I littorali del lavoro e altri scritti giornalistici 1932-1941

Carlo Emilio Gadda

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Curatore: M. Bertone
Editore: ETS
Collana: Gaddiana
Anno edizione: 2005
In commercio dal: 1 dicembre 2005
Pagine: 147 p., Brossura
  • EAN: 9788846714312
Salvato in 4 liste dei desideri

€ 7,00

€ 12,00
(-42%)

Venduto e spedito da Firenze Libri

+ 5,00 € Spese di spedizione

prodotto usato
Quantità:
LIBRO USATO

€ 11,40

€ 12,00
(-5%)

Punti Premium: 11

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO

Altri venditori

Mostra tutti (4 offerte da 12,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Carlo Emilio Gadda fu giornalista, poeta e scrittore. Nel volume vengono riprodotti dieci testi di Gadda che risalgono agli anni 1932-1941. Oltre alla contiguità cronologica, due particolarità li accomunano: sono nati come interventi giornalistici destinati a vari periodici e non sono mai stati ripresi a stampa dopo la prima, ormai remota, comparsa. Gli articoli sono partecipi della dimensione "eroica" che caratterizza l'intera opera dell'autore, e testimoniano un singolare, paradossale rapporto di continuità tra scritti pro e anti-fascisti dello stesso autore.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Carlo Emilio Gadda Cover

    (Milano 1893 - Roma 1973) scrittore italiano.La vita e le opere Nella città natale fece tutti i suoi studi, fino a quelli di ingegneria. Combattente nella prima guerra mondiale, fu fatto prigioniero e trasse da queste esperienze un Giornale di guerra e di prigionia, pubblicato più tardi (1955). Negli anni Venti svolse la professione di ingegnere, in Italia e all’estero, collaborando nel frattempo alla rivista fiorentina «Solaria», nelle cui edizioni pubblicò gran parte delle sue prime opere narrative: La Madonna dei filosofi (1931) e Il castello di Udine (1934). Da Milano, dov’era tornato a stabilirsi, si trasferì nel 1940 a Firenze, e qui risiedette quasi ininterrottamente fino al 1950. Visse da allora a Roma, dove lavorò per il terzo programma radiofonico fino al 1955. A partire dagli anni... Approfondisci
Note legali