In una stanza sconosciuta

Damon Galgut

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: E/O
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 608,37 KB
Pagine della versione a stampa: 209 p.
  • EAN: 9788866320210

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

EBOOK
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Scrivi cosa pensi di questo articolo
5€ IN REGALO PER TE
Bastano solo 5 recensioni. Promo valida fino al 25/09/2019

Scopri di più

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

In questo nuovo romanzo dello scrittore sudafricano Damon Galgut, un giovane viaggiatore solitario attraversa l'Africa occidentale, la Svizzera, la Grecia e l'India. Senza cognizione precisa di cosa stia cercando e riluttante all'idea di tornare a casa, segue i sentieri dei viaggiatori che incontra sul suo cammino. Trattato da amante, accompagnatore, guardiano, ogni nuovo incontro – con uno straniero enigmatico, un gruppo di indolenti vagabondi, una donna sul baratro – lo porta a confrontarsi sempre più a fondo con la sua identità. Attraversando lande pacifiche e frenetici incroci di confini, ogni nuova direzione è permeata di profondi lutti mentre il protagonista viene sospinto verso una tragica conclusione. In una stanza sconosciuta è un romanzo brillante e di grande stile, pieno di rabbia e compassione, di un desiderio nostalgico e combattuto, e di un'intensa e bellissima evocazione della vita on the road. Pubblicato inizialmente su The Paris Review in tre parti, una delle quali selezionata per i National Magazine Award e un'altra per l'O. Henry Prize, In una stanza sconosciuta è stato finalista al Man Booker Prize nel 2010.
5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Umberto Mottola

    06/07/2012 19:36:59

    E' un grande romanzo, e non solo di viaggi, perché pieno di umanità, i personaggi hanno un grande spessore emotivo e credo che non li dimenticherò facilmente, specialmente Anna che deve fare i conti ogni minuto della sua vita con la malattia mentale. A pagina 53 leggiamo: "...uno degli elementi più irresistibili di un viaggio, il senso di terrore che soggiace a tutto, che rende più intense e acute le sensazioni, ...". L'autore analizza e descrive bene i legami e le tensioni che nascono dalle frequentazioni durante un viaggio. A pagina 126 leggiamo: "...sto scrivendo di me solo, ..., ed è proprio per questa ragione che ho sempre fallito in ogni amore, ...". Notevoli le pagine in cui Damon lotta per salvare la sua amica Anna. Però, nei dialoghi, ritengo che quando si pongono delle domande vada messo il punto interrogativo. Un po' abusato anche l'uso di spazi bianchi per indicare stacchi temporali o emotivi. Interessante il rapporto un po' ambiguo di Damon col compagno di escursioni Reiner.

| Vedi di più >
Note legali