The King of Limbs

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: Radiohead
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: XL Recordings
  • EAN: 0827565057665
Salvato in 20 liste dei desideri

€ 17,50

Punti Premium: 18

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 11,99 €)

Disco 1
1
Bloom
2
Morning Mr Magpie
3
Little by Little
4
Feral
5
Lotus Flower
6
Codex
7
Give up the Ghost
8
Separator
3,2
di 5
Totale 5
5
0
4
3
3
1
2
0
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Rosa

    25/09/2019 18:24:27

    Ancora una volta i Radiohead mi stupiscono con un album migliore dei precedenti. Per quanto siano inarrivabili altri album secondo me i Radiohead si distinguono per la loro voglia di sperimentare. E' uno dei rari gruppi in cui i nuovi dischi sono differenti/migliori dei precedenti. Un lavoro da ascoltare e riascoltare per capirlo in pieno

  • User Icon

    diego

    06/09/2011 11:51:42

    Ascolto ed amo i Radiohead dal 1998; ho vissuto e condiviso la mutazione più o meno graduale della loro musica, da pop a rumorosità destrutturata di tutto..... sono stato a 2 concerti e ascolto tutti gli album indistintamente. Ma questo non riesco a tollerarlo o a capirlo. L'ho ascoltato 3 volte e l'ho abbandonato senza il coraggio di riprovarci.

  • User Icon

    Odette

    22/07/2011 13:23:32

    I Radiohead evolvono, crescono, ed è una fortuna per chi li segue. Se fossero rimasti ai tempi di Pablo Honey credo che molti di noi li avrebbero abbandonati da un pezzo. Siamo circondati da band e cantautori che fanno della loro staticità il loro biglietto da visita, chi per mancanza di idee (e quindi campando di rendita), chi a scopo puramente commerciale (se sperimentano qualcosa di nuovo, non vendono più). Ognuno poi ascolta cosa vuole ... A mio avviso seguire il percorso dei Radiohead è un viaggio entusiasmante e ricco di esperienze, e sebbene sia convinta che ogni fan degno di tale appellativo sia stato marchiato a fuoco da Ok Computer, tutti i dischi successivi ci hanno lasciato - in maniera diversa - qualcosa di indiscutibilmente grandioso. P.s. non ho nulla contro i ritornelli orecchiabili, anche per leccare un gelato serve la giusta colonna sonora (a patto che non sia Ligabue, ma questa è un'opinione del tutto personale!) ;-)

  • User Icon

    GIORDANO

    22/05/2011 19:55:26

    Un disco dei Radiohead risulta sempre difficile da definire: c'è sempre qualcosa che rimane fuori, qualcosa che sfugge e non si lascia etichettare. Questo disco in particolare è un oggetto misterioso: dopo 3 anni e mezzo di attesa i Radiohead riescono ancora una volta a spiazzare tutti sfornando un disco sorprendente e inatteso. Se la voglia di sperimentare nuovi territori e non adagiarsi su vecchie conquiste li ha sempre contraddistinti, qui quello che manca forse è quel qualcosa in più che faceva la differenza nei precedenti capolavori. Un gran bel disco, che ha bisogno di numerosi ascolti per poter essere apprezzato appieno, ma che alla fine lascia una sensazione di voler ancora dell'altro, che manchi qualcosa che faccia quadrare il cerchio. Se la qualità e la classe sono fuori di dubbio è anche vero che questo è il primo disco da anni che lascia buona parte dei fan insoddisfatti! Certo non si possono fare solo capolavori ma forse dai radiohead era lecito aspettarsi qualcosina in più!

  • User Icon

    daniele santini

    12/05/2011 18:12:37

    Il più geniale gruppo della musica moderna prosegue il suo percorso musicale scardinando il ruolo della forma canzone così come lo conosciamo. al diavolo ritornelli e canzoni da cantare leccando gelati. Questa è roba seria, che scotta, ed è qui che si fa la storia. E chi se ne frega se la melodia è retrattile. I radiohead sono pur sempre i radiohead!

Vedi tutte le 5 recensioni cliente
Note legali