Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

L' isola dei monaci senza nome - Marcello Simoni - ebook

L' isola dei monaci senza nome

Marcello Simoni

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 1,23 MB
Pagine della versione a stampa: 329 p.
  • EAN: 9788854158153
Salvato in 11 liste dei desideri

€ 2,99

Punti Premium: 1

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

EDIZIONE SPECIALE: CONTIENE UN ESTRATTO DI L'ABBAZIA DEI CENTO PECCATI DI MARCELLO SIMONI

Un autore da oltre un milione di copie nel mondo

Rex Deus Saga

Vincitore del Premio Bancarella


Il 2 luglio 1544 l’armata del corsaro ottomano Khayr al-Din Barbarossa mette sotto assedio le coste dell’isola d’Elba.
Lo scopo è liberare il figlio di Sinan il Giudeo, suo generale delle galee, tenuto in ostaggio dal principe di Piombino. Il vero interesse del corsaro non è però il giovane, bensì il terribile segreto che egli custodisce. Il figlio di Sinan è infatti l’ultimo depositario di un mistero risalente ai tempi di Gesù e in grado di minare le basi della fede cattolica. Ma il Rex Deus è stato occultato per oltre quindici secoli ed entrarne in possesso sarà tutt’altro che semplice. Il giovane dovrà seguire un’antica pista di indizi lasciata da un monaco templare, destreggiandosi tra rivalità di corsari, intrighi di corte e battaglie navali. E dovrà anche sventare il complotto della Loggia dei Nascosti, intenzionata a mettere le mani su quell’antico segreto.

Che cos'è il Rex Deus e perché il suo segreto è nascosto da oltre quindici secoli?

«Lo strano caso del giovane bibliotecario da centomila copie.»
la Repubblica

«Marcello Simoni ha fatto il botto.»
Sette - Corriere della Sera

«Il bestseller venuto dal passaparola.»
La Stampa

«Un ritorno al Medioevo fantastico e misterioso.»
Il Sole 24 Ore

«Immaginate un’atmosfera tipo Il nome della rosa: questo è il favoloso mondo di Marcello Simoni.»
Vanity Fair

La reliquia più ricercata della storia sta per essere ritrovata...


Marcello Simoni

È nato a Comacchio nel 1975. Ex archeologo e bibliotecario, laureato in Lettere, ha pubblicato diversi saggi storici; con Il mercante di libri maledetti, romanzo d’esordio, è stato per oltre un anno in testa alle classifiche e ha vinto il 60° Premio Bancarella. I diritti di traduzione sono stati acquistati in diciotto Paesi. Con la Newton Compton ha pubblicato La biblioteca perduta dell’alchimista, Il labirinto ai confini del mondo, secondo e terzo capitolo della trilogia del famoso mercante, L’isola dei monaci senza nome, con il quale ha vinto il Premio Lizza d’Oro 2013, e L'abbazia dei cento peccati. Nella collana Live è uscito I sotterranei della cattedrale.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,11
di 5
Totale 19
5
8
4
1
3
2
2
1
1
7
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Lovix

    18/01/2016 13:25:24

    niente di particolare, nemmeno bruttissimo, vedremo il seguito se aumenta il valore di questo

  • User Icon

    mariafloria

    17/10/2014 16:16:17

    Libro lento come un'agonia e troppo confuso. In assoluto uno dei libri più brutti che mi siano capitati fra le mani...peccato...

  • User Icon

    lalla

    13/03/2014 10:02:15

    Un libro superficiale, con troppi personaggi che sono stereotipati, le descrizioni sono confuse. La storia non è originale ed è molto lenta e si trascina fino alla fine..... una VERA AGONIA. Che delusione!!!!!!!

  • User Icon

    botta giovanni

    04/02/2014 10:12:58

    Capisco perchè finalista di Premio Salgari. Infatti mi sembra di essere tornato a 12 anni quando leggevo i romanzi di Emilio Salgari. Estremamente superficiale e scontato. Descrizioni raffazzonate e confuse. Quando si scrive un romanzo storico o si inventano nomi e luoghi o si deve essere rigorosamente precisi. Mi piacerebbe sapere come ha fatto il capitano pontificio partito da Malta per ritornare in patria a passare da Mitilene (ora Lesbos)isola dell'alto Egeo!!!!! Inoltre va ricordato che l'isola diede i natali a Aruj Barbarossa, che è ricordato dalla storia come sultano di Algeri. Potrei continuare ma mi limito ad osservare che in questi casi occorre una corretta revisione storica ma soprattutto geografica, della descrizione dei luoghi per evitare brutte figure.

  • User Icon

    Erika

    21/12/2013 19:53:28

    Non mi ha molto convinto, ovvio che ci sarà un seguito....

  • User Icon

    ferruccio

    19/12/2013 21:17:33

    Numerose battaglie navali con vascelli ottomani e cristiani in una lotta senza quartiere il cui fine è scoprire una tremenda verità tale da mettere in discussione la fede cristiana...ma anche l'orgoglio che raggiunge il parossismo per la brama di potere, conquista e ricchezza.

  • User Icon

    Robin

    21/10/2013 16:28:07

    Ho praticamente amato Ignazio da Toledo e qui non c'è. Le storie di pirati non fanno per me e qui è praticamente un covo di pirati. Ma il tutto gira intorno ad un mistero: cos'è il Rex Deus? Perchè scoprirlo metterà a repentaglio la Chiesa Cattolica? Bè tocca leggerlo. Anche se..... Una bella avventura, un giallo accattivante fanno di questo libro un romanzo piacevole.

  • User Icon

    Marco

    01/10/2013 22:20:21

    E chi l'avrebbe detto che sostanzialmente un libro di pirati potesse piacermi tanto? Il mistero è solo un espediente per portare il lettore dentro un epoca di guerra e viaggiatori , descritta bene e in maniera mai noiosa. Da provare a leggere, coraggio!

  • User Icon

    Egome

    28/09/2013 08:50:03

    Storia contorta, con troppi personaggi, alcuni inutili, tirati fuori quasi a caso, senza un ruolo significativo nel racconto. Si spera che il racconto, dopo un avvio abbastanza fiacco, possa prendere il volo: ma, ahime, la storia si trascina stancamente, senza guizzi, con inutili dilungamenti e digressioni che alla fine stancano il lettore, invece di stimolarne la curiosità. Dopo 200 pagine mi sono arreso... Delusione !

  • User Icon

    ANDY

    23/09/2013 11:47:53

    Personaggi stereotipati, storia non originale.

  • User Icon

    Maddy

    09/09/2013 20:43:49

    Quando si introducono nel proprio romanzo i cosiddetti "segreti universali" che coinvolgono l'intera umanità, sarebbe opportuno fornire validi argomenti a suffragio, altrimenti diventano pure e semplici mistificazioni.Libro per niente originale, adatto a chi predilige una lettura poco impegnativa.

  • User Icon

    patrizia

    31/08/2013 15:39:31

    E' il primo lbro di Simoni che leggo e devo dire che mi è piaciuto molto. Bella la storia, l'ambientazione, l'epoca. Lo stile di scrittura è molto lineare e scorrevole e leggerò senz'altro anche le altre opere dello scrittore.

  • User Icon

    giordanocarlonicoletta

    30/08/2013 14:03:43

    Un libro che ti prende e si legge molto bene, avendo già letto dell'autore gli altri libri anche questo è veramente bello e appasionante.

  • User Icon

    fabrizio caruso

    25/08/2013 09:24:37

    si legge speditamente, ma quando finisce ti resta il nulla.

  • User Icon

    Steve

    20/08/2013 11:57:26

    Simoni migliora di romanzo in romanzo e ci regala un'opera davvero ottima. Libro godibilissimo che si legge in un fiato. Bravo.

  • User Icon

    ales

    23/07/2013 19:59:10

    Wow! E' il termine più adatto per definire questo romanzo, una via di mezzo tra realtà e fantasia, carico di avventura, azione, suspense e storia! Complimenti davvero, una lettura molto piacevole!

  • User Icon

    Miss Page

    16/07/2013 11:01:42

    Volevo concedermi una lettura che fosse un mix tra fatti storici, fantasia, avventure , misteri. E ho trovato proprio il libro giusto! Spero ne facciano un film, perché secondo me si adatta perfettamente!

  • User Icon

    Simona

    12/07/2013 10:31:27

    Ci sono tutti gli elementi che possono rendere il libro avvincente! L'ambientazione, il mistero, il periodo storico così pieno di intrighi. Ma anche battaglie, amore..thriller! Bellissimo!

  • User Icon

    Vladimiro

    05/07/2013 12:39:38

    Sarà perché sono un suo fan, ma Marcello Simoni non sbaglia un libro e anche "L'isola dei monaci senza nome" è degno dei precedenti. Un thriller avvincente com'è la sua scrittura, mai noioso e con cenni storici che rendono il libro completo in ogni suo aspetto. Dopo poche righe si capisce che non staccherai gli occhi dal libro fino all'ultimo capitolo. Sarà il libro dell'estate,sicuro.

Vedi tutte le 19 recensioni cliente

Siete amanti dei thriller storici? Di quei libri che ti portano in epoche lontane alla scoperta di antichi misteri? In questo caso non potete perdere il nuovo romanzo di Marcello Simoni, L’isola dei monaci senza nome. Dopo lo straordinario successo dei precedenti Il mercante dei libri maledetti, La biblioteca perduta dell’alchimista e I sotterranei della cattedrale, dopo aver vinto il 60° Premio Bancarella ed essere arrivato finalista al Premio Salgari 2012, l’autore di Comacchio ci riconsegna una storia di suspance che è ambientata nel Cinquecento ma affonda le sue radici in un segreto secolare che giunge addirittura alle soglie dell’era cristiana.
Inizia tutto nel 1534, in una “notte senza luna, sul mare di Toscana”: un monaco e un misterioso pirata si ritrovano sul ponte di una nave, durante una battaglia. Entrambi sono a conoscenza di un segreto che hanno per anni custodito gelosamente. È qui che per la prima volta viene nominato l’oggetto attorno a cui ruota tutta la storia: il Rex Deus. Cosa sarà mai? Deve trattarsi di qualcosa di molto prezioso se, dieci anni dopo, lo spietato corsaro ottomano Khayr al-Dīn Barbarossa mette sotto assedio le coste dell’isola d’Elba per rapire Cristiano d’Hercole, un ragazzo la cui storia al Rex Deus è profondamente legata. Il feroce comandante sa che il giovane è l’ultimo depositario di un mistero risalente ai tempi di Gesù che, se rivelato al mondo, potrebbe assestare un duro colpo alla Chiesa cattolica e addirittura minare le basi della fede cristiana. Ma attorno alla ricerca del Barbarossa, che lascerà indietro un gran numero di assedi, battaglie, morti innocenti, si muovono tanti personaggi che - più o meno direttamente – sono interessati al Rex Deus, mossi dal desiderio di vendetta, di potenza, dalla bramosia del possesso. Braccato da ogni lato il giovane Cristiano, fino ad allora all’oscuro di tutto, dovrà farsi strada tra enigmi nascosti, rivelazioni sussurrate in punto di morte, torture e massacri, prima di giungere alla verità. Grandi personaggi sono coinvolti nel mistero del Rex Deus: l’imperatore Carlo V, principi, duchi e signorotti locali, condottieri valorosi e pirati senza scrupoli e, sotto l’intricata trama della storia, si legge l’oscuro nome di una confraternita segreta, la Loggia dei Nascosti.
Ma L’isola dei monaci senza nome, tra avvenimenti storici e leggende, non vede solo gli uomini impegnati in battaglia. Amore filiale e desiderio sessuale, amicizia e tradimento, prigionia e voglia di libertà sono gli altri forti ingredienti di questa avventura di mare e coraggio che cambierà i protagonisti, stravolgendone storia e destini. Succede a Cristiano che giunge a mettere in dubbio la propria identità; alla sua amata Isabel de Vega, che dietro l’apparente candore, nasconde forza e irriverenza; al Cavaliere Leone Strozzi che vive con dolore il dissidio di un amore impossibile e cova un desiderio di vendetta che lo accompagna da una vita. Lungi dall’essere divisi in buoni e cattivi, i personaggi principali nel corso del romanzo conoscono un’evoluzione problematica. Molti di loro si troveranno a riflettere sui concetti di colpa, redenzione, rimorso e in più punti anche per il lettore sarà difficile capire dove il perseguimento di un nobile obiettivo sconfina pericolosamente nell’ingiustizia e nel dolore che si infligge agli altri. Una nota di merito va fatta a proposito delle donne del romanzo – Isabel, Margherita, Elena - decise e volitive a volte più degli uomini, loro sostegno e fonte di tortura insieme.
Un altro elemento che contribuisce alla riuscita del romanzo è certamente la sua ambientazione: le coste della toscana, l’Elba, Porto d’Ercole, l’isola del Giglio sono la splendida quinta degli scontri tra le flotte cristiane e i pirati turchi. E poi, sopra ogni cosa, il mare, teatro di sanguinose battaglie, che assurge quasi a protagonista del libro, nonché in fondo correlativo oggettivo dell’incessante mutevolezza della natura umana.
La scrittura di Marcello Simoni si sposa perfettamente con una trama che scorre fluida, senza intoppi, quasi venisse – capitolo dopo capitolo - azionata da meccanismi nascosti. Verrebbe da pensare a un moderno romanzo di appendice e il riferimento è perfetto se si considera che il libro racchiude tutti gli episodi della Rex Deus Saga che Newton Compton aveva già pubblicato in ebook, con un’ottima immediata risposta di pubblico. Un feuilleton in formato digitale, insomma, con i giusti colpi di scena nei momenti strategici ed echi che, lo stesso autore, ha ammesso provenire dai grandi romanzi “Il conte di Montecristo”, “Rocambole”, “Il Corsaro nero”.
Per chi volesse approfondire certe tematiche, inoltre, Simoni inserisce una nota finale dal titolo “Tra storia e fiction” in cui fornisce ulteriori dettagli circa gli avvenimenti citati e spiega in quali punti ha lasciato che i vuoti storici venissero riempiti con l’immaginazione e la fantasia.
Dopo tutto non è forse assodato che i romanzi, con la loro capacità di analisi della natura umana, riescono a raccontarci la Storia al pari dei documenti stipati negli archivi?

A cura di Wuz.it

  • Marcello Simoni Cover

    Ex archeologo, laureato in Lettere, svolge il lavoro di bibliotecario. Ha pubblicato diversi saggi storici, ha partecipato all’antologia 365 racconti horror per un anno, a cura di Franco Forte (2011). Altri suoi racconti sono usciti per la rivista letteraria «Writers Magazine Italia». Con Il mercante di libri maledetti (Newton Compton 2011), il suo primo romanzo, ha vinto il Premio Bancarella. Nel 2012 sempre con Newton Compton ha pubblicato La biblioteca perduta dell'alchimista, nel 2013 Il labirinto ai confini del mondo e L'isola dei monaci senza nome. Del 2014 è L'abbazia dei cento peccati, e nello stesso anno il suo racconto "La prigione delle anime" appare nell'antologia Delitti di Capodanno, sempre per Newton Compton. Nel 2016 esce per Einaudi Il marchio dell'inquisitore,... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali