La luna e i falò - Cesare Pavese - copertina

La luna e i falò

Cesare Pavese

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Einaudi
Collana: Super ET
Edizione: 2
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
In commercio dal: 13 gennaio 2014
Pagine: XXXIV-212 p.
  • EAN: 9788806219383

38° nella classifica Bestseller di IBS Libri Narrativa italiana - Classica (prima del 1945)

Salvato in 672 liste dei desideri

€ 11,40

€ 12,00
(-5%)

Punti Premium: 11

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA

La luna e i falò

Cesare Pavese

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


La luna e i falò

Cesare Pavese

€ 12,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

La luna e i falò

Cesare Pavese

€ 12,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (10 offerte da 12,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

«La luna è il libro che mi portavo dentro da più tempo e che ho più goduto a scrivere. Tanto che credo che per un pezzo – forse sempre – non farò più altro. Non conviene tentare troppo gli dèi.»

Pubblicato nell'aprile del 1950 e considerato il libro più bello di Pavese, La luna e i falò è il suo ultimo romanzo. Il protagonista, Anguilla, all'indomani della Liberazione, torna al suo paese delle Langhe dopo molti anni trascorsi in America e, in compagnia dell'amico Nuto, ripercorre i luoghi dell'infanzia e dell'adolescenza in un viaggio nel tempo, alla ricerca di antiche e sofferte radici. Storia semplice e lirica insieme, costruita come un continuo andirivieni tra il piano del passato e quello del presente, La luna e i falò recupera i temi civili della guerra partigiana, la cospirazione antifascista, la lotta di Liberazione, e li lega a problematiche private – l'amicizia, la sensualità, la morte –, in un intreccio drammatico che conferma la totale inappartenenza dell'individuo rispetto al mondo e il suo triste destino di solitudine. Completano il volume la cronologia della vita e delle opere, la bibliografia ragionata e l'antologia della critica.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,02
di 5
Totale 64
5
33
4
14
3
13
2
2
1
2
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Fasa1994

    23/06/2020 09:07:21

    Libro immancabile in qualsiasi libreria

  • User Icon

    Chiara B.

    19/05/2020 20:32:32

    Anche in questo libro Pavese tratta il macrotema dello straniero, della patria e di quanto un uomo abbia bisogno di una terra in cui affondare le proprie radici. Libro che fa riflettere , ma che lascia anche sentimento di malinconia.

  • User Icon

    cri

    16/05/2020 21:43:18

    Ultimo romanzo composto poco prima della tragica scomparsa di questo grande uomo, poeta e scrittore. Purtroppo ho faticato nel terminarlo, la storia procede per ricordi, flashback, divagazioni, riflessioni, impressioni di un uomo che in fondo è tutti noi. Così solo, sradicato, in cerca di una storia, il dolore di Anguilla è il dolore di Pavese, è il dolore di chi almeno una volta nella vita ha sentito di non appartenere a nulla, di non avere radici, di chi parte alla ricerca di un passato tutto da costruire...

  • User Icon

    achile

    15/05/2020 14:43:21

    Sono rimasto letteralmente folgorato dalla lettura di questo romanzo, il primo di Pavese che ho letto. Una scrittura secca precisa, dove si percepisce l'enorme lavoro di sottrazione fatto dall'Autore per esprimere e descrivere efficacemente, ma con il minor numero di parole possibile. La vicenda si svolge nell'arco di un'estate, anzi del periodo agostano intorno alla festa dell'Assunta. Non c'è un protagonista, quanto piuttosto un osservatore, Anguilla, che ritorna al paese dove è cresciuto dopo essere emigrato in America e aver fatto fortuna. Anguilla osserva il mondo che ha lasciato, lo confronta con quello dei suoi ricordi e con il grande mondo al di là dell'oceano che ha pure conosciuto. Il confronto è impietoso: non emerge qui il senso di "Heimat" tanto caro ai romantici tedeschi, dove nelle tradizioni, nei riti, nei "falò", nel tessuto del paesaggio, nella "luna", uno si sente a in equilibrio, si sente "a casa". Rimane in vece il senso di insoddisfazione, di incompiuto: i vecchi non ci sono più, ma i problemi, i contrasti sono ancora tutti presenti. Anche la guerra di liberazione, che avrebbe potuto risolvere gli antichi problemi, che avrebbe potuto far sorgere un modo nuovo di vivere si è risolta in niente e tutto è rimasto come prima. Rimane la voglia di andarsene, di cercare altrove quello che nel "qui" non si riesce a trovare. Ma anche il grande mondo si è rivelato ad Anguilla non diverso dal piccolo mondo intorno al Belbo. Un libro molto amaro, che non può non far pensare al fatto che pochi mesi dopo la sua pubblicazione Pavese si sia suicidato.

