In fondo alla strada

Wladislaw Terlecki

Traduttore: A. Zoina
Collana: La memoria
Anno edizione: 1983
In commercio dal: 29 settembre 1983
Pagine: 260 p.
  • EAN: 9788838902369
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 6,15

€ 7,23

Risparmi € 1,08 (15%)

Venduto e spedito da IBS

6 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

€ 3,90

€ 7,23

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Cristiano Cant

    17/06/2017 11:41:56

    Il primo pensiero, diretto, secco, che mi è arrivato in mente dopo aver chiuso questo libro ha immediatamente preso la forma di un gioco, una provocazione letteraria; immaginare di proporre un tema a tanti grandi autori: che cos'è la verità? Ebbene, nessuno potrebbe mai credere che il suddetto Signor Terlecki, se non sfiora l'oro con questo romanzo magnifico, ci va vicinissimo. Quasi alla Dostoevskij, o alla Camus (senza andare su Kafka), un incastro incredibile in cui il destino e la vita possono davvero sfiorarsi sentendo l'uno per l'altra le interezze del senso e del nonsenso praticamente identiche, sorelle, direi persino siamesi. La prosa nitida scorre lungo le pagine nella voce di un giudice, un uomo che legge nel proprio ruolo tutta l'infamia e la necessità insieme di dover portare a una logica quanto più precisa possibile l'infinito di un verbo: giudicare. Da qui un nugolo di riflessioni, di snodi, di profondità saggistico-letterarie consegnate all'io e alle sue cripte più buie degne davvero di un processo che resta specchio e volto di una carriera, di una vicenda. Bisogna che resti sul generale tanta è la densità che attraversa questo gioiello, tanta la cura nel solfeggio delle pagine, la maestria fra i passaggi, i guasti e le cure - forse - di un'agitazione interiore che tocca apici di poesia assoluta. Perché il bello è che c'è un'indagine, c'è chi investiga, ma c'è anche un reo confesso. E' qui è l'inghippo. Dunque arriva la divaricazione: verità giudiziale soltanto o accanto a quella una verità più alta, più sbagliata e imprecisa ma umana? Può bastare la prima, nessun'altra che quella è la verità? O è l'altra col suo gesto losco a illuminare in un capolavoro di maggior efficacia la sua arcaica sostanza? Lascio a chiunque voglia addentrarsi in queste spirali cotanta lettura, da cui esco più insicuro e contento insieme. Non c'è contraddizione. La sicurezza è un finale facile, forse giusto. Mentre la sorellastra apre orizzonti più vasti,rovescia e stordisce.

Scrivi una recensione

Un giudice di Pietroburgo alla ricerca della verità. Anzi, di tre verità: quella giudiziale, quella umana, quella del Giudizio.