Interstellar

Paese: Stati Uniti; Gran Bretagna
Anno: 2014
Supporto: DVD

21° nella classifica Bestseller di IBS Film - Fantasy e fantascienza - Fantascienza

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 9,99

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    franco

    23/09/2018 08:34:38

    una noia mostruosa!! troppo troppo lento.

  • User Icon

    Luca

    21/09/2018 17:50:45

    Un capolavoro del cinema di fantascienza, un capolavoro del cinema di Nolan. Profondo e coinvolgente, siderale e psicologico. Personaggi approfonditi e caratterizzati al top, resi vivi e reali da un cast più che all'altezza della situazione. Finale forse un po' troppo metafisico, ma nel mezzo ci sono scene che difficilmente si scolleranno dalla vostra memoria!

  • User Icon

    Francy

    21/09/2018 09:08:38

    Accuratezza scientifica (con qualche piccola concessione allo spettatore, vddinginale ) coniugata ad una narrazione malinconica e profonda fanno di questo film una pietra miliare della cinematografia. Da vedere e rivedere per apprezzarne i diversi piani narrativi: il desiderio della scoperta, gli affetti familiari, il senso della vita...

  • User Icon

    Francy

    20/09/2018 17:35:25

    Film che mi ha lasciata letteralmente attonita. Veramente impressionante e visivamente incredibile, uno dei più bei film che io abbia visto, e non sono una cultrice della fantascienza. Non riesco a immaginarmi qualcosa di migliore. Il finale commovente mi ha lasciato con la pelle d'oca alta dieci centimetri. Fantastica la colonna sonora di Hans Zimmer che danno ulteriormente maggiore spessore alle scene, principalmente nel finale e nella sequenza delle "montagne"! E meravigliosa interpretazione di Matthew McCounaghey.

  • User Icon

    Anna

    20/09/2018 16:24:47

    Un film di Nolan magistrale! Senza dubbio ha dei richiami a 2001 ma non scadono mai nella becera imitazione. Al contrario sono omaggi al grande Kubrick. Il film di Nolan prende una piega totalmente diversa e racconta la meravigliosa storia di un padre e una figlia.

  • User Icon

    ANTO14

    20/09/2018 14:40:05

    Molto ben fatto e ben recitato, con una vicenda (lunga) che tuttavia affascina. Non mi ha appassionato fino in fondo per alcuni paradossi temporali che secondo me non sono stati ben calcolati, e per una certa malinconia di fondo che caratterizza troppo tutto il film.

  • User Icon

    Claudia

    20/09/2018 10:30:27

    Un film che nonostante la sua durata notevole riesce a non annoiare mai e tenere l'attenzione sempre rivolta verso lo schermo. Una piccola chicca con una storia originale ed effetti speciali che lasciano senza fiato. Di diritto diventato uno dei miei film preferiti.

  • User Icon

    Luigi F

    18/09/2018 15:42:04

    bellissimo film di fantascienze che fa riflettere anche sul problema dell'esaurimento delle risorse del nostro pianeta ed il futuro dell'umanità

  • User Icon

    marco

    18/09/2018 14:39:05

    qualcuno lo adora,io invece non ci ho trovato nulla di particolare, anzi... parecchio noioso! adoro nolan e adoro sia mcconaughey che la hathaway, ma tutti e tre hanno fatto altri film di gran lunga più interessanti e pur adorando questo genere nè ho visti tantissimi migliori.

  • User Icon

    MARIELLA

    12/01/2018 16:40:17

    Film molto lento, del tutto irreale e inconcepibile. Non so se è un problema del dvd che ho acquistato ma la musica spesso sovrasta in modo esagerato sulle scene al punto che difficilmente si comprendono i dialoghi... dialoghi a volte del tutto inutili ai fini della vicenda.

  • User Icon

    n.d.

    08/12/2017 14:25:47

    Un film che fa riflettere!!! Lo consiglio veramente!!

  • User Icon

    Mauro

    06/12/2017 20:27:52

    Pur non essendo un vero cultore del genere, ritengo Interstellar un capolavoro a tutto tondo, in grado di reggere nel tempo a lungo

  • User Icon

    n.d.

    16/11/2017 01:33:38

    Un film incredibile, il senso della vita magistralmente narrato (da Nolan) ed interpretato (da McConaughey), con una colonna sonora pazzesca (di Hans Zimmer, una garanzia).

  • User Icon

    Albino

    22/05/2017 07:29:26

    Film non semplice che (a mio avviso) richiede almeno due visioni... ma una volta compreso nella struttura e anche nel messaggio (purtroppo non così improbabile...) mi ha letteralmente rapito. Bellissima la colonna sonora di Hans, ma qui non sono obbiettivo perché suo fan...

  • User Icon

    MoviesAddicted

    10/10/2016 21:10:40

    Potenzialmente buono, ma il finale troppo "fanta" piuttosto che "scientifico" rovina tutto.

  • User Icon

    Jason

    27/02/2016 13:57:44

    Basterebbe già da sola la vivida, emozionante rappresentazione del viaggio intergalattico via "wormhole" - una volta tanto scientificamente verosimile, essendosi il film avvalso della consulenza del fisico relativista del Caltech Kip Thorne, uno che di queste cose se ne intende, qui in veste anche di produttore esecutivo - per giustificare il massimo punteggio per questo capolavoro della fantascienza, senz'altro uno dei più belli e significativi degli ultimi dieci anni. Per non parlare della plastica visualizzazione del disco di accrescimento del "black hole", con suggestive immagini finalmente aderenti a quanto è oggi noto alla fisica di frontiera. Ma questo flick di "hard science-fiction", non certo di fantasy, contiene ben altro. Il "paradosso dei gemelli" - altra strana creatura tratta dal cilindro einsteiniano - ossia la sfasatura temporale che si crea tra chi rimane sulla Terra e chi viaggia a velocità prossime a quella della luce o, come in questo caso, si attarda troppo presso l'immane campo gravitazionale di un buco nero, qui dà la stura a una situazione che nel finale del film si traduce in una scena che a memoria d'uomo è tra le più commoventi e struggenti mai viste in un film: l'incontro tra il protagonista, il bravissimo Matthew McConaughey, rimasto pressoché giovane e la figlia Murph che lasciò bambina e che ora ritrova vecchia e morente e che offre un raro, mirabile esempio di sapiente commistione tra scienza di frontiera e sentimenti universali. E difatti non c'è solo il tecnicismo in questo film: sul di esso aleggia una sensazione costante di tristezza, quasi di disperazione che solo nel finale si stempera nella speranza e infine nel riscatto. Per quanto concerne gli altri protagonisti, il grande Michael Caine giganteggia anche in un ruolo secondario e perfino la Hathaway ha un ruolo che va dritto al cuore. In sottofondo troneggia in crescendo la strepitosa colonna sonora di Hans Zimmer, tra le più grandiose ed evocative mai ascoltate. Jason

  • User Icon

    EMILIANO VALENTINI

    06/09/2015 11:53:11

    Grandi effetti speciali che denotano un indubbio talento visivo, ma il resto è molto deludente: trama contorta e risibile, non priva di assurdità e dal ritmo francamente abbastanza noioso.

  • User Icon

    William Dollace

    16/08/2015 22:43:33

    Qualche bordata di retorica interferisce con le traiettorie di questa navicella cinematografica firmata f.lli Nolan. Le trovate sensazionalistiche "alla Spielberg" non trovano stavolta un contrappunto visionario e nemmeno particolarmente cervellotico (e questo versante rimane un enorme buco nero nel buco nero). Nolan piega il suo cinema verso le colline Hollywoodiane non trovando però terreno fertile nella parte di cuore intelligente dello spettatore.

  • User Icon

    Maurisell

    16/08/2015 18:00:00

    Deludente, grandi effetti speciali,ma questo e' del tutto abituale, interpreti spesso spaesati, sequenze intere difficilmente comprensibili, lento e funestato da 2 ore e 40 di continua musica. Astronavi che entrano ed escono da worm-hole e buchi neri, ridicolo. Peccato, salverei l'inizio, anche se troppo somile a Contact. Non parliamo dei riferimenti ad altri film, perche' ci vorrebbe una pagina solo per questo, da 2001 a 2010, Contact, stargate ecc. ecc., addirittura fino al pianeta delle scimmie ( atterraggio in acqua dell'astronave).

  • User Icon

    henry il grigio

    06/08/2015 17:10:03

    Beh definirlo capolavoro mi sembra un pò azzardato.Un buon film per passare una serata di fantascienza,ma non impegnatevi troppo a cercare di capire...secondo me neanche il regista ci ha capito molto. Comunque, c'è di meglio, ma anche di peggio, quindi 3/5 e guardatevi Blade Runner per paragone.

Vedi tutte le 29 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione

Va detto: dura quasi tre dannate ore. E poi è un’odissea nello spazio senza Ufo, senza creature di un altro pianeta con la pelle blu e senza alieni che balzano fuori dal petto di Matthew McConaughey. Interstellar rivela una parte speranzosa del regista Christopher Nolan che farà incazzare le cassandre che hanno amato Il Cavaliere Oscuro. E poi, hey, non lo sapevate che Alfonso Cuarón ha appena vinto un Oscar per aver diretto Gravity? Per quanto tempo ci si aspetta che gli spettatori si entusiasmino per le scie dei razzi spaziali?

Bla, bla, bla. A chi contesta questo film sfugge quanto Interstellar sia affascinante, con quale grazia riesca a mescolare il cosmico e l’intimo e con quale abilità riesca a esplorare l’infinito che c’è nei più piccoli dettagli umani.

È chiaro, Nolan non è mai stato il freddo tecnicista che molti credono essere. Guardate Memento (2000) di nuovo, o The Prestige (2006), o il sottovalutatoInsomnia (2002). Il fatto è che Interstellar rivela che è il cuore l’arma segreta che Nolan ci aveva tenuto nascosta – perché bisogna stare attenti con le emozioni, rischiano di esporti al ridicolo. Ma anche quando Nolan si sforza di esprimere al massimo i sentimenti e la sceneggiatura che ha scritto con suo fratello Jonathan si fa arzigogolata è difficile non cogliere la passione del visionario che vuole raggiungere le stelle.

E questo ci porta a parlare della trama, piena di sorprese che non vi sto certo per anticipare. Nel poster di Interstellar McConaughey si aggira per una superficie deserta. Dovrebbe essere Saturno, ma potrebbe benissimo essere la Terra, dove un uso scriteriato delle risorse ha trasformato il pianeta in un posto sudicio che affama e soffoca i suoi abitanti.

Nolan passa il primo terzo del film nel cuore contadino dell’America (così come sarà tra qualche anno). Ci presenta il vedovo Cooper (McConaughey), un ex pilota collaudatore della NASA che ora dipende dal suocero (John Lithgow) per crescere il suo figlio 15enne Tom (Timothée Chalamet) e la sua figlia Murphy (la superba Mackenzie Foy), che ha 10 anni. Murphy è tutta suo padre: è una ribelle che si rifiuta di credere a quello che le dicono a scuola, dove si insegna che il programma spaziale Apollo non è mai esistito, è stata solo una bugia.

È quando padre e figlia trovano dei reduci della NASA che la storia prende davvero il largo. Cooper parte per lo spazio alla ricerca di uno nuovo mondo da colonizzare, lasciando sulla Terra due figli che potrebbero non perdonarlo mai più.

Le lezioni di fisica arrivano quando Cooper dirige la stazione spaziale Endurance con un team di scienziati composto da Amelia (Anne Hathaway), Romilly (David Gyasi) e Doyle (Wes Bentley). (Una nota per gli spettatori: 2001: Odissea nello spazio, il capolavoro che Kubrick diresse nel 1968, e Star Wars sono dentro il Dna di Nolan. Reagite di conseguenza)

E poi arriva il momento wow, quello che rende Interstellar il nirvana di chi ama il cinema. Manovre ad alta tensione. Una visita a sorpresa. Una battaglia nella tundra ghiacciata. Un’onda grande quanto una montagna. Complimenti a Nolan e al suo team. Guardate Interstellar in un cinema Imax, se potete. Capirete il vero significato di “spaccare i culi”.

Infine, l’ora finale, che dà al film risonanza e un valore che rimarrà. McConaughey scolpisce ogni dettaglio senza doverne sottolinearne neanche uno. È un virtuoso, il suo volto è una mappa della vita che ha perso quando i suoi figli l’hanno bombardato di emozioni.

Nel caso non l’abbiate notato, McConaughey è in stato di grazia. E funziona davvero bene insieme alla Chastain, che dona alla versione adulta della figlia Murphy una grazia strabiliante.

Il tema, qui, è l’amore familiare, non quello romantico o sessuale. Cosa c’entra con le esplorazioni spaziali? Nolan lo fa spiegare alla Hathaway con un monologo. Ma quella scena non è nulla al confronto dell’eloquenza che brilla dagli occhi di McConaughey e Jessica Chastain. Sono il cuore ferito di Interstellar, un film che ci confonde solo quando prova a trattare l’amore come una scienza con regole da applicare.

In 2001, Kubrick guardava al futuro come a qualcosa che c’era sfuggito di mano. Per Nolan, la compagnia che ci facciamo l’un l’altro è l’unica cosa che abbiamo. Nolan crede che nel corso di un film sia meglio pensare, piuttosto che stare seduti a guardarlo e basta. Può darsi che questo renda Nolan il nostro cavaliere bianco. Nel caso, buona fortuna.

Recensione di Peter Travers

2015 - Oscar [Academy Awards] - Migliori effetti speciali

  • Produzione: Warner Home Video, 2015
  • Distribuzione: Warner Home Video
  • Durata: 169 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1);Inglese (Dolby Digital 5.1);Spagnolo (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Italiano per non udenti; Inglese per non udenti; Spagnolo
  • Formato Schermo: 2,40:1
  • Area2