L' intrusa

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Paese: Italia
Anno: 1955
Supporto: DVD
Salvato in 2 liste dei desideri

€ 6,99

Punti Premium: 7

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Un medico, infelice per la morte della fidanzata, salva dal suicidio Luisa, una ragazza alla quale un mascalzone ha rovinato la vita e che ha perso il bambino che aspettava. Il medico la sposa più per pietà che per amore. Ma il ritorno del primo amore della ragazza farà entrare in crisi il loro rapporto.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Film in bianco e nero
  • Produzione: Ripley's Home Video, 2011
  • Distribuzione: Terminal Video
  • Durata: 100 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 1.0 - mono)
  • Lingua sottotitoli: Francese
  • Formato Schermo: Full screen
  • Area0
  • Lea Padovani Cover

    Attrice italiana. Dopo il debutto nel varietà esordisce sul grande schermo nel 1945 in L'innocente Casimiro di C. Campogalliani a fianco di E. Macario. Bellezza bruna e intensa, trova maggiore fortuna in teatro, mentre il cinema non saprà utilizzare al meglio le sue doti interpretative relegandola spesso in parti di sfondo. La si ricorda giovane operaia antifascista in Il sole sorge ancora (1946) di A. Vergano, moglie dolente in Cristo fra i muratori (1949) di E. Dmytryk, fanciulla speranzosa in Roma ore 11 (1952) di G. De Santis, moglie tradita in Il seduttore (1954) di F. Rossi. Dopo aver interpretato alcune pellicole in Francia negli anni '50 e '60, tra cui il paradossale Candy e il suo pazzo mondo (1968) di C. Marquand, si dedica alla televisione. Negli anni '80, trasferitasi negli Stati... Approfondisci
  • Amedeo Nazzari Cover

    "Nome d'arte di Salvatore A. Buffa, attore italiano. Dopo un'intensa attività teatrale (lavora, tra gli altri, con A. Ninchi, M. Abba e T. Pavlova), tra il 1935 e il 1940 si specializza nel cinema in ruoli di romantico avventuriero, leale e coraggioso, che lo rendono popolarissimo (Ginevra degli Almieri, 1935; Cavalleria, 1937, di G, Alessandrini; La cena delle beffe, 1941, di A. Blasetti). Nel dopoguerra rinverdisce la sua fama interpretando con Y. Sanson, tra il 1950 e il 1957, una serie di melodrammi lacrimosi diretti da R. Matarazzo, che ottengono un enorme successo di pubblico (Catene, 1949; Torna!, 1954), affrontando anche ruoli meno schematici in Processo alla città (1952) di L. Zampa e Le notti di Cabiria (1957) di F. Fellini. Tra le sue interpretazioni successive si segnalano Il clan... Approfondisci
  • Rina Morelli Cover

    Attrice italiana. Figlia d'arte (entrambi i genitori sono attori di palcoscenico) giunge al grande schermo nel 1940 sulla scia di un'intensa e fortunata carriera teatrale legata ai nomi di E. Zacconi, L. Visconti e P. Stoppa, suo compagno anche nella vita privata. Dotata di indubbie doti interpretative e di una buona carica ironica che le permettono di spaziare dal registro drammatico a quello brillante, forse per il fisico poco appariscente, non riesce a ottenere mai parti di primo piano. Ottima doppiatrice, presta la sua voce a G. Kelly e J. Hollyday, ma come attrice si afferma soltanto in ruoli marginali, tratteggiati con sapiente maestria: è una sardonica vecchietta che fila in La corona di ferro (1941) di A. Blasetti, l'intensa Laura in Senso (1954) di L. Visconti, la madre invadente... Approfondisci
Note legali