Categorie

Carmela Scotti

Editore: Garzanti Libri
Anno edizione: 2016
Pagine: 194 p. , Rilegato

60 ° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa italiana - Moderna e contemporanea (dopo il 1945)

  • EAN: 9788811688464


Nessuno può rubare la libertà a chi la custodisce dentro di sé. Un romanzo potente. Finalista al Premio Calvino.

"L'esordio fulminante di una voce arcaica eppure così nuova, che affila tutte le parole per una via di salvezza. Echi di Elettra e di Antigone risuonano nell'Imperfetta. Una storia che ci riguarda tutti" - Carmen Pellegrino, autrice di Cade la terra

"Un romanzo duro, persino fosco, eppure a tratti di impensabile tenerezza, come è giusto con un personaggio insieme ingenuo e tenace come Catena, dalla caparbia volontà di essere se stessa fino alla fine, e di voler essere padrona della propria vita anche nella scelta della modalità della propria morte"Ermanno Paccagnini, La Lettura

"Notte e giorno dicevo nella testa le parole dei libri di mio padre. Le avevo tutte nella memoria, nessuno può rubare i pensieri senza peso, sottrarli nel sonno a chi li tiene stretti."

Forte e antico, come la Terra. Non c’è forse altro modo di descrivere un romanzo così genuino, così dolorosamente concreto come L’imperfetta, storia di una ragazza siciliana di fine Ottocento contro cui si accaniscono il destino, l’ignoranza e la crudeltà degli uomini. L’esito infelice e profondamente ingiusto della sua vicenda si intravede già dalla prima pagina, dove incontriamo Catena (questo è infatti il nome della protagonista, un nome che sa di oppressione: omen nomen, direbbero i latini) al buio, in prigione, in attesa di ricevere la sentenza che metterà fine alla sua agonia.

Questo è infatti il Fato riservato a chi è strega, a chi è "mavara" e conosce il potere delle erbe, degli astri e della terra. In un’epoca colma di superstizione e sospetto, una donna capace di guarire e curare in cambio non riceve altro che minacce e insulti. Novella Medea, la sua magia (che altro non è se non qualche nozione di botanica e di medicina) spaventa e intimidisce le persone attorno a lei, condannandola a un cammino tragico fatto di ingiustizia e di libertà perdute.

In effetti dal romanzo emerge una certa gravitas da tragedia greca: la si percepisce nella protagonista, che non è l’innocente della tragedia moderna, ma allo stesso tempo vittima e carnefice (“l’assassina”: così la chiamano, e non erroneamente, i suoi compaesani); nella venerazione per le piante, per le stelle e per i libri, portatori di una saggezza quasi sacra, da molti dimenticata; nella polarità tra città e campagna, tra la forza vibrante e autentica della natura e la corruzione della civiltà; nell’amore quasi commovente per una parola che è suono, ricordo e respiro, unico mezzo in grado di schiudere le profondità dell’animo umano.

Oltretutto in questa tragedia il personaggio meglio riuscito è sicuramente quello della protagonista Catena, con una personalità dirompente e con la forza e lo spessore di un’eroina sofoclea. Il resto dei personaggi infatti, a eccezione delle poche figure positive (per esempio quella dell’amatissimo padre), fa parte di un coro, da un certo punto di vista molto verghiano, volto a rappresentare la società umana nel suo complesso: una società pronta solo a giudicare e a ferire, dove chi prova a combattere il proprio destino ne esce amaramente sconfitto.

Si tratta quindi di un romanzo di vinti, specchio di un’umanità sconfitta. Una storia che forse oggi può apparire molto lontana, sia per l’ambientazione che per i modi con cui è narrata; e che tuttavia, con grave semplicità, ci offre un insegnamento sull’ingiustizia valido al di là del tempo e delle stagioni. Forte e antico, come la Terra.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    valentina

    04/12/2016 23.11.38

    Libro molto bello!..La storia parla di amore e il sapere che le ha dato suo padre, la violenza e la malvagità degli uomini, la cattiveria, il pregiudizio, l'odio e l'indifferenza da parte della madre e della sorella.

  • User Icon

    Agata

    17/10/2016 12.18.29

    Stucchevole! Talmente intriso di metafore e similitudini da rendere questo esile libro un mattone pesante. Non so quante volte si ripetano le parole "sonno" e "sogni"...talmente tante che ad ogni pagina alla fine la mia attenzione era concentrata solo a contarne la quantità. Assolutamente non un capolavoro che avrebbe meritato l'attenzione di Italo Calvino: il romanzo pare sia stato finalista al prestigioso premio Calvino. Avrei potuto leggerlo in 2 giorni, l'ho tirato per le lunghe per poterlo finire...perciò: NO!

