DISPONIBILITA' IMMEDIATA

-15%
LTI. La lingua del Terzo Reich. Taccuino di un filologo - Victor Klemperer - copertina

LTI. La lingua del Terzo Reich. Taccuino di un filologo

Victor Klemperer

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Giuntina
Edizione: 3
Anno edizione: 2008
In commercio dal: 27 novembre 1998
Pagine: 355 p., Brossura
  • EAN: 9788880570721

nella classifica Bestseller di IBS Libri Lingue, dizionari, enciclopedie - Linguistica, lingue straniere e dizionari - Linguistica - Linguistica comparata e storica

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 17,00

€ 20,00
(-15%)

Punti Premium: 17

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

LTI. La lingua del Terzo Reich. Taccuino di un filologo

Victor Klemperer

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


LTI. La lingua del Terzo Reich. Taccuino di un filologo

Victor Klemperer

€ 20,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

LTI. La lingua del Terzo Reich. Taccuino di un filologo

Victor Klemperer

€ 20,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

"Nessun libro può sostituire il diario tragico di Klemperer: in esso è l'esperienza della distruzione a parlare, la violenza quotidiana della predicazione di morte. I lemmi, che egli sceglie per l'illustrazione del processo di formazione di una nuova lingua del potere, sono offerti alla sua intelligenza di filologo dalla sua vita quotidiana di perseguitato e si confrontano con la progressiva riduzione della sua esistenza a quella di un testimone. È un libro dal vero, che ci riconduce, con la meticolosa pedanteria di un cronista, a una storia aberrante come fosse ancora un presente." (dalla Prefazione di Michele Ranchetti)
5
di 5
Totale 4
5
4
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Cam

    11/03/2019 07:34:43

    Difficile sottovalutare l'importanza e l'efficacia di questo libro nel descrivere - dal di dentro, nel corso del suo divenire - l'invasività cancerosa di un meccanismo linguistico che, attraverso i grimaldelli di una propaganda martellante, arriva a crackare le difese mentali e culturali di un popolo, inoculando patologie del pensiero. L'oggettività della riflessione non viene mai meno, nonostante il coinvolgimento dell'autore nella tragedia. E i frutti di questa lucidità sono abbondanti: il nazismo visto come figlio degenere e impoverito del romanticismo; disamine acute sul concetto di "popolo ebraico", sullo sviluppo del sionismo, sulla storia della cultura tedesca. E in ultima analisi si comprende con grande chiarezza come una deriva aberrante e mostruosa possa essere preparata - e persino resa accettabile - dall'anestesia del "senso" delle cose, operata attraverso lo stravolgimento linguistico. Una lezione estendibile ad ogni sistema sociale in grado - se non controllato - di condizionare drasticamente gli strumenti del pensiero e dell'emozione di massa. La Giuntina è una casa editrice specializzata nella riflessione interna all'Ebraismo: questo libro sicuramente dovrebbe uscire da questo "recinto", ed essere meditato come libro di formazione.

  • User Icon

    Marco

    22/08/2013 10:32:58

    E' un'opera a dir poco illuminante. E' come quando una persona che stimi e in cui riponi piena fiducia, ti fa aprire gli occhi su aspetti della realtà che, importantissimi, sono sempre stati dati per scontati, creduti ovvii e su cui non si è mai riflettuto a doveree a sufficienza. Una autentica opera formativa. Nel senso più autentico della parola.

  • User Icon

    Gianni

    20/03/2006 10:19:46

    Libro che pur trattando un periodo particolare è di un'attualità sconcertante. "Parola/e" come strumento di potere e di ottundimento delle coscienze

  • User Icon

    borghesi roberto

    09/05/2004 15:08:49

    questo libro, offre, come "inattuale", alla coscienza attuale, una riflessione sul fatto che , sempre, le parole sono pietre, e che la coscienza, sempre deve essere attenta alle incrostazioni totalitarisitche che possono insinuarsi nel linguaggio della quotidianità.Per non dimenticare.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente

recensioni di Fambrini, A. L'Indice del 1999, n. 05

"La lingua è più del sangue". Con questa frase di Franz Rosenzweig si apre lo straordinario documento costituito da LTI di Victor Klemperer, un classico della letteratura tedesca che, in attesa dei Diari (clamoroso caso editoriale in Germania alla loro pubblicazione nel 1995-96, di cui "L’Indice" si era occupato a suo tempo in un articolo di Carl-Wilhelm Macke), viene finalmente presentato in edizione italiana a più di cinquant’anni dalla sua prima uscita. Un’opera che affascina e atterrisce, quella di Klemperer. In sintesi: a guerra finita, a sterminio concluso, essa ha la forza di rivendicare con orgoglio il primato del logos sulla barbarie, il momento unificante della parola come fondante di un’unità vera rispetto al coacervo di pulsioni oscure e di tragici inganni che nel nazismo si raggrupparono intorno al termine "sangue" e che l’autore scontò sulla propria pelle, in una calata progressiva e ineluttabile in quell’inferno in cui la lingua, ogni lingua, aveva rischiato di ammutolire per sempre.

Klemperer, ottavo figlio di un rabbino di Landsberg, dal 1915 docente di letteratura francese all’università di Dresda, compì una parabola comune a tanta borghesia ebraica che aveva creduto nell’integrazione, finendo per sentirsi più tedesca dei tedeschi in un paese che, uscendo dalla prima guerra mondiale, era percorso da fremiti sempre più spasmodici di inquietudine e di intolleranza. L’avvento del nazionalsocialismo dimostrò come fosse illusoria ogni sicurezza di quella borghesia mutandone orribilmente i destini. Klemperer fu privato della sua cattedra nel 1935 in seguito alle leggi razziali e poté scampare ai campi di sterminio solo grazie alla moglie, Eva Schlemmer (alla quale LTI è dedicato), un’"ariana" di famiglia altolocata. Nella prospettiva aperta su Auschwitz e sulle camere a gas, il destino di Klemperer può sembrare addirittura quello di un privilegiato: allontanato da casa nel 1940, fu internato a Dresda in uno degli "Judenhäuser", edifici destinati alla reclusione degli ebrei, che costituivano una forma più attenuata di discriminazione rispetto alla violenza dei lager, e dal 1942 fu costretto al lavoro forzato. Nel febbraio del 1945, in seguito al bombardamento di Dresda, Klemperer riuscì a fuggire e, abbandonata la città, condusse una vita da profugo, nascondendosi dove capitava, fino alla fine della guerra. Solo all’indomani del conflitto poté riprendere la sua identità e, in seguito, anche l’insegnamento, prima a Greifswald, poi a Halle, iscrivendosi al partito comunista e optando per la Ddr nella Germania divisa.

Klemperer fu filologo e studioso di rango, ma invano si cercherebbe in LTI ("Lingua tertii imperii", crittogramma che nella sua lapidaria ed enigmatica aridità segna il distacco della lingua del nazionalsocialismo dalla misura umana) l’impostazione del saggio erudito, o tantomeno il tentativo di disporre le osservazioni sul progressivo capitolare e disfarsi della lingua tedesca nella sintesi di una teoria unificante. Nato in parallelo ai Diari e da essi estrapolato quasi come loro cristallizzazione tematica, LTI segue piuttosto un andamento casuale, registra episodi e annota riflessioni che ruotano intorno al perno della lingua, ma che intorno a esso formano come un diagramma di vicende umane, di esperienze, di emozioni. È questo perno, tuttavia, a dare non soltanto unità, ma anche un tono di vibrata partecipazione all’opera di Klemperer, come se la lingua acquistasse la sostanza di coloro che se ne servono – quella partecipazione che invece è paradossalmente più assente nei Diari, laddove la centralità del testimone sembra volontariamente ritrarsi di fronte all’orrore degli eventi osservati, fino a provocare un curioso senso di straniamento, come se l’individuo che osserva e registra, per salvaguardare la propria integrità, non potesse più manifestare alcun coinvolgimento emotivo e finisse per riferire con la stessa intensità distaccata, come scrive Michele Ranchetti nella sua breve ma densissima introduzione, della "riduzione della razione di tabacco" e "della cugina che si impicca".

Occupando il linguaggio, la macchina nazionalsocialista occupa le menti e la realtà. Così, la lingua diviene lo sfondo mobile sul quale di volta in volta si svolgono i drammi privati degli affetti (come in molti dei capitoli che scandiscono il libro, da Io credo in lui a Le prime tre parole naziste, in cui il tradimento di un’amicizia viene misurato con l’irrompere nella conversazione di un vocabolario mutato e stravolto che la deforma e la involgarisce, rendendo impossibile ogni comunicazione autentica e in fondo ogni rapporto) o quelli pubblici della retorica di regime, come nel breve, memorabile capitolo Segni di interpunzione, in cui il carattere ortografico fondante dell’apparato persuasivo nazionalsocialista non è individuato, come si sarebbe istintivamente portati a credere, nel punto esclamativo, bensì nelle virgolette, ribattezzate "virgolette ironiche", come strumento capace di una duplice azione: innanzitutto di "mettere da parte", di emarginare, di rendere diverso ciò che racchiudono e di creare così una barriera tra quanto si vuole omologare e quanto vi si oppone; e in secondo luogo, in espressioni quali "‘vittoria’ rossa", "‘maresciallo’ Tito", "poeta ‘tedesco’" (in relazione a Heine), di gettare un’ombra di incertezza, di dubbio, di innescare una tendenziosità tutta rivolta a "trascinare nella polvere l’avversario".

Ma se nelle parole si era misurata e consumata la repressione e l’annichilimento, nelle parole si registra anche l’opposizione, la ripresa, la speranza. Nella postfazione, spiegando perché, dal magma indifferenziato dei diari avesse stabilito infine di enucleare le sue riflessioni sul linguaggio, Klemperer racconta di come, finito in un campo profughi in Baviera, si chiedesse di che cosa riempirla, quella nuova vita che si schiudeva davanti a lui, a guerra finita, finché, discutendo con un’operaia berlinese, non le domandò per quale motivo ella fosse stata in prigione. "Beh, per delle parole...", è la risposta della donna, che aveva offeso Hitler e le istituzioni del Terzo Reich. "Fu per me un’illuminazione", scrive Klemperer, "grazie a quella frase vidi chiaro. ‘Per delle parole...’, per questo e su questo avrei ripreso il mio lavoro sui diari. Intendevo enucleare la mia asta di equilibrio da tutto il resto e accennare soltanto, contemporaneamente, alle mani che la reggevano. Così è nato questo libro, non tanto per vanità, spero, quanto ‘per delle parole’".

Note legali