  • User Icon

    eriki

    14/05/2020 19:40:19

    capolavoro di Pavese! Consigliatissimo

  • User Icon

    je

    13/05/2020 22:20:19

    È un senso di melanconia, di vuoto, di cose non vissute, attimi persi ed ormai impossibili da ritrovare, persone che, come sfocate immagini consumate dal tempo, possono appartenere soltanto ad un passato ormai lontano, straniero, quello che accompagna questa lettura e resta una volta aver voltato l’ultima pagina.

  • User Icon

    Martina

    13/05/2020 18:30:56

    Pavese ha uno stile di scrittura inimitabile,capace di trasportarti e farti percepire ogni sua singola emozione. Un testamento letterario che tutti dovrebbero leggere.

  • User Icon

    elettra

    12/05/2020 17:42:30

    Pavese, meraviglioso. Libro stupendo, lo rileggerei ancora ed ancora. Come tutti i suoi libri, d’altronde

  • User Icon

    Enrico

    12/05/2020 13:45:36

    Da leggere almeno una volta nella vita, mette in scena tutte le tematiche principali dell'opera pavesiana: la resistenza, la contrapposizione tra la città e la campagna, quest'ultima luogo di forze bestiali e primitive, e la solitudine dell'uomo. Consigliato.

  • User Icon

    S

    11/05/2020 10:47:50

    Tentai una prima lettura di questo libro durante i primi anni di liceo. Mi annoiai dopo qualche decina di pagine. A distanza di qualche anno, la lettura è stata invece naturale e avida: è stato più facile rispecchiarmi nei temi del ritorno a casa, dell'ambiente dell'infanzia popolato da strutture interpretative del reale proprie, di nostalgia e di ricordi, ma anche di questioni sociali. Consiglio vivamente la lettura!

  • User Icon

    GabriR

    30/04/2020 16:30:00

    Libro dalla lettura piacevole e scorrevole, nella prima metà ha un ritmo lento ricco di ricordi riesce a trasmettere le emozioni del protagonista, la seconda metà aumenta di ritmo e le vicessitudini iniziano ad essere più animate ed emotivamente impattanti. Consigliato

  • User Icon

    Luigi

    28/04/2020 07:51:25

    Lettura piacevole, abbastanza scorrevole, traspare dalle pagine una sensazione profonda di malinconia e malessere. Pavese è indiscusso ritrattista dell'animo umano.

  • User Icon

    Lorenzosette

    31/03/2020 16:08:12

    Traspare tanta passione e nostalgia da questo racconto di Pavese.A livello "fotografico" lo scrittore piemontese ci offre un magnifico affresco di uno dei luoghi più affascinanti d'Italia:le Langhe.Il racconto,con una scrittura così agile,nervosa,però, non mi ha preso fino in fondo.Per l'importanza di quest'opera mi aspettavo molto di più.

  • User Icon

    Domenico

    25/02/2020 09:30:53

    Romanzo scritto nel 1949 , subito dopo la fine della seconda guerra mondiale, dedicato all’ultima donna ,Costance, entrata nella vita dello scrittore. Il protagonista è il quarantenne Anguilla che torna nella sua terra di origine (le Langhe) dalle Americhe dopo molti anni, dopo un’infanzia in cui era stato adottato da dei contadini perché orfano. Fa vari lavori e stringe amicizie, soprattutto con la bella Santina. Anguilla si lega agli ambienti antifascisti di Genova emigrando successivamente in America. Sarà la nostalgia della sua terra a riportarlo lì dove era cresciuto, a S. Stefano Belbo. E’ un racconto amaro, poiché egli scopre che quel mondo impresso nella sua memoria, non esiste più e quanto gli orrori della guerra hanno cambiato la vita di quelli che incontra al suo ritorno. E’ un romanzo incentrato sul ruolo della memoria, di come essa muti attraverso le azioni degli altri, soprattutto a seguito di quelle criminose nazi-fasciste. Uno di quei romanzi che si immette tra le opere che lo precedono e quindi da consigliare per chi ama la scrittura di C. Pavese.

  • User Icon

    Giuseppe Turturiello

    08/11/2019 13:55:43

    Ho letto questo romanzo soltanto per farmi un'idea di Pavese. Si è sempre elogiato il talento di quest'uomo, ma a mio modo di vadere non arriva neanche lontanamente al livello di chi è stato capace di lasciare il segno. Il libro è anche piacevole, la storia rappresenta uno scorcio di vita che ricalca il periodo storico più triste dell'ultima storia italiana, tuttavia, per quello che avevo udito sul Pavese mi aspettavo un capolavoro.

  • User Icon

    tere

    28/10/2019 10:35:28

    Accattivante! da rileggere piu' e piu' volte

  • User Icon

    Vittoria

    03/10/2019 08:40:40

    No, non mi è piaciuto. Mi ero creata molte aspettative leggendo le recensioni e indubbiamente sono stata spinta anche dalla notorietà dell'autore. L'ho trovato lento, sconnesso e sinceramente noioso. Una sorta di diario poco scorrevole, freddo e che non riesce ad entrare in contatto con il lettore. MI dispiace...non lo consiglio

  • User Icon

    Valentina

    25/09/2019 21:32:46

    Intramontabile

  • User Icon

    mario

    24/09/2019 21:05:14

    La luna e i falò sono tutte quelle superstizioni piccole e grandi che influenzano il pensiero e l'azione. Sai che non è niente di razionale, studi, ti elevi intellettualmente e te ne dissoci. Ma sono talmente tanto radicate in te che non te ne liberi neanche quando scappi dal tuo paese e fai il giro del mondo. Calamite del pensiero su cui è inevitabile ricadere. Pavese racconta le sue lune e i suoi falò in poche, dense e difficili pagine. Racconta di com'è sentirsi inadeguati nel posto in cui si cresce, di com'è forte la voglia di lasciarlo. Il problema è che quel senso d'inadeguatezza ti insegue, non ti permette di sentirti a casa da nessuna parte anzi, insinua in te la nostalgia dei posti precedenti, che avevi deciso di lasciare. Ti riporta lì e si fa beffa del tuo libero arbitro.

  • User Icon

    daria battista

    23/09/2019 14:07:36

    Questo libro mi ha portata in un altro mondo, è uno dei miei preferiti, ve lo consiglio assolutamente

Vedi tutte le 64 recensioni cliente
  • Cesare Pavese Cover

    Studia a Torino dove si laurea con una tesi su Walter Withman. Sin dagli anni Venti legge i maggiori autori americani e inizia a tradurre le loro opere. Fra il 1935 e il 1936, per i suoi rapporti con i militanti del gruppo Giustizia e Libertà viene arrestato, processato e inviato al confino a Brancaleone Calabro. Tornato a Torino inizia a collaborare con la casa editrice Einaudi nel 1934 per la realizzazione della rivista «La Cultura», che dirige a partire dal terzo numero. Nel 1945-46 dirige la sede romana della medesima casa editrice. Ha svolto un ruolo fondamentale nel passaggio tra la cultura degli anni Trenta e la nuova cultura democratica del dopoguerra. Dopo la Liberazione, si iscriv al partito Comunista. Seguono anni di lavoro molto intenso, in cui pubblica le sue... Approfondisci
Note legali