Identità. L'altra faccia della storia - Adriano Prosperi - copertina

Identità. L'altra faccia della storia

Adriano Prosperi

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Laterza
Anno edizione: 2016
In commercio dal: 6 ottobre 2016
Pagine: 105 p., Brossura
  • EAN: 9788858125915
Salvato in 28 liste dei desideri

€ 13,30

€ 14,00
(-5%)

Punti Premium: 13

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

Identità. L'altra faccia della storia

Adriano Prosperi

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Identità. L'altra faccia della storia

Adriano Prosperi

€ 14,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Identità. L'altra faccia della storia

Adriano Prosperi

€ 14,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 14,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

La 'barbarie' la troviamo a viso scoperto o celata sotto sinonimi. Tra questi sta conoscendo una fortuna crescente 'identità'. E accanto a 'identità', 'radici', ma anche 'etnicità', con gli antenati 'nazione' e 'nazionalità'. Parole che sono diventate abituali nel nostro linguaggio ma che possono diventare pietre perché, come tutto ciò che serve a distinguere e a prendere coscienza di una separazione, contengono un potenziale violento pronto a giustificare aggressioni civili e guerre. È dietro queste parole che vediamo alzarsi in piedi individui collettivi di cui si presuppone una naturalistica e inassimilabile diversità. Se, come scriveva Saul Bellow, l'identità di un essere umano è quella definita dal racconto della sua vita, per estensione l'identità di un popolo o di una società umana sarebbe la sua storia. Ma nessuna definizione, per quanto acuta ed elegante, può impedirci di avvertire dietro questa parola, apparentemente così semplice e innocua, l'eco sorda della risacca della storia e dei rapporti di forza che ha ripreso a fare intensamente il suo antico lavoro: scaraventa sulle rive più diverse popoli e individui, quando non li cancella inabissandoli nel fondo del mare.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Identità è una parola avvelenata, scriveva l’antropologo Francesco Remotti. Che può diventare un’ossessione. Promette ciò che in realtà non esiste (appunto, un’unica identità) e illude individui e popoli su ciò che non sono (essendo molteplici per composizione).

Per approfondire il tema/problema dell’identità consigliamo vivamente l’ultimo libro di Adriano Prosperi (oggi professore emerito di Storia moderna alla Normale di Pisa, autore di testi fondamentali come Delitto e perdono, Tribunali della coscienza, Cause perse, Giustizia bendata e La vocazione, Einaudi; Il seme dell’intolleranza, Laterza). Il libro è intitolato semplicemente Identità e riprende o rielabora testi precedenti, ma si distingue da altri testi, più o meno recenti, che si sono confrontati con questo problema. E dove appunto «il carattere religioso […] emerge in modo indiscutibile dallo studio di manufatti culturali di tipo speciale, come la nazione, l’etnia, l’identità culturale o di sangue e di suolo, e così via»; mito la cui recente rinascita dimostra «che c’è un problema emergente e non risolto nella cultura e nella società. E se il problema c’è, bisogna prenderlo sul serio».

Un problema che nasce anche dalle scienze dell’io e dalla loro riduzione dell’uomo alla sola (o soprattutto alla prevalenza della sua) biologia, con «il passaggio da un’idea della natura morale del soggetto, a una nozione biologica dell’eredità che l’individuo si porta dietro. Non siamo tornati all’antropologia come scienza che misura i crani. Ma la concezione della psiche umana elaborata dalla teoria freudiana, cioè di una personalità dominata da un messaggio iscritto nel profondo da esperienze della prima infanzia – e che può quindi essere scoperto e decifrato e anche corretto dallo psicanalista – sta mutando a favore di una sottolineatura dell’importanza dei geni ereditati dal seme e dall’ovulo». Che rafforza, nuovamente e pericolosamente le vecchie retoriche/ideologie identitarie di «sangue e terra» oppure di passato che non muore. Di cui è tristissimo esempio il Vecchio continente, che invece di procedere verso un’Europa dei popoli minaccia di rovesciarsi nel suo opposto: a riprova che l’identità come veleno, più che costruire, soprattutto distrugge.

Parafrasando il titolo di Pirandello, Prosperi distingue tre tipi di identità: dell’uno, del nessuno e dei centomila. Quella dell’uno è l’identità come coscienza individuale, molteplice sempre, ma contro cui l’ideologia identitaria «ripropone un’idea dell’uomo a una dimensione, simile a quella combattuta nel 1968 dall’allora famoso scritto di Herbert Marcuse»; il nessuno è l’assenza di identità o l’identità cancellata; mentre il centomila è la coscienza di un’appartenenza collettiva. E qui Prosperi recupera e rielabora molti spunti, tutti essenziali: Le Bon; il Novecento come società di massa e della propaganda; l’identità e il nazionalismo; la nazionalizzazione delle masse, secondo George Mosse; Hobbes e il popolo come collettivo incorporato e sciolto nel e rappresentato dal corpo politico del sovrano; l’Inquisizione come tribunale dell’identità; un’Europa la cui espansione politica ed economica è stata sostenuta con la cancellazione del diverso, da un lato, e la sua assunzione all’interno della cultura dei conquistatori, dall’altro; il disciplinamento dei popoli; il fedele religioso che trascende nel suddito fedele dello Stato; la distinzione tra kultur e civilisation; le comunità immaginate; la querelle sulle radici cristiane dell’Europa; l’invenzione del passato; la scoperta delle identità di territorio (neologismo legato – aggiungiamo – all’economia identitaria dei distretti, del capitalismo personale e ora del nuovo artigiano).

Ma non solo: mentre all’europeismo illuminato ma minoritario si oppone il ritorno di fiamma di particolarismi etnici, ecco che nel lavoro degli storici – è una critica di Prosperi alla sua categoria – «domina non tanto la storia di processi di incontro tra civiltà, quanto la storia delle origini dei singoli popoli intrecciata con la storia della formazione della loro “identità culturale”». Delegando cioè alla storia, scrive Prosperi, «il compito di placare quella che Michael Stürmer, nel 1983 definiva come “quella fame di senso e di identità che prima avevano soddisfatto la religione e la magia”». Per dire che la crisi delle ideologie ci riporta «a un passato che credevamo sepolto: quello di un’elaborazione di storie educative in funzione identitaria, a colpi di falsificazioni sistematiche». Ignorando la dimensione del mutamento e del molteplice, da cui invece (e per fortuna) nessuna storia, individuale e collettiva, è immune.

Recensione di Lelio de Michelis.

Leggi la recensione completa su Alfabeta2.it

  • Adriano Prosperi Cover

    Adriano Prosperi, nato nel 1939, si è formato presso l'Università di Pisa e la Scuola Normale Superiore, dove, negli stessi anni di Carlo Ginzburg e di Adriano Sofri, è stato allievo di Armando Saitta e Delio Cantimori. Ha insegnato Storia moderna presso l'Università della Calabria, l'Università di Bologna, l'Università di Pisa e la Scuola Normale Superiore. È membro dell'Accademia Nazionale dei Lincei. I suoi principali interessi di studio hanno riguardato la storia dell'Inquisizione romana, la storia dei movimenti ereticali nell'Italia del Cinquecento, la storia delle culture e delle mentalità tra Medioevo ed età moderna. Ha scritto per le pagine culturali del «Corriere della Sera» e de «Il Sole 24 Ore»,... Approfondisci
Note legali