DISPONIBILITA' IMMEDIATA

Luna. Cronaca e retroscena delle missioni che hanno cambiato per sempre i sogni dell'uomo

Bruno Vespa

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Rai Libri
Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 9,72 MB
Pagine della versione a stampa: 265 p.
  • EAN: 9788893161039

nella classifica Bestseller di IBS Ebook eBook - Scienze, geografia, ambiente - Astronomia, spazio e tempo - Astronomia popolare e spazio

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 10,99

Punti Premium: 11

Venduto e spedito da IBS

EBOOK
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Perché fu Neil Armstrong il primo uomo a mettere piede sulla Luna quando sarebbe toccato a Buzz Aldrin? Perché Aldrin dovette aggiustare un contatto elettrico con la punta di una biro evitando il rischio di restare lassù? Perché Collins temette di rientrare da solo sulla Terra? Bruno Vespa, icona massima del giornalismo televisivo, da anni interprete attento e autorevole dei cambiamenti della nostra società attraverso i suoi molti e fortunatissimi libri, con Luna ci riporta al 20 luglio 1969, giorno cruciale nella storia dell’umanità, e ci racconta, non senza emozione e con il consueto spirito investigativo, i retroscena dell’avventura che ha segnato la memoria collettiva e i ricordi di ognuno di noi. Vespa non si ferma tuttavia alla memorabile missione di Apollo 11. Spiega perché, nonostante i sovietici fossero molto più avanti degli americani, furono sconfitti. Perché la conquista di Marte, programmata da von Braun addirittura per la metà degli anni Ottanta, sia stata rinviata di molti decenni. E perché la nostra Samantha Cristoforetti stia studiando il cinese, visto che i prossimi protagonisti dello Spazio verranno dal Paese di Xi Jinping.
1
di 5
Totale 1
5
0
4
0
3
0
2
0
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Andrea

    08/07/2019 16:07:28

    Mi aspettavo un libro, di stampo giornalistico, ma all'altezza degli altri scritti da Vespa. Invece si tratta di un pessimo libro. Si vede che la conquista della luna non è nello spirito dell'autore. Il libro, si capice che è stato scritto in fretta e furia, è pieno di strafalcioni. Vespa non poteva far rivedere il testo prima di pubblicarlo? Ecco alcuni esempi: pag. 65 [...raggiungendo l'altezza record di 475 miglia superiore alla distanza fra la Terra e Luna" Pag. 124 e seguenti: confonde l'ingegnere Sergey Korolev con il cosmonauta Vladimir Komarov! Pag. 134 Secondo Vespa (o chi per lui ha scritto il libro) John Glenn nel 1962 aveva 31 anni. Poche righe dopo scrive: "Nel 1941, dopo Pearl Harbout, aveva lasciato gli studi universitari per arruolarsi come pilota nell'aeronautica e particpare alla coda della seconda guerra mondiale". Come no! a 10 anni. Bastava controllare su Wikipedia: infatti era nato nel 1921. Non c'è un minimo di bibliografia. Insomma un libro penoso, fortemente sconsigliato

  • Bruno Vespa Cover

    Bruno Vespa ha cominciato a sedici anni il mestiere di giornalista e a diciotto le collaborazioni con la Rai. Laureatosi in giurisprudenza, nel 1968 si è classificato al primo posto in un concorso nazionale per radiotelecronisti ed è stato assegnato al telegiornale. Dal 1990 al 1993 ha diretto il Tg1. Dal 1996 la sua trasmissione «Porta a porta» è il programma di politica, attualità e costume più seguito. Tra i premi più prestigiosi, ha vinto il Bancarella (2004), per due volte il SaintVincent per la televisione (1979 e 2000) e nel 2011 quello alla carriera; nello stesso anno ha vinto l'Estense per il giornalismo. Per Mondadori ha pubblicato: Telecamera con vista (1993), Il cambio (1994), Il duello (1995), La svolta (1996), La sfida... Approfondisci
Note legali