Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Lavorare gratis, lavorare tutti. Perché il futuro è dei disoccupati - Domenico De Masi - copertina

Lavorare gratis, lavorare tutti. Perché il futuro è dei disoccupati

Domenico De Masi

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Rizzoli
Collana: Saggi italiani
Anno edizione: 2017
Pagine: 256 p., Rilegato
  • EAN: 9788817092265
Salvato in 45 liste dei desideri

€ 17,10

€ 18,00
(-5%)

Venduto e spedito da Bibliotecario

Solo una copia disponibile

+ 4,00 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 12,06 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Un'inchiesta, una requisitoria e una proposta per vincere la partita del lavoro in undici mosse.

«Disoccupati di tutto il mondo, connettetevi!»

Ormai non esiste famiglia dove non ci sia un figlio, un parente o un amico che non sia disoccupato. Se ne parla come di un appestato, abbassando la voce per non farsi sentire dagli estranei, e comunque sospettando che, sotto sotto, si tratti di un fannullone o di uno scapestra- to. Con la disoccupazione giovanile stabile oltre il 40 per cento, l’Italia è oggi un Paese con milioni di questi fannulloni e scapestrati. Tutte le soluzioni sperimentate finora, compresi i voucher e il jobs act, celano l’intento di ampliare a dismisura un esercito di riserva professionalizzato e docile, disponibile a entrare e uscire dal mondo del lavoro secondo le fluttuazioni capricciose del mercato. Invece bisognerebbe avere il coraggio di affrontare il problema in tutta la sua gravità: la disoccupazione non solo non diminuirà, ma è destinata a crescere. Basta guardarsi intorno: ieri le macchine sostituivano l’uomo alla catena di montaggio, domani software sempre più sofisticati lavoreranno al posto di medici, dirigenti e notai. Insomma, il progresso tecnologico ci procurerà sempre più beni e servizi senza impiegare lavoro umano. E la soluzione non è ostacolarne la marcia trionfale, ma trovare criteri radicalmente nuovi per ridistribuire in modo equo la ricchezza. Per questo i disoccupati e tutti coloro che temono di poterlo diventare, se vogliono salvarsi, devono adottare una precisa strategia di riscatto. Perché pretendere un comportamento e un’etica ritagliati sul lavoro quando il lavoro viene negato? Perché non trasformare i disoccupati in un’avanguardia di quel mondo libero dal lavoro e sperimentare le occasioni preziose offerte da quella libertà? Ciò che oggi si prospetta non è conquistare, lottando con le unghie e con i denti, un posto di ultima fila nel mercato del lavoro industriale, ma sedere nella cabina di regia della società postindustriale. La soluzione è un nuovo modello di sviluppo e di convivenza, che possa condurci verso approdi sempre meno infelici.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3
di 5
Totale 1
5
0
4
0
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Nicola Celentano

    09/03/2019 22:05:32

    Il famoso sociologo Domenico De Masi in questo testo lancia sicuramente una provocazione ma al contempo propone un nuovo modello di convivenza e di sviluppo socio-occupazionale. De Masi inizia col soffermarsi sull'esercito di giovani disoccupati e precari che vanno via via aumentando nell'odierna società post-industriale. Infatti, al notevole aumento di laureati non è corrisposto un proporzionale incremento di posti di lavoro, anzi la meccanizzazione e il progresso tecnologico hanno ridotto moltissimo le possibilità lavorative in quanto ad esempio la sola invenzione del sistema Bancomat ha reso inutile l'esistenza di innumerevoli cassieri. Dunque, De Masi invita l'esercito di disoccupati a non soccombere, a non mettersi in condizione di elemosinare un lavoro per giunta sotto-pagato, bensì auspica l'avvento di una strategia di riscatto. Ovvero, bisognerebbe organizzarsi in modo da lavorare gratis, e studiando nuovi criteri di sviluppo si potrebbe giungere a creare una generazione di persone che, libere dall'ossessione del lavoro a tutti i costi, si porrebbero al comando di un vero e proprio riscatto sociale. L'obiettivo è utopistico sicuramente, ma De Masi ci ha abituati a proposte che fanno riflettere e discutere.

Disoccupati di tutto il mondo, unitevi

È un atto di accusa, fondato sul compendio della storia della disoccupazione attraverso i secoli (e i millenni). Domenico De Masi scrive come parla. Affabulatore abile e informato, il virtuosismo della sua narrazione rende la lettura fluida, malgrado l’accavallarsi di dati, citazioni, stringate analisi del pensiero di autori monumentali, come Keynes, o dei socialisti utopistici (Fourier, Owen, Saint-Simon). La descrizione dettagliata dei meccanismi che attualmente provocano la distruzione progressiva di posti di lavoro è inframezzata da sintesi a volte illuminanti - «il profitto va perseguito e corteggiato, mai nominato; così pure non vanno mai nominate le classi (che non esistono più), la lotta di classe (estinta per sempre), la rivoluzione (sconfitta dalle riforme), lo sfruttamento (assorbito dalla crisi generale), i padroni (che sono la buona «parte viva» del Paese”)» -, altre volte inclini a forzature. È indiscutibile che «l’economia prende il sopravvento sulla politica, la finanza prende il sopravvento sull’economia», ma subito dopo affermare che «le agenzie di rating prendono il sopravvento sulla finanza» assomiglia a una triplo salto carpiato concluso da una rovinosa caduta.

Un’opera ricca di stimoli e con qualche proposta innovativa, ma alla fine incompleta, certamente non per mancanza di spazio. D’altronde, che per una teoria compiuta non siano necessarie le 256 pagine di questo testo, lo dimostra un autore che, nel profluvio di citazioni, De Masi non menziona mai. A Piero Sraffa sono bastate le 112 pagine di Production of Commodities by Means of Commodities, per offrirci una pietra miliare nella storia del pensiero economico, al cui interno introduce il principio di indeterminazione: non è possibile individuare una legge che determini simultaneamente il salario e il saggio del profitto.

Recensione di G. B. Zorzoli.

Leggi la recensione completa su Alfabeta2.it

Indice

I. Un mondo a parte e al di sotto

II. La disoccupazione come faccenda individuale

III. La disoccupazione come piaga industriale

IV. La disoccupazione come condanna sociale

V. Le disuguaglianze

VI. Sviluppo senza lavoro

VII. Non stare al gioco

VIII. Che fare

  • Domenico De Masi Cover

    Nato a Rotello (Campobasso) nel 1938, Domenico De Masi è laureato in Giurisprudenza ed è specializzato in Sociologia del Lavoro. Ha collaborato con diverse riviste e testate, come “Il Punto”, “Tempi moderni”, “Nord e Sud”,“Dove” e “Style”. Ha fondato la rivista “NEXT. Strumenti per l'innovazione” e ha insegnato in diverse università italiane.Ha diretto per l’editrice Clu la collana di scienze sociali e per l’editore Franco Angeli la collana “La Società”.Ha pubblicato, fra gli altri: Il futuro del lavoro (Rizzoli, 1999), Ozio creativo (Ediesse 1991 e Rizzoli, 2000); La fantasia e la concretezza (Rizzoli, 2003); L’emozione e la regola. I gruppi... Approfondisci
Note legali