Lilim del tramonto. Palestina quest

Bruno Tognolini

Editore: TEA
Collana: Teadue
Anno edizione: 2007
Formato: Tascabile
In commercio dal: 12 luglio 2007
Pagine: 324 p., Brossura
  • EAN: 9788878189904
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione

In un futuro vicino vent'anni e in un passato lontano duemila anni, si snoda la storia di Lilim Pitheké. Lele, un ragazzine esperto di videogame evoluti, e Padre Giuseppe, un vecchio frate costruttore di presepi meccanici, scoprono che stanno giocando la stessa antichissima storia, e che forse non è solo un gioco. Due personaggi tra le loro mani: Lilim, piccola vagabonda dotata di strani poteri, e Zahel, sicario impegnato in un'oscura quest. Cercare una giovane donna incinta di un Re Annunciato, ed eliminare il problema "prima che nasca". Il luogo è la Palestina dei Vangeli, nel formicaio impazzito dell'anno zero, tra legioni romane, monaci guerrieri, ribelli integralisti, Re Magi in viaggio, streghe devote all'antica Dea... Fuori di lì, nella realtà reale, tra madri che protestano per i figli "inchiodati al computer" e frati rigidi e ostili ai giochi, inesplicabili crash di sistema si incrociano a eventi stranamente simili narrati nei Vangeli. E infine eccola: in un tramonto fosco di conflitti, a poche ore dalla nascita di un Dio Bambino, guidata da un bambino videogamer, una strega bambina corre...

€ 7,50

€ 10,00

Risparmi € 2,50 (25%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

€ 5,40

€ 10,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    rain

    27/05/2010 11:24:55

    Forse avevo un'aspettativa troppo alta; il libro in generale è ben scritto, mi sono piaciute molto le figure di padre Giuseppe, di Lele e della sua famiglia, molto realistiche. E anche il viaggio di Lilim è bello, ma l'ho trovato un pò noioso, interessante, sicuramente, ma a volte ho fatto fatica ad andare avanti. E' piacevole, nel complesso, ma ripoeto, forse per le aspettative che avevo, non posso dargli un voto alto. Rain

  • User Icon

    Giovanna

    06/12/2008 14:57:16

    Bello, bellissimo.Magico,poetico,commovente, coloratissimo.Perchè non ne scrive altri???

  • User Icon

    matteo

    02/07/2008 16:14:36

    Se "Salto nell'Ultramondo" è libro scolpito nel Sogno, "Lilim" è libro tramato di Luce. La Luce copre, bagna, inonda, dipinge, nasce, muore, brulica, incendia, scompare, sorge, rotola, zigzaga. Luce arancione bianca argentea dorata buia stellata zitta parlante mite arrogante bruciante curatrice pazza magica mistica. Luce arancione che filtra dalla pagina e ti nuota negli occhi. E così ecco che sei protagonista.

  • User Icon

    Morena Nannetti

    07/05/2008 11:59:17

    Un libro che merita, per la qualità della scrittura e l'originalità della trama. Una romanzo avvincente, ricco di suspense e colpi di scena. in cui passato e futuro si incrociano e la realtà virtuale sembra prendere il sopravvento…

  • User Icon

    Emy

    28/12/2007 15:02:42

    Quando ho iniziato a leggerlo,ho pensato che era un altro buon esempio di libro per bambini adatto anche agli adulti,mi son dovuta ricredere e dire che è un libro per adulti adatto anche ai bambini. Lele è un bambino del futuro,Lilim è una bambina della Palestina anno zero.Sono uniti da un gioco, il gioco che fa Lele al computer.Lilim è la protagonista del gioco.La storia inizia il 15 dicembre per concludersi a Natale.Il libro delinea in modo semplice passato e futuro,li mescola e li ricompone con estrema verosimiglianza,è una miscela di giochi virtuali e paesaggi del presepe,di joystick e pietrine magiche,l’incontro di romani,ebrei,esseni,re magi,streghe,fate,sicari,adulti e bambini,magia e fede,è un inno alle filastrocche e ai salmi,ai giochi dei bambini innocenti e meno,alle barbi sempre presenti.Tutto legato a un unico evento virtuale,reale e storico,la nascita di un bambino che le profezie vogliono come il Messia.Quel bambino che Erode voleva eliminare,quel bambino che altri vogliono proteggere,quel bambino che tutti attendono.Sappiamo tutti come va a finire la storia.Ma cosa ci fa la piccola Lilim,con un occhio chiaro e uno scuro,stracciona di strada,che fa giochi strani e dà da mangiare a CaneCotto,un bambino che la segue ovunque,insieme a Zahel,un sicario crudele e preparato,che cerca una giovane incinta il cui marito fa il falegname?La verità è palese,ma la curiosità spinge a leggere il libro velocemente,seguendo i due lungo tutta la Palestina,su strade sabbiose,il Giordano,il lago di Tiberiade,Nazaret, Betelemme,con descrizioni semplici e suggestive,del paesaggio tipico di Israele.Da metà libro si susseguono un insieme di battaglie a colpi di incantesimi,fionde,spade e preghiere.Nel futuro Lele è preso da crash di sistema,caschi e guanti che lo gettano nella virtù reale,dalla sorellina,dalla mamma,che non sopporta vederlo sempre al computer,fino ad andare da una psicologa dell’Igene Virtuale,e da Padre Giuseppe,che gioca con lui.Nn c’è morale religiosa.Scrittura semplice,scorrevole,"pittorica"

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione