Editore: Mondadori
Anno edizione: 2016
Formato: Tascabile
Pagine: 448 p.
  • EAN: 9788804667193

nella classifica Bestseller di IBS Libri - Classici, poesia, teatro e critica - Storia e critica - Studi generali - Dal 1800 al 1900

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 10,62

€ 12,50

Risparmi € 1,88 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Tiktaalik

    19/08/2016 15:20:01

    Per chi fosse interessato alla biografia del poeta,il libro è ricco di dettagli.Non so però fin a che punto ci si possa completamente fidare di Citati nella descrizione dei versi.Nel capitolo conclusivo ci sono considerazioni su La ginestra,ma non comprendo perchè venga ritenuta banale l'auspicata solidarietà tra gli uomini contro la natura maligna,non è che la fede tolga a Citati obiettività?Altro che non mi è piaciuto,uno è la prolissità,concetti ripetuti non una volta non due non tre,ma CENTINAIA,per dirla come i Gatti,due è che a volte sembrava di leggere il pensiero non di Leopardi,ma del critico,che invece dovrebbe muoversi a margine di un artista,non oscurarlo con le proprie convinzioni.Dove possibile è meglio leggere le parole autentiche del poeta,se riportate,e che già di per sè non tolgono dubbi su vari aspetti,ad esempio la possibile omosessualità di Leopardi.Riguardo alla psiche malata,Citati afferma che Leopardi soffriva di depressione psicotica,"come riconoscerà qualsiasi persona che ne abbia esperienza diretta o indiretta".Ecco io non auguro a nessuno di avere tale esperienza,che se non curata porta spesso al suicidio,e non comprendo la sicurezza dell'affermazione.La depressione maggiore toglie ogni entusiasmo,mentre Leopardi aveva almeno la passione della letteratura.E' passato alla storia come il cantore universale della disillusione umana,perchè questo avvertiva nelle sorti falsamente magnifiche e progressive,mi pare azzardato ridurre tutto ad una patologia,da un lato non si vuol derivare il pessimismo di Leopardi dai suoi mali fisici,e poi si tira in ballo la depressione.Cito un passaggio di Carmelo Bene in una trasmissione:"sempre caro mi fu quest'ermo colle" a scuola diviene "questa collina mi è sempre piaciuta" perchè si vuol sempre riportare tutto nella comprensione,nel pratico.Ecco,Bene ha dimostrato che si può dire tanto di Leopardi con poco, senza la ridondanza che purtroppo ha accompagnato questo testo.

Scrivi una recensione