Editore: Einaudi Ragazzi
Collana: Carta bianca
Anno edizione: 2015
Pagine: 181 p., Brossura
  • EAN: 9788866562368

Età di lettura: Da 12 anni

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Usato su Libraccio.it - € 5,94
Descrizione
Sasha ha quasi tredici anni e una passione bruciante: il calcio. Come potrebbe essere altrimenti? Suo padre è Nikolai Trusevyc, portiere della squadra più forte del Paese: la Dynamo Kiev. Ma in Ucraina, nel 1942, il pallone non è cosa per ragazze. E dopo l'invasione da parte del Reich non è cosa nemmeno per i campioni della Dynamo: accusati dai nazisti di collaborare con i sovietici e ridotti per questo alla fame e all'inattività, i giocatori hanno perso la voglia di vivere. Quando, a sorpresa, i tedeschi organizzano un campionato cittadino, non lo fanno certo per perdere; Sasha, d'altra parte, sa che suo padre e i compagni giocano sempre per vincere... Stavolta, però, vincere significherebbe morire. E qual è la vera vittoria? Lottare fino all'ultima azione, come chiede il pallone, o sabotare la partita, come le ha intimato un misterioso spettro, nel buio di un sottopasso? Mentre il fiume Dnepr, gelido, si porta via l'infanzia di Sasha, la Storia segue il proprio corso: il match avrà un esito così incredibile che nessuno, per lungo tempo, potrà raccontarlo. Questo libro ha vinto il Premio Cento 2016. Età di lettura: da 12 anni.

€ 9,35

€ 11,00

Risparmi € 1,65 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 11,00 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Orny

    11/03/2016 17:51:15

    Questo libro ha vinto il primo premio nazionale del Gigante delle Langhe per la narrativa 12-14, decretato dai ragazzi, con la seguente motivazione, che condivido in pieno: Per essere un romanzo di formazione, che alterna lo stile asciutto e incalzante della cronaca di una partita di pallone al più ampio respiro del procedere di un classico. Una pagina di storia poco conosciuta che apre allo sguardo del lettore tutto l'orrore della guerra. Poche censure a rappresentare la barbarie, la bestialità dell'uomo, il sopruso di ogni elementare diritto. In cronaca diretta o in meditata narrazione.

  • User Icon

    Giovanni Petitti

    17/02/2016 22:34:12

    Molti ingredienti, forse troppi, per una storia che avvince a corrente alternata: la II Guerra mondiale, l'occupazione nazista in Ucraina, la vera storia dei giocatori della Dynamo Kiev e di una squadra che deve sfidare i nazisti, una ragazzina che a dispetto degli stereotipi vuole diventare calciatrice seguendo le orme di suo padre. A volte i tanti piani si intrecciano efficacemente altre volte la scrittura si fa un po' farraginosa e il ritmo perde la sua efficacia. Comunque un libro che fa viaggiare nel tempo e nella storia, con incursioni nel mondo del calcio.

  • User Icon

    Sasha

    15/05/2015 06:17:18

    Chi ha inventato i giochi da maschio e i giochi da femmina?, si chiede Sasha, che è una ragazzina e ama il calcio. Ed è anche la protagonista del nuovo, tanto poetico quanto toccante, romanzo di Nicoletta Bortolotti dal titolo "In piedi nella neve" (Einaudi Ragazzi), che riprende una delle partite più tristemente famose della storia, quella giocata il 9 agosto 1942 tra le SS e i prigionieri (nonché ex calciatori) ucraini. Sasha che, con un linguaggio lieve ma infuso di dolorosa sapienza, racconta in prima persona, è la figlia del portiere della squadra e nell'occasione utilizzata come raccattapalle. Vedere da vicino, anzi partecipare alla partita è per lei (come per noi lettori, anche adulti) semplicemente indescrivibile: lo stomaco, da tempo vuoto di cibo, le si riempie di sogni realizzati. Perché i prigionieri derelitti trionfarono, sì, ma ciò fu pure la loro condanna a morte. Però in quel caso vincere, e quindi morire, era l'unico modo per continuare a vivere. Cosa sulla quale il calcio moderno potrebbe riflettere.

Scrivi una recensione