Lobby d'Italia. L'Italia dei monopoli, delle corporazioni e dei privilegi. Di giornalisti, farmacisti, professori, banchieri, notai... Le storture di un Paese...

Francesco Giavazzi

Collana: Futuropassato
Anno edizione: 2005
Formato: Tascabile
Pagine: 158 p., Brossura
  • EAN: 9788817007597

37° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Economia e diritto - Economia - Storia economica

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 6,97

€ 8,20

Risparmi € 1,23 (15%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
Aggiungi al carrello

€ 4,42

€ 8,20

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Ezio

    21/11/2006 16:32:19

    Illuminante.Fa luce laddove l'informazione mediatica mette tutto a tacere non occupandosene,o meglio,oscurando ciò che il cittadino dovrebbe sapere.Scritto bene,comprensibile anche per chi di economia non se ne occupa.

  • User Icon

    Gil

    29/05/2006 15:41:23

    Lo consiglio a tutti coloro che vogliono cambiare in meglio l'economia italiana, non c'è più spazio per i privilegi degli ordini professionali, dei baronati universitari, degli impiegati statali, delle imprese che producono prodotti scarsamente competitivi oppure vivono grazie a sussidi (Fiat) e concessioni da parte dello stato (Fininvest e Benetton) e delle associazioni di categoria e sindacali che invece di finanziarsi con gli iscritti mungono le casse statali. Il libro non è nè di destra nè di sinistra, è quello che bisognerebbe che fosse l'Italia invece non è !!!! Dice delle grandi verita e. .. fa riflettere molto ....

  • User Icon

    Roberto Cavallo

    18/05/2006 11:45:03

    Semplicemente liberista.La prospettiva da cui parla il prof. Giavazzi non è certo assimilabile ad una delle coalizioni politiche dominanti nel Paese,ma è trasversale ad entrambe.Un buon motivo per leggerlo.

  • User Icon

    Leonardo Masse

    22/03/2006 11:44:16

    Il Professor Giavazzi riesce ad esporre con una chiarezza estrema tutti i granelli di sabbia che rallentano la nostra macchina economica, che colpiscono i consumatori finali a favore delle rendite finanziarie e delle grandi industrie inefficienti in quanto protette, che fanno perdere competitività alle nostre industrie, che ci fanno arretrare nel gioco dell'economia mondiale e che in definitiva sostengono un sistema contrario ad ogni criterio meritocratico.Un libro di articolata e competente denuncia che, al contempo,ha il merito di proporre delle soluzioni concrete ai mali nostrani, sulla scorta di modelli ed esempi stranieri (università,centri di ricerca,disciplina del risparmio,Banca Centrale,liberalizzazione dei servizi, ordini professionali etc.etc.).Se solo fossimo un Paese normale,gran parte delle riforme invocate in questo libro sarebbero state portate avanti da almeno 20 anni da destra,sinistra e centro.

  • User Icon

    franco tomasello

    09/02/2006 14:16:02

    Ottimo libro, come sempre in forte ritardo sul momento storico. Il prof. ha una crisi di ........... ??????? Ricorda le pagine di verita' che avrebbe scritto DE FELICE se non fosse deceduto. francotomasello

  • User Icon

    Davide

    31/01/2006 21:00:52

    E' un bel libro, che consiglio a tutti di leggere. L'Italia è un Paese bloccato perchè concede privilegi a "caste" intoccabili (avvocati, notai, architetti, commercialisti, farmacisti...) e costoro incidono per quasi il 10 % sui costi di produzione delle imprese. Praticamente, con questi chiari di luna dettati dalla spietata concorrenza globale, un salasso vero e proprio. Tra l'altro queste categorie si son arricchite sempre più, senza però assolutamente investire in ricerca, tecnologia, innovazione, giacchè non sono connaturati nei loro servizi questo specifici elementi. Servirebbe che i giovani del 2006 scegliessero Facoltà Universitarie con una maggiore propensione a uno sviluppo futuro per il bene del Paese, invece che andare ad ingrossare le fila di questo esercito di "peones" che vivono di rendita . Stesso discorso per i dipendenti pubblici: la loro reddività non è assolutamente pari al loro impatto sull'economia pubblica. Le spese per sostenerli devono assolutamente essere abbattute. Con buona pace di sindacati, partiti, leghe e movimenti. Serve una rivoluzione copernicana , liberale, per far ripartire questo Paese sempre più drammaticamente appesantito su se stesso.

  • User Icon

    Michele

    24/01/2006 16:22:32

    Ottimo libro! da non perdere assolutamente.

  • User Icon

    Gaetano

    17/01/2006 23:33:19

    Leggendo questo libro, in cui sono raccolti molti articoli pubblicati dal Professor Giavazzi negli utimi anni sul Corriere della Sera, ci si rende conto che basterebbero davvero poche cose per cambiare la situazione del nostro Paese. Dalle banche alle università, dal lavoro alle industrie, un libro assolutamente da non perdere. Voto 10

Vedi tutte le 8 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione