-15%
copertina

Io, Franco

Manuel Vázquez Montalbán

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Hado Lyria
Editore: Frassinelli
Collana: Tascabili
Anno edizione: 1997
Formato: Tascabile
In commercio dal: 15 aprile 1997
Pagine: 630 p.
  • EAN: 9788876844515

€ 7,02

€ 8,26
(-15%)

Punti Premium: 7

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Io, Franco

Manuel Vázquez Montalbán

€ 8,26

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Io, Franco

Manuel Vázquez Montalbán

€ 8,26

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Allo scrittore Marcial Pombo, comunista e appartenente a una famiglia di antifranchisti perseguitati, viene proposto di scrivere la biografia in prima persona del generale Franco. Dopo i primi tentennamenti, lo scrittore accetta e ne approfitta per fare di questa autobiografia un'opera di feroce critica, di riflessione polemica sulla persona e sull'operato del dittatore.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale


(recensione pubblicata per l'edizione del 1993)

recensione di Tranfaglia, N., L'Indice 1994, n. 1

È particolarmente difficile per la narrativa contemporanea riuscire a coniugare l'immagine poetica e letteraria e il senso del dramma dei nostri tempi, di questo Novecento incominciato :al culmine della cosiddetta 'belle époque' europea, proseguito con il ferro e il fuoco dei fascismi e della dittatura staliniana e che ora sta finendo in mezzo a guerre sanguinose e a processi allarmanti di disgregazione nazionale.
Né mi pare essere testimonianza evidente la narrativa del nostro paese che, scomparsi Italo Calvino e Leonardo Sciascia, sembra, a mio avviso, trovare quasi soltanto in Sebastiano Vassalli (penso anche al suo ultimo "Il cigno", che pure a tanti - e in parte anche a me - non è piaciuto) romanzi capaci di farci sentire l'atmosfera e il senso della storia contemporanea.
Certo, i modi che un popolo ha di elaborare i propri lutti non prendono necessariamente la forma del romanzo ne quella della storia.
I modi sono tanti e differenti e negli ultimi decenni, per far solo un esempio, il cinema a volte è riuscito ad andare più avanti della narrativa e della storia e a riproporci in maniera originale un passato prossimo che stava per scomparirei penso a "Heimat I" e "II" del regista tedesco Edgar Reitz che, forse meglio di scrittori e storici, ha fatto rivivere a tanti spettatori, in Germania e fuori, due giovinezze e due stagioni fondamentali per il popolo tedesco, quella dell'ascesa nazionalsocialista e quella del "miracolo economico" e della progressiva americanizzazione negli anni sessanta e settanta.
Nella Spagna, uscita dopo quasi quarant'anni da una dittatura di tipo fascista seppure anomalo come quella di Francisco Franco, un ruolo centrale nella collettiva elaborazione del lutto ha assunto da molti anni lo scrittore catalano Mannuel V zquez Montalb n, che gli italiani conoscono soprattutto attraverso i gialli che hanno come protagonista il detective Pepe Carvalho (da "Assassinio al Comitato Centrale" pubblicato anni fa con successo da Sellerio alla "Solitudine del manager" uscito di recente da Feltrinelli, per citare solo due titoli), ma che è di sicuro, per la sua intensa attività di poeta, di commentatore del quotidiano "El Pais" e per essere l'autore di "Galindez", un romanzo che ha vinto il Premio Europeo de Literatura e il Premio Nacional de Literatura, uno degli scrittori più amati e seguiti nel suo paese e di anno in anno in tutta Europa. V zquez Montalb n, che ha vissuto la sua giovinezza durante la dittatura, lottando contro di essa nel partito comunista clandestino e finendo per un anno nelle carceri franchiste, ha sempre avuto assai forte nei suoi romanzi questo senso del presente e del passato insieme, ha seguito con grande capacità di penetrazione le trasformazioni sociali e culturali della società spagnola dopo il franchismo e ha più volte sottolineato nei suoi "gialli", come negli altri romanzi e racconti (penso a un altro titolo importante pubblicato da Sellerio, "Il pianista"), il peso della dittatura franchista e della sua eredità per la democrazia che pacificamente vi è subentrata alla morte del 'Caudillo', mettendo in luce, attraverso i personaggi creati e i loro drammi personali, le contraddizioni tra la vecchia e la nuova Spagna, i guasti dell'antico autoritarismo, le inerzie delle tradizionali istituzioni del paese, a cominciare dalla Chiesa e dall'apparato finanziario.
C'era da aspettarsi, perciò, che Montalb n affrontasse prima o poi di petto il personaggio chiave nella storia spagnola del Novecento, quello che vi ha impresso un'impronta fortemente negativa ma senza dubbio centrale, cioè il generale Francisco Franco Bahamonde, nato alla fine del secolo scorso in un paesino della Galizia, El Ferrol, e fortunosamente asceso, dopo una rapidissima carriera militare, a comandante supremo dei militari che si ribellarono alla Repubblica spagnola nel luglio 1936 e, dopo tre anni di guerra civile, si impadronirono del potere grazie anche all'aiuto delle potenze fasciste, la Germania di Hitler e l'Italia di Mussolini. Lo scrittore catalano lo ha fatto immaginando che lo stesso Franco decidesse di ripercorrere la sua vita, ogni tanto interrotto o postillato da un personaggio minore, un letterato comunista che ha pagato pesanti prezzi per la lunga dittatura e, per guadagnarsi la vita, decide appunto di registrare le vicende del 'Caudillo' per una pubblicazione a grande tiratura.
Lo strumento narrativo, quello di una finta autobiografia, presentava più di un rischio per lo scrittore: quello di non riuscire a cogliere i tratti davvero essenziali della personalità del 'Caudillo' o, per riuscirvi, innalzargli alla fine una sorta di monumento. E ancora quello, essenzialmente letterario, di scrivere un saggio storico piuttosto che un romanzo.
Montalb n ha evitato questi e altri rischi entrando compiutamente nella psicologia di Franco e facendolo parlare per seicento pagine come se il dittatore, alla fine della sua vita, facesse un ampio bilancio della sua opera, dello sue battaglie militari e politiche, dei suoi progetti per il futuro della Spagna.
Il falso "autoritratto" che emerge a poco a poco dalla narrazione di Montalb n è assai somigliante nei tratti fondamentali (e gli storici spagnoli che lo hanno criticato mi sembra abbiano guardato piuttosto ai dettagli che alla somiglianza del ritratto complessivo). Franco fu, a differenza di Hitler e Mussolini, un tipico rappresentante del ceto militare tradizionale, legato da una parte alla Chiesa e dall'altra all'ideologia e agli interessi dei grandi proprietari terrieri. Aveva qualità indubbie di comando e di tattica militare, ma soprattutto riuscì a diventare nel tempo il rappresentante di quelle forze sociali ed economiche che in Spagna non volevano la democrazia e per questo preferivano una versione spagnola di fascismo che ebbe bisogno di una sanguinosa guerra civile per conquistare il potere. Tanto il 'Caudillo' agiva come rappresentante di queste forze che quando, negli anni sessanta, il fascismo non era più presentabile e il partner americano, d'accordo con la Chiesa cattolica, chiedeva limitate riforme per la modernizzazione, Franco non vi si oppose e, con l'aiuto del fido Carrero Blanco, si accomodò a un regime più moderno e con tendenze tecnocratiche ma sempre duramente repressivo nei confronti del movimento operaio come dell'intelligencija democratica di ogni tendenza.
Montalb n ci fa scorrere con la sua scrittura, che anche in questo libro è piena di lampi e di sottile ironia, tutta l'epopea franchista con i suoi vaioli tradizionali, gonfi soltanto di retorica, con la sua ferocia, verso i comunisti prima di tutto ma in generale verso tutti quelli che non accettavano la dittatura, i giochi con gli alleati fascisti e poi con gli Stati Uniti, l'uso sapiente della prospettiva monarchica. Franco ne esce male, come un uomo che non ha umanità n‚ sentimenti autentici, che vive nella vuota retorica dei suoi slogan ed è dominato soltanto da un'ambizione smodata. Ma anche tutti i personaggi del regime (se si esclude il fratello di Franco, Ram¢n, personaggio deviante della famiglia e per questo più umano) compaiono nel romanzo con i loro gravi difetti, la loro mancanza di coraggio, il conformismo di fondo che lo scrittore sembra attribuire a tanti spagnoli.
Una lezione di storia, insomma, con le armi e le caratteristiche del romanzo. Montalb n è preoccupato, come si legge nei dialoghi delle ultime pagine, della grande perdita di memoria del nostro tempo, di chi vuol far dimenticare che cosa è veramente accaduto.
Lo siamo anche noi e ci chiediamo perché in Italia nessuno abbia ancora scritto un "Io, Mussolini" con le intenzioni e la scrittura di Montalb n. Di questi tempi non sarebbe - crediamo - una cattiva idea. Ma forse nel nostro paese non ci sono ancora scrittori versatili e ispirati dalla storia come il creatore di Pepe Carvalho.
  • Manuel Vázquez Montalbán Cover

    Poeta e romanziere spagnolo. Ha svolto un’intensa attività giornalistica collaborando con diverse testate e in particolare con «El País». Ha raggiunto la fama con la creazione del personaggio-detective di Pepe Carvalho, sorta di ironica versione catalana di Maigret o Marlowe, avventuriero dagli spiccati interessi erotico-gastronomici, protagonista di numerosi romanzi polizieschi: da Io ho ucciso Kennedy (Yo maté a Kennedy, 1972), a La solitudine del manager (La soledad del manager, 1977), a Un delitto per Pepe Carvalho (Los mares del Sur, 1979), a Gli uccelli di Bangkok (Los pájaros de Bangkok, 1983), che ha segnato l’inizio della sua popolarità internazionale. Sono seguiti, tra gli altri, La rosa di Alessandria (La roja de Alejandría,... Approfondisci
Note legali