Categorie

Ahmet H. Tanpinar

Traduttore: F. Salomoni
Editore: Einaudi
Collana: Letture Einaudi
Anno edizione: 2014
Pagine: X-448 p. , Brossura
  • EAN: 9788806196868
La Casa Editrice Einaudi ha pubblicato, nell'eccellente traduzione di Fabio Salamoni, uno dei capolavori dimenticati della letteratura turca, L'Istituto per la regolazione degli orologidi Ahmet Hamdi Tanpınar (1900-1964). Come ha scritto Orhan Pamuk in Istanbul, Tanpınar è al contempo l'anello di congiunzione tra la letteratura turca moderna e l'alta tradizione ottomana e il pioniere del romanzo di avanguardia, nonché il precursore delle estetiche sperimentali che dagli anni ottanta hanno dominato la narrativa turca. Egli inoltre è il primo, nell'ambito di una letteratura di fatto prodotta dalla modernizzazione, ad avere riflettuto su tale processo e sul rapporto tra la soggettività moderna e la memoria individuale e collettiva. La tradizione cui apparteneva Tanpınar tentava, nell'atmosfera di inizio secolo, una sintesi colta e cosmopolita delle poetiche orientale e occidentale, ispirata da una parte dall'avanguardia francese, e dall'altra dai nascenti sentimenti nazionalistici. Negli anni venti, Mustafa Kemal Atatürk, il padre della Repubblica, avrebbe subordinato la costruzione della nazione a una radicale discontinuità storica con la tradizione musulmana e imperiale, spingendo intellettuali come Tanpınar ai margini dell'emergente canone politico e letterario. La nazione turca si fondava non tanto sulla continuità di un'esistenza storica, culturale e linguistica, quanto su di un futuro progettato all'interno della moderna civiltà occidentale. Per realizzare ciò la leadership repubblicana intraprese un radicale programma di trasformazione, sostituendo, con rigorosa cura per il nuovo ed il moderno, abbigliamenti, usi, costumi tradizionali che fino a quel momento avevano governato la vita quotidiana e concorso a configurare le identità personali e collettive. Una nuova narrazione storica avrebbe marginalizzato l'impronta islamico-ottomana; l'introduzione dell'alfabeto latino condannato all'oblio la plurisecolare produzione culturale imperiale; la purificazione della lingua dagli elementi lessicali e sintattici dell'arabo e del persiano distrutto la ricchezza linguistica dell'universalismo ottomano, per trasportare velocemente la Turchia nella modernità il calendario musulmano sostituito da quello Gregoriano. Il tempo cominciò ad essere scandito al ritmo occidentale e divenne un valore stimabile in denaro. L'Istituto per la regolazione degli orologi è una straordinaria rappresentazione satirica di questo processo di trasformazione. La voce narrante del romanzo pubblicato nel 1961 è Hayri Irdal, un anti eroe, un concentrato di buon senso, che finisce per essere travolto dalla potenza con cui la narrazione riesce ad imporsi facendosi realtà, a tal punto che non ci sono azioni che possano contrastarla. La difficoltà a rassegnarsi ai tempi e a non intestardirsi a cercare connessioni tra passato e presente lo condanna a un'esistenza grigia, segnata dall'emarginazione e dalla disoccupazione. Il protagonista è percepito da chi gli sta attorno, come un idealista, un pessimista, un individuo ancorato nel passato. L'indole pigra e eternamente attratta da coloro ai quali attribuisce maggiore carisma e forza di volontà rispetto a se stesso, combinata con le convenienze del momento, sottomette Hayri Irdal di volta in volta a una nuova guida; al maestro orologiaio dell'adolescenza, che lo aveva introdotto alle ipotesi sul tempo e sulla sua misurazione, segue, negli anni di giovinezza, il dignitario ottomano decaduto. Per l'incapacità, contro ogni evidenza, di abbandonare per tempo quest'ultimo subirà una condanna e diventerà il primo paziente del dott. Ramiz, che sta introducendo in Turchia la psicoanalisi appresa durante un soggiorno viennese. Questi presenterà il protagonista a Halit il Regolatore, maestro di manipolazione, che ne modificherà per sempre il destino, facendone un manipolatore. Non appena Hayri Irdal indossa il vestito, dono del nuovo benefattore, vede la sua "esistenza cambiare radicalmente". Comincia a guardare "alla vita da una prospettiva globale come lui .. a usare espressioni come 'co-ordinamento', 'organizzazione del lavoro' ... a definire la propria mancanza di volontà con parole quali 'inevitabilità', 'impossibilità', a stabilire confronti imprudenti tra Oriente e Occidente, ... a soppesare gli uomini con uno sguardo che significa 'A cosa possono servire?', e a vedere la vita come un impasto da lavorare nel proprio mortaio". Senza Hayri Irdal non esisterebbe il fantomatico Istituto per la regolazione degli orologi. Diventato uomo di successo, ricercato e amato da tutte le donne che prima erano irraggiungibili creature da servire, accetta e promuove la menzogna come verità, fino a rendere l'Istituto "il frutto della propria vita". Scrive la posticcia biografia di uno sceicco inventato, Ahmet Efendi il Tempistico, ("Tutto ciò che ha un nome esiste!" dice Halit il Regolatore) al quale il genio di Halit attribuisce con due secoli di anticipo la scoperta delle frazioni di secondo di Graham: "Ahmet Efendi il Tempistico è una necessità del nostro secolo e ha soddisfatto questa necessità verso la fine del diciassettesimo secolo". L'intera funzione dell'Istituto, descritto come "una pietra miliare della burocrazia per nome, compiti e forma organizzativa", è quella di focalizzare l'attenzione del pubblico su un eterno e isolato presente: "la storia è agli ordini del presente" Hayri Irdal trova fama e benessere accettando di vivere in un mondo senza connessioni; un'esperienza che, considerata in retrospettiva, appare un incubo.    Ayse Saracgil  

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    furetto60

    22/11/2016 10.35.06

    Opera che sfugge ad una precisa classificazione, in cui il filo narrativo si dipana in vari rivoli e una miriade di personaggi. Basti pensare che lo svolgimento vero e proprio, quello relativo al titolo, inizia da pag. 300 ca., nel pregresso l’autore prepara il terreno, spiega i retroscena, illustra il background. A momenti validi si alternano altri meno felici, poco coinvolgenti, ma è proprio l’opera nel suo complesso che lascia un sapore indefinito ed un interrogativo su tutti? La lettura, ne è valsa la pena?

  • User Icon

    Q3ttola

    24/08/2015 15.47.15

    La via turca al realismo magico che Garcia Marquez avrebbe reso celebre qualche anno dopo? Può darsi, ma in questo libro c'è molto più che una semplice galleria di personaggi poeticamente improbabili e tratteggiati con potenza e dettaglio. C'è anche - come giustamente asserito in quarta di copertina - una finissima satira della burocrazia che assume dimensioni metafisiche e ci fa sentire meno soli se ci poniamo domande sul senso del nostro vivere in una società. Lampi di ironia imbevuti di un cinismo leggero, veloce, capace di disinnescare (o di innescare) rancori lunghi intere generazioni. E poi c'è Istanbul, crogiolo di saperi, di umori, fucina inesauribile di storie e di mondi. Per me, un capolavoro.

  • User Icon

    Alberto

    14/08/2015 10.54.30

    Un libro forse un po' impegnativo in principio ma poi godibilissimo, che presenta una visione nuova, piena di ironia e di disincanto, sulla condizione umana. E lo fa con rara maestria e leggerezza. Una vera sorpresa.

  • User Icon

    francesco v

    01/06/2015 16.34.41

    Non mi emoziona, non mi incuriosisce, non mi sorprende. Mollato a pag 180.

  • User Icon

    AMarelli

    30/03/2015 20.09.13

    Un grazie ad Einaudi per aver portato in Italia questo gioiello. Superate le prime trenta pagine, piuttosto sconcertanti, si viene risucchiati in un universo incredibile, tanto originale quanto intelligente e divertente. Da non perdere.

  • User Icon

    Cristiano Cant

    29/10/2014 19.15.25

    Un curioso inizio di serata sfogliando questo libro ha lentamente generato l'inatteso di una notte insonne e favolosa. Dissolto dalla gioia di una lettura travolgente, tramortito nel fondo più custodito della ragione da quest'opera incredibile, tento un commento come un acrobata che deve per forza tenere insieme il volo e la presa, l'equilibrio e le torsioni, la grazia e il coraggio. C'è nel libro tutta la tenerezza dei perdenti che sfidano la vita senza perdersi al primo smacco, la spassosa grandezza dell'eroe folle che sogna un suo ordine nelle cose per poi trovarsi nelle mani una foschia di insuccessi in fila indiana commoventi come soldatini di un tempo. Libro meraviglioso, profondo come la ragione quando abdica a tutto, sensato come lo sguardo che non si orienta più, ricchissimo di quell'incantevole grana poetica che la spenta vita ingessata non potrebbe mai sfiorare. Un affresco di sublime follia nel quale ci si deve consapevolmente perdere dimenticando che vita e letteratura non coincidono, e che spesso, anzi, e per fortuna, ci sono storie che eclissano e superano col loro prodigio impossibile la sterile apparenza del vivere grossolano. E' certo fra i cinque romanzi più riusciti pubblicati in Italia quest'anno. Visione, tenacia, sorriso e candore di un antieroe che è puro spirito germogliato dal genio.

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione