Categorie
Traduttore: M. Botto
Editore: Einaudi
Collana: Super ET
Anno edizione: 2011
Formato: Tascabile
Pagine: 391 p., Brossura
  • EAN: 9788806206536
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 7,02

€ 11,05

€ 13,00

Risparmi € 1,95 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    emanuele72

    25/07/2013 15.06.14

    la vargas non sbaglia un colpo. Ogni suo libro e' un piccolo inno alla lettura di intrattenimento erudito

  • User Icon

    niki

    14/01/2013 07.56.10

    Devo premettere che è il primo libro della Vargas che leggo e, probabilmente, avrei dovuto cominciare dal più remoto dei suoi lavori, invece che dal più recente, per potermi calare nell'atmosfera che l'autrice ha saputo creare intorno ai personaggi. Ho trovato questo romanzo molto interessante nella trama che miscela, in modo credibile, realtà e finzione, gotico e moderno, leggenda e quotidianità; mi aspettavo qualcosa di più originale sul fronte della scrittura che è fluida e gradevole ma non apporta nulla di quel 'qualcosa' di caratteristico che mi piace trovare nella 'voce' di un autore. Sul fronte della tensione narrativa è un po' freddo e razionale per avvincere totalmente, mette troppo in gioco il cervello e troppo poco l'inconscio e l'istinto che sanno attivare il 'brivido' dell'inaspettato; qui è tutto ben calcolato e calibrato, senza sorprese che fanno 'saltare sulla sedia'. In sintesi: e una lettura gradevole che non mi ha lasciato granché come 'sapore' ma che mi incuriosisce nella ricerca di altri romanzi della stessa autrice.

  • User Icon

    Dodo

    22/05/2012 14.33.07

    E' vero che di vampiri siamo più che saturi, ma la Vargas rende piacevole qualsiasi cosa. Comunque affascinante e per niente macchinoso, basta saper leggere.

  • User Icon

    Emanuel

    03/04/2012 20.31.06

    gran libro, grande scrittrice! sono d'accordo con chi dice che la Vargas sta riscrivendo le regole del giallo moderno!

  • User Icon

    Adriana

    12/03/2012 09.37.22

    Un po' meno brillante dei precedenti ma comunque una conferma.

  • User Icon

    Fabrizio

    17/01/2012 20.38.47

    Come tutti i libri della Vargas: trama avvincente, scorrevole, lo si legge "tutto d'un fiato". Ottimo!

  • User Icon

    sylvia picca

    14/12/2011 19.08.09

    Bello o bellissimo, non ci sono altre scelte! Ho letto tutto quello che Vargas ha scritto e da tempo ho imparato a gustarmi i romanzi senza pormi troppe domande,con leggerezza. E questo è proprio speciale! Un grande Adamsberg,una grande squadra! Ho scelto, è bellissimo, da leggere assolutamente.

  • User Icon

    Lucy

    15/10/2011 10.19.55

    Peccato. La grandissima Vargas - al solito - ha una delle sue trovate narrative straordinarie, ma si perde in una costruzione artificiosa e priva di carattere. Una storia pasticciata, piena di parentele costruite ad hoc per dar senso al filo conduttore, di coincidenze improbabili e personaggi stranamente (per l'autrice) inconsistenti. Ma siamo fiduciosi: il genio di Fred non si ferma qui.

  • User Icon

    roman

    12/07/2011 19.36.33

    Mi spiace per chi riesca a definire complicato e macchinoso questo libro. Scorre come un torrente. La vargas sta rinnovando il genere. Forse alcuni non se ne sono accorti.

  • User Icon

    Daniele

    25/06/2011 13.49.28

    Altro bel libro della Vargas, come al solito molto originale, molto intricato e pieno di quella dose di acido umore che da sempre accompagna le peripezie del commissario Adamsbergh. Un libro che si legge tutto d'un fiato e che fa passare veramente buoni momenti.

  • User Icon

    Paolo

    26/04/2011 12.57.54

    Leggo raramente romanzi scritti da donne, ma questa volta devo riconoscere all'autrice doti di gran lunga superiori a tanti colleghi uomini. L'intreccio è interessante così come lo sono i dialoghi e le caratterizzazioni dei personaggi. Ve lo consiglio.

  • User Icon

    MB

    08/04/2011 15.18.33

    Forse meno bello degli altri, bello, intrigante come gli altri, ma esattamente come per l'avventura in Canada, quando Adamsberg esce dalla Francia..perde un qualcosa....comunque da leggere, perchè l'atmosfera surreale della Vargas c'è tutta e vale il libro.

  • User Icon

    liv

    07/09/2010 15.26.59

    leggendo le opinioni negative, credo che per leggere la vargas bisogna entrare in un ottica un pò surreale per poter assaporare al meglio la lettura...se no si rischia di trovarla senza capo nè coda. Sono sincera la scrittura spesso a me risulta un pò labirintica e non scorrevole ma devo riconoscere che le storie sono sempre avvincenti e mai banali.

  • User Icon

    Andrea Fava

    02/06/2010 11.36.06

    Uno dei migliori di Vargas a mio avviso. Credo che quando l'autrice afferma che "un delitto è sempre semplice", intenda dire che lo è l'atto in sé; non necessariamente devono esserlo anche il costrutto narrativo sottostante, le motivazioni che hanno scatenato il delitto, gli interpreti che ruotano attorno alla vicenda e il loro modo di essere e di esprimersi. Quello che mi colpisce maggiormente di Vargas è proprio la sua capacità di rendere realistici e quotidiani elementi di fantasia e fenomeni che appartengono all'immaginario collettivo.

  