Lungo l'argine del tempo. Memorie di un farmacista

Giuseppe Sgarbi

Editore: Skira
Anno edizione: 2014
In commercio dal: 26 febbraio 2014
Pagine: 160 p.
  • EAN: 9788857222851
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
"Soltanto ora, dopo quarant'anni, scopro il padre che non conoscevo e della cui storia non ero stato, se non episodicamente, curioso, per troppa diversità di carattere. Così, non convinto di particolari sorprese, ma pieno di affetto e di riconoscenza per quello che mi ha consentito di essere, ho iniziato a leggere 'Lungo l'argine del tempo', il libro che avete in mano. Fin dalle prime pagine ho provato emozione, entusiasmo, soddisfazione, e poi compiacimento per le rivelazioni e per lo stile, preso dal racconto di tante storie che non conoscevo. Ma anche un'ironia, un'intelligenza, una curiosità, un amore per la vita, un entusiasmo, una vitalità che mi erano del tutto sconosciuti. Tanti episodi sorprendenti e una visione del mondo così fresca, così giovane, oggi per allora. Mio padre scrive solo ora, a novantatre anni, ma tutti gli episodi che racconta sono davanti a noi." (Vittorio Sgarbi)

€ 8,10

€ 15,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

15 punti Premium

Disponibilità immediata

Garanzia Libraccio
Quantità:

€ 12,75

€ 15,00

Risparmi € 2,25 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Paola Ranzani

    27/04/2017 06:37:02

    E' un racconto autobiografico che parla di uno stretto legame col territorio, i campi e il grande fiume, popolato da personaggi mitici (la traghettatrice durante la piena del Po sembra appartenere ad una favola). Sono ricordi personali in cui è facile scoprire affinità e comuni sensibilità.

  • User Icon

    Attilio Alessandro

    10/11/2014 06:58:13

    Ho finito ora di leggere il libro di Giuseppe Sgarbi e mi chiedo: ma dove sono le emozioni? Ha attraversato la Seconda Guerra e ne parla come acqua fresca, in luoghi che videro massacri! Parla della caccia in modo assolutamente irritante, da "vero cacciatore" sanguinario. Scrittura gradevole ma contenuto banale. Mai un guizzo di intelligente irritazione.

  • User Icon

    LAURA D'ABROSCA

    07/08/2014 09:29:31

    LUNGO L'ARGINE DEL TEMPO. MEMORIE DI UN FARMACISTA (GIUSEPPE SGARBI). ...La vita semplice vicino al mulino del Po. Il trascorrere del tempo. Il susseguirsi delle stagioni, degli eventi e lo smarrimento dell'uomo di fronte alla realtà. L'argine tra terra e fiume, le vaste distese delle campagne piene di ricordi luminosi. La poesia come insegnamento e profondità ci fa scavare nell'anima, riflettere sul vivere terreno. Un lungo viaggio pieno di ricordi e valori, lento come lo scorrere del fiume avvolto per magia nella nebbia...

Scrivi una recensione