  • User Icon

    alessandra

    12/10/2016 11.55.35

    Bello, bellissimo, stupendo!!! Che dire...una storia che ti lascia con l'amaro in bocca e una grande commozione dentro ma che ti trasmette tutta la forza e la passione della protagonista fin dalla prima pagina del romanzo. La storia di una ragazza che lotta che non si piega alla cattiveria e alla malvagità degli uomini, nata con la grande fortuna di un padre meraviglioso che le trasmette amore e sapere e nello stesso tempo la sfortuna della sua perdita prematura che segnerà per sempre in modo tragico la sua vita di bambina e poi di donna.

  • User Icon

    rose Gaudiano

    05/10/2016 16.18.37

    "L'imperfetta" conquista a metà dell'opera, in cui Catena acquista una caratterizzazione più precisa e decisa. Un mondo crudele quello di Catena, privo di umanità, immerso nel buio esistenziale , tragico e senza speranza di vivificazione. Troppo poco spazio , invece, a quel sentimento di rivalsa verso la vita che l'autrice, alla fine, concede a Catena e lo delinea come rinascita essenziale, una vittoria sul male ricevuto e una speranza per un futuro di recupero di un'umanità negata soprattutto nella negazione di affetti famigliari.

  • User Icon

    Farfy

    27/09/2016 23.24.39

    Quando alla fine del libro ho sentito il mio volto rigato dalle lacrime ...ho capito che questo libro va oltre le aspettative delle recensioni lette.... É un pugno alla bocca dello stomaco ..un fiore raro in una terra ricca e arida come la mia Sicilia...un sogno misto alla realtà.. Grazie Carmela !!!!

  • User Icon

    Roberta

    07/09/2016 18.48.35

    Kafka diceva che la vita umana è un istante imperfetto. E imperfetta è la vita di Catena, vittima e carnefice, spettatrice con la sua anima e il suo corpo di soprusi e odio. Costretta a subire sin da piccola le violenze e le cattiverie dei suoi familiari prima, e poi da quasi tutte le persone che incrocia sul suo cammino. Additata come strega, portatrice di sventure e malattie, quando invece la sua unica colpa è stata quella di aver risposto alla violenza con la violenza. La salvezza e la sopportazione arrivano dalle pagine dei libri regalatole dal padre, unico dispensatore di carezze e amore. Questo è un libro crudo, intenso, di quelli che non si dimenticano e che in ogni pagina fanno soffrire il lettore insieme alla protagonista. Catena mi ha ricordato molto Iannetta, la protagonista de "Il cuore selvatico del ginepro", anche lei costretta a fuggire e vivere da emarginata nell'aspra Sardegna. In questo caso il libro è ambientato in Sicilia, ma anche qui le tradizioni, le leggende e le antiche credenze sono protagoniste della vicenda. Un senso di ingiustizia e di impotenza traspaiono in ogni pagina del romanzo e solo verso il finale si riesce a cogliere una sorta di accettazione e riscatto, nonostante le amare sorti dell'imperfetta Catena.

  • User Icon

    Gruppo di lettori in anteprima

    05/09/2016 11.22.02

    Il più interessante e profondo racconto degli ultimi anni di una intensità densa di energia sentimentale e di completa agglutinante verve stilistica. L'imperfetta fa precipitare sofficemente dentro un vortice di emozioni piacevoli e si legge d'un fiato. Antonio P.

  • User Icon

    tonino

    02/09/2016 22.45.29

    Opera prima di una giovane scrittrice che mostra talento e passione nell'uso delle parole come descrizione di fatti ma anche di atti naturali altrimenti semplici come respirare o cucire un bottone, fino a considerare con un approccio più poetico anche le torture subite da Catena, il personaggio principale di questo lavoro. In questo romanzo, ambientato nella Sicilia di fine 1800, si racconta della crescita spezzata di Catena, dopo la morte del padre, unico vero punto di riferimento e di raccordo per la bambina che è costretta dopo il tragico evento a subire le violenze dello zio e l'indifferenza di madre e sorelle, scaraventata di colpo in un vortice di violenze anche sessuali, convivendo come arma di difesa con i libri che il padre le ha lasciato, ereditati a sua volta da una madre mal vista accusata di stregoneria. Fino a intraprendere una fuga che è anche un viaggio, in direzione del sogno di poter rivedere quel padre tanto amato attraverso riti specifici e catturando le parole dei libri, nel ricordo di quando era lui a leggere quelle righe per le figlie adorate. Il romanzo è strutturato in due frammenti paralleli, due direzioni. Uno racconta il normale svolgimento della storia e l'altro è una sorta di flashforward presentato come un countdown, e rappresenta l'atto finale del romanzo, il tutto è narrato in prima persona da Catena. Tutti i personaggi sono presentati per nome a inizio romanzo, tranne il padre di cui scopriremo il nome nel finale, perché lo stesso che darà al figlio. C'è anche tanto amore nel romanzo, quello di Catena per il padre e per il figlio, l'unico che traspare nell'impotenza costretta di fronte alla cattiveria di una mentalità povera d'animo. Due parole anche sulla copertina scelta, molto bella, con il primo piano di questa ragazza in un momento di riflessione, circondata da una pianta rampicante, rami e foglie a cerchiare il collo, come una collana. Giudizio complessivo personale molto buono, libro che consiglio vivamente.

  • User Icon

    Gruppo di lettori in anteprima

    02/09/2016 17.39.08

    Da queste poche pagine già si intuisce una storia forte, drammatica e purtroppo sempre attuale. I personaggi sono ben delineati e Catena fa trasparire la sua fragilità, ma anche l'enorme forza che ha in se. L'autrice usa una scrittura fluida che cattura facilmente l'attenzione del lettore. Chiara C.

  • User Icon

    vania

    01/09/2016 15.27.11

    Difficile dare un giudizio su questo libro. Sicuramente la scrittrice e ' brava, di talento, scorrevole e appropriat la scrittura , ma la vicenda trattata e' estremanente pesante: Ogni capitolo aggiunge disgrazia a disgrazia, le descrizioni sui trattamenti ai carcerati alla fine del 800 sono a dir poco da film dell'orrore... Non si intravede una luce in una giovane vita cosi' perseguitata maltrattata oppressa e violentata. Mi auguro sinceramente, che, se pur alla fine dell 800,la vita in Sicilia non fosse cosi': forse ai tempi dell'Inquisizione...

  • User Icon

    Domenico Calabria

    01/09/2016 11.48.44

    Ho letto il libro in anteprima inviatomi da IBS ed è stata una vera sorpresa!!! Difficile credere che Carmela Scotti sia una esordiente, per la scrittura che scivola via facendoti calare in una realtà crudele, provare l'amore di Catena verso il padre ed il dolore per la sua scomparsa, le ferite esteriori ed interiori procurate da chi è rimasto. La protagonista, è un personaggio straordinario ed affascinante. Una rivelazione, questa giovane scrittrice, la cui scrittura mi ricorda tanto un'altra (ex) esordiente di successo: Carmen Pellegrino.

  • User Icon

    Gruppo di lettori in anteprima

    01/09/2016 09.33.23

    Catena sin da bambina, perso il suo unico vero affetto, si ritrova a combattere i pregiudizi e la violenza di chi ha il suo stesso sangue con l'odio. Costretta a lasciare la casa paterna dovrà scontrarsi con l'ostilità della società: i buoni ricordi sono l'ultimo filo che le permetterà di non cadere totalmente nel buio. Scritto in uno stile asciutto che ben descrive la crudezza della storia, non esclude la capacità di comunicare al lettore anche passaggi carichi di liricità. Sonia P.

  • User Icon

    Claudia R

    31/08/2016 19.06.50

    Ho avuto modo di leggere il romanzo in anteprima grazie a Garzanti e IBS. Devo dire che era tanto che non leggevo un romanzo del genere: occorrono stomaco e fegato per affrontarlo e tuttavia non si può fare a meno di procedere. Catena è forte, Catena è libera nelle sue catene. È la storia della vita che non cede all'orrore e, anzi, si rigenera; è una storia magica e nera, è la storia della colpa e del peccato annientati dal coraggio.

  • User Icon

    Gruppo di lettori in anteprima

    31/08/2016 10.21.20

    Storia di una bambina vissuta a fine '800 nell'ambito di una famiglia di cui il padre era per lei l'unica figura positiva. Scritto con grande forza espressiva, il racconto ricostruisce magistralmente un'epoca, una realtà di sopraffazioni, violenze, pregiudizi, che fanno da contrasto ai sogni, alla ricerca di libertà fisica ed intellettuale che caratterizzano Catena. Vittorio B.

  • User Icon

    nicole crotti

    19/08/2016 17.48.36

    A mio parere questo libro è scritto molto bene, con un linguaggio semplice a portata di tutti e ricco di aggettivi. Le sequenze descrittive non mancano, capaci di trascinare il lettore con similitudini e metafore; tuttavia, le sequenze narrative mi son sembrate scritte in maniera sbrigativa, i fatti avvengono con troppa velocità in alcune e questo rovina tutta la scorrevolezza del libro. Per quanto riguarda la storia, non banale e toccante. Mi è piaciuto tanto leggere l'estratto perché, in poche pagine, è riuscito ad appassionarmi e a suscitarmi la voglia di leggerlo sempre di più, lo consiglio a tutti.

  • User Icon

    sonia

    09/08/2016 10.44.18

    Quando la parte migliore di te ti lascia, e l'odio è l'unico rimedio per sopravvivere in un mondo che ti respinge e ti fa violenza, i buoni ricordi sono l'ultimo filo che ti permette di non cadere totalmente nel buio. Questo tipo di strada è tanto più lacerante quando a percorrerla è una ragazzina: Catena perso il suo unico vero affetto, il padre, si ritrova a combattere i pregiudizi e la cattiveria di chi ha il suo stesso sangue. Costretta a lasciare la casa paterna dovrà scontrarsi con un soggetto altrettanto ostile: la società. Scritto in uno stile asciutto che ben descrive la crudezza della storia, non esclude la capacità di comunicare al lettore anche passaggi carichi di liricità.

  • User Icon

    Luisa Gennero

    04/08/2016 16.13.53

    Una storia antica, ma anche di grande attualità che ritrae una società chiusa, isolana. Le isole si sa sono appunto isolate, circondate dal mare, staccate dalla terra ferma. Come una mare malvagio e senza fine, a volte l'omertà caratterizza gli isolani e avvolge tutto. Le diversità di pensiero, i colori di un arcobaleno di idee, vengono asfaltati ed ingrigiti. Tutto il diverso dalla consuetudine o dalla massa è motivo di vergogna, da sconfiggere ed occultare. In una Sicilia chiusa e maschilista, una ragazza appena sedicenne deve affrontare la perdita del padre che la proteggeva amorevolmente. Il padre l'aveva condotta per mano sulla via della conoscenza, del rispetto per tutte le creature e della libertà intellettuale. Dopo la sua morte, era sola. Vittima innocente di violenze un'omertà impietosa, vivrà l'inimicizia familiare e il dolore per i soprusi subiti. Abbandonata la casa in cui aveva vissuto sino a quel momento, fuggirà in un bosco dove dovrà crescere in fretta per non soccombere. Una Ragazza coraggiosa e sola che lotta con tutte le sue forze contro tutti e tutti e che riuscirà a ridisegnare la sua vita, come una stella brillante in mezzo alle nuvole.

  • User Icon

    Gruppo di lettori in anteprima

    04/08/2016 10.48.21

    Sin dalle prime pagine si ha subito l'impressione di ascoltare una storia attuale e allo stesso modo antica. Il ritmo è incalzante e subito si "parteggia" per Catena. Una ragazzina che ha perso troppo presto il padre, il suo unico punto fermo e deve affrontare una realtà veramente troppo grande per chiunque. Lo stile è scorrevole e accattivante. Merita un 5 pieno. Bravissima la scrittrice. Una storia che leggerò con grande entusiasmo. Gloria DI M.

  • User Icon

    Gruppo di lettori in anteprima

    03/08/2016 15.35.47

    In questa storia si intuisce fin dalle prime righe che l'autrice tratta dell'animo umano... con estrema lucidità e profondità. Non è dato a sapersi se nel corso dell'esistenza un uomo -o una donna come in questo caso- arriverà a toccare i confini della sopportazione. Ma se questo accade due sono le vie.... continuare a sopportare ad un certo punto soccombere e rassegnarsi oppure ribellarsi e cambiare in qualche modo il proprio stato con tutti i rischi che questa scelta comporta. GiuliGiù

  • User Icon

    domenico

    02/08/2016 13.21.08

    tema attualissimo in una Sicilia incantevole. Narrativa scorrevole e appassionante

Vedi tutte le 23 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione