Jazz in the Space Age - Vinile LP di George Russell

Jazz in the Space Age

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: George Russell
Supporto: Vinile LP
Numero supporti: 1
Etichetta: Doxy
Data di pubblicazione: 28 novembre 2016
  • EAN: 0889397020774
Salvato in 3 liste dei desideri

€ 19,50

Punti Premium: 20

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Edizione limitata per uno dei lavori più innovativi del grande direttore d'orchestra jazz americano. Pubblicato nel 1960 dalla prestigiosa Decca, il disco introduceva una serie di ritmi ed atmosfere davvero futuribili per gli standard contemporanei, andando a definire i confini di un approccio che a lungo avrebbe segnato gli scenari delle musiche creative. Spalleggiato da grandi solisti - il piano di Bill Evans e Paul Bley e la batteria di Charlie Persip ad esempio - Russell dipingeva nuovi scenari rivoluzionando per sempre l'estetica jazz.
Disco 1
1
Chromatic Universe Part 1
2
Dimensions
3
Chromatic Universe Part 2
4
The Lydiot
5
Waltz from Outer Space
6
Chromatic Universe Part 3
  • George Russell Cover

    Pianista, arrangiatore e compositore statunitense di jazz. Dopo un'iniziale attività come batterista, si concentrò sulla composizione, ideando una propria teoria (pubblicata nel 1953 come The lydian chromatic concept of tonal organization) che ha posto le basi del jazz modale e fornendo brani a Dizzy Gillespie (Cubana be e Cubana bop, 1947), a Buddy De Franco (A Bird in Igor's yard, 1949), a Lee Konitz (Ezz-thetic, 1951). Ha inciso con i propri gruppi comprendenti Art Farmer, Bill Evans, Don Ellis, Eric Dolphy e in seguito, negli Stati Uniti e in Scandinavia, con formazioni di ampio organico, elaborando opere (come le tre versioni di Electronic sonata for souls loved by Nature, 1966, '69 e '80) che lo collocano tra i compositori più geniali e innovativi del jazz moderno. Approfondisci
Note legali