se c’è una cosa pregevole in questo libro è il fatto che l’autore non si perda in descrizioni inutili o fini a se stesse e non aggiunga particolari o storie secondarie giusto per “allungare il brodo”, come avviene, purtroppo, in molti fantasy. Quando però decide di descrivere o raccontare, lo fa con dovizia di particolari, sempre senza dilungarsi eccessivamente, e curando meticolosamente la scelta del linguaggio, ricco, ma senza quei fronzoli ridondanti tipici dell’autocelebrazione. La lettura risulta sempre scorrevole e le scene si susseguono a ritmo incalzante tenendo alto il livello di attenzione. Lo consiglio.

Scrivi una recensione