Il leone di Norrland

Claudio Nebbia

Editore: Sovera Edizioni
Anno edizione: 2006
In commercio dal: 1 luglio 2006
Pagine: 240 p., Brossura
  • EAN: 9788881245109
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 11,34

€ 11,34

€ 21,00

11 punti Premium

€ 19,95

€ 21,00

Risparmi € 1,05 (5%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    LaRecherche

    15/06/2010 21:36:48

    [...] Un romanzo, questo, destinato ai lettori più giovani e sognatori, appartiene al genere fantasy ma la storia è tutta solidamente ancorata alla realtà, non avendovi nessuna parte il soprannaturale o il magico, che in genere si riversa a piene mani in questo genere di narrazioni. Al contrario, l’autore pone le avventure del protagonista in un contesto realistico, il romanzo infatti gode di una veridicità che lo rende solido, e, senza essere prevedibile, porta il lettore a legarsi con Eothian e a proseguire la lettura con partecipazione e con il sottile dubbio se quanto letto è frutto di fantasia o di cronaca. L’altro elemento che suscita questa sensazione di realtà è la precisa meticolosità con cui Nebbia, l’autore, ha costruito le Sette terre, territorio che ricorda l’Europa centrale, (o, se vogliamo, la Terra di Mezzo di Tolkien) coi suoi abitanti, le sue leggi, religioni e fatti, collocando il tutto in una sorta di Medio Evo - ancora Pagano - con una sua Storia e un suo divenire dotati di una verosimiglianza degna di un trattato storico. In effetti sarebbe stato assai semplice situare la vicenda in un periodo ed un luogo tratti dalla realtà e confondere il tutto con un po’ di magia e qualche forzatura, invece Nebbia, prima costruisce un ambiente, strutturato in maniera esemplare e poi vi colloca il suo racconto e lo fa con esemplare bravura e senza facili scorciatoie. Certo, in alcuni tratti la struttura ricalca fatti storicamente noti, come gli attacchi dei saraceni, o le scorribande piratesche, ma l’abilità del narratore riesce a dare al tutto una notevole coesione e rende intatta l’impressione di leggere di un mondo fantastico, perché frutto di fantasia, ma non stucchevolmente o palesemente falso. Il fluire della vicenda è narrato con fare delicato ed elegante, con un periodare snello e semplice, in cui le descrizioni di Norrland, la sua storia e i suoi usi sono armonizzati perfettamente nel contesto. [...]

  • User Icon

    Luca

    24/06/2008 08:19:08

    Quando ho letto, tempo fa, il Leone di Norrland di Claudio Nebbia, l’ho finito in 3 giorni. Man mano che mi avvicinavo verso la fine cercavo di rallentare per non finirlo troppo in fretta… Il ritmo è avvincente, l’ambientazione richiama luoghi reali (da scoprire…!) e non solo di fantasia. Non è un fantasy convenzionale, ha un ritmo e uno stile tutto suo. La fine del libro mi aveva lasciato un po’ in sospeso, intuivo che ci doveva essere un seguito (che infatti è poi arrivato, Ritorno a Norrland). Esiste anche un sito internet…..

Scrivi una recensione

Con un tiepido raggio di sole autunnale comincia la giornata del protagonista, Eothian, che tra tediose lezioni di retorica e più accattivanti insegnamenti d'arme, si prepara a diventare il futuro heretog di Irmongard.Un destino già scritto, il suo, come richiede la tradizione, ma una congiura ordita alle spalle della sua famiglia distruggerà in una sola notte le sue certezze e cambierà per sempre la sua vita.