John Carpenter - Prince of Darkness

Stefano Falotico

Editore: Youcanprint
Anno edizione: 2018
In commercio dal: 5 settembre 2018
Pagine: 138 p., Brossura
  • EAN: 9788827845479
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
"Il suo nome è John Carpenter, principe della mia invincibile, stupenda tenebra virulenta... Film dopo film, mi soffermo dinanzi a ogni sua opera con minuziosità chirurgica, dapprima malignamente per sfidare tanta magniloquenza così delicatamente adamantina, e poterne scovare i possibili difetti o le eventuali pecche ma poi, sebbene ardisca a voler trovar nelle sue opere incongruenti, registiche inesattezze e rudezze stilistiche, sebbene sia tentato dal voler approntare delle correzioni alla sua radicale, elevatissima visione, rimango soltanto incantatoriamente ipnotizzato dalla sua lucida, profetica, garbata ed equilibrata solennità intoccabile, poderosa e irresistibile. Perché è John Carpenter e non posso che giustamente venerarlo. E porgere questo mio sentito omaggio a lui, sì, al prince of darkness, estasiandomi nell'estatica luce del suo Cinema rivelatorio e magnificente." (L'autore)rché è John Carpenter e non posso che giustamente venerarlo. E porgere questo mio sentito omaggio a lui, sì, al Prince of Darkness, estasiandomi nell'estatica luce del suo Cinema rivelatorio e magnificente." (L'autore)

€ 9,35

€ 11,00

Risparmi € 1,65 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Kapitan MIkonos

    27/09/2018 07:35:25

    ohn Carpenter Prince of Darkness di Stefano Falotico. E' una vera e propria telecronaca dei film di Carpenter, densa di particolari, imperdibile per gli amanti e appassionati dei libri sul cinema. Il Falotico non seguendo alcun ordine cronologico, si muove in quello che è ormai il suo ecosistema, il cinema d'autore, ma questa volta, al contrario del suo precedente su David Cronenberg, l'analisi si fà quasi maniacale, una vera e propria vivisezione delle principali pellicole di Carpenter, minuziosa e cerebro-paranoica ai limiti dell'odierno Sherlock Holmes della geniale serie televisiva Elementary. I film vengono sorvolati ad uno ad uno, non seguendo quasi nessun ordine cronologico, ma credo un ordine cerebrale, dettato dall'istinto brutale, nell'analizzare una delle più grandi figure del cinema di genere, mai apparse, John Carpenter nel suo inarrivabile alone di misterioso perfezionismo, e controllo maniacale dei dettagli. Un'opera senz'altro più matura questa, rispetto alla sorvolata su Cronenberg, che tralasciava forse il cronenberg anni 80, e ben più strutturata, in cui si rivela una attitudine vagliata nel tempo a soprassedere ai sollazzi, tenendo ferma la direzione voluta del concept filosofico-stilistico. Io aggiungerei solo che in "Essi vivono" ci vedo anche tanto Philip k Dick, e ciò che poi sarà Matrix etc. etc. etc.

  • User Icon

    Kapitan Mikonos

    22/09/2018 11:27:03

    John Carpenter Prince of Darkness di Stefano Falotico. E' una vera e propria telecronaca dei film di Carpenter, densa di particolari, imperdibile per gli amanti e appassionati dei libri sul cinema. Il Falotico non seguendo alcun ordine cronologico, si muove in quello che è ormai il suo ecosistema, il cinema d'autore, ma questa volta, al contrario del suo precedente su David Cronenberg, l'analisi si fà quasi maniacale, una vera e propria vivisezione delle principali pellicole di Carpenter, minuziosa e cerebro-paranoica ai limiti dell'odierno Sherlock Holmes della geniale serie televisiva Elementary. I film vengono sorvolati ad uno ad uno, non seguendo quasi nessun ordine cronologico, ma credo un ordine cerebrale, dettato dall'istinto brutale, nell'analizzare una delle più grandi figure del cinema di genere, mai apparse, John Carpenter nel suo inarrivabile alone di misterioso perfezionismo, e controllo maniacale dei dettagli. Un'opera senz'altro più matura questa, rispetto alla sorvolata su Cronenberg, che tralasciava forse il cronenberg anni 80, e ben più strutturata, in cui si rivela una attitudine vagliata nel tempo a soprassedere ai sollazzi, tenendo ferma la direzione voluta del concept filosofico-stilistico. Io aggiungerei solo che in "Essi vivono" ci vedo anche tanto Philip k Dick, e ciò che poi sarà Matrix etc. etc. etc. Fine della conversazione in chat Digita un messaggio...

Scrivi una recensione