Categorie

Giovanni Sartori

Editore: Laterza
Edizione: 15
Anno edizione: 2007
Formato: Tascabile
Pagine: XVI-166 p. , Brossura
  • EAN: 9788842061564

nella classifica Bestseller di IBS Libri - Società, politica e comunicazione - Argomenti d'interesse generale - Studi sui mezzi di comunicazione di massa - Televisione e società

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    FW

    14/08/2015 22.07.38

    Un saggio breve ma molto intelligente, e sicuramente tra i libri che ho letto recentemente, è uno di quelli che ho preferito. Sicuramente leggerò altro di Sartori. Lascia molti spunti su cui riflettere.

  • User Icon

    Gianni

    13/07/2014 15.50.30

    Un libro che dovrebbero leggere TUTTI. Voto massimo. Il linguaggio a volte non è semplicissimo, ma ciò che vuole dire l'autore si capisce bene, ed è sacrosanto. La manipolazione che può derivare da internet e soprattutto dalla televisione è un problema che difficilmente sarà mai risolto. I sondaggi su 1000 persone prese a campione o interviste casuali che diventano "legge" o strumento di dibattito per milioni di altri cittadini...l'Auditel che non produrrà mai informazione di qualità...tutto questo porta a un'informazione distorta, in cui l'uomo/cittadino/votante è solo passivo ed è "costretto" senza spirito critico a credere a tutto ciò che gli viene propinato. Così si passa dall'Homo sapiens all'Homo videns. Homo che cresce a cominciare dalle nuove generazioni con la televisione maestra, e guai a criticarla, perchè sia la tv che internet sono considerati ultra-progresso..ma siamo sicuri che sia così?

  • User Icon

    stefano

    30/01/2008 10.27.06

    Mi ero creato molte aspettative dal libro, ma purtroppo a conti fatti molte sono state disilluse. Il difetto che pesa maggiormente è dovuto ad una notevole pesantezza e lentezza nell'esposizione (molto più probabilmente la colpa è anche mia che non ho frequentato il liceo e per cui ignoro molto delle parole latine che farciscono il testo), questo forse spiega anche il motivo per cui chi me l'ha dato ha pensato ad un testo universitario! Il tema è trattato soprattutto sotto l'aspetto politico e sugli effetti devastanti che crea sulla massa (dipendenza, ignoranza, passività); io confidavo in un analisi più accurata sulla presa che ha questo mezzo di comunicazione sulla popolazione, speravo quindi che non ci fosse solo l'aspetto politico, ma forse qui è uscito il politologo che c'è nell'autore 8). Condivido il pensiero di fondo di Sartori che critica la "piattezza" della tv che ci mostra tanto senza farci comprendere nulla al contrario della carta stampata che permette di riflettere maggiormente su quanto si sta apprendendo attraverso l'astrazione ed il pensiero. A questo punto sono ancora alla ricerca del libro che manca, quello cioè in cui viene spiegato (senza dover tirare in ballo il latino) ogni aspetto negativo di questo modo deprecabile di utilizzar la televisione ed ogni sorta di mezzuccio attuato per infatuar le masse.

  • User Icon

    Clarisse McClellan

    01/09/2007 15.48.00

    Il libro è stato scritto qualche anno fa, ma l'argomento trattato è ancora attuale e forse siamo in tempo per prendere dei provvedimenti. Stiamo lasciando che i giovani assumano come modelli di vita veline e tronisti, che considerino certa tv una voce autorevole, e soprattutto che si disinteressino di tutto ciò che è culturale e utile ai fini della convivenza civile. Chi farà andare avanti la macchina statale quando questi giovani, vuoti e disinteressati, saranno adulti? Non credo che loro ne saranno in grado. Questo libro è una delle poche armi che restano per aprirci gli occhi. Lo consiglio a tutti.

  • User Icon

    Giacomo

    11/06/2007 21.42.51

    Un saggio polemico e estremamente intelligente sulle problematiche legate al tele-vedere (inteso sia come TV, sia come Internet). Il contenuto è interessante però lo stile non è per niente comprensibile hai più

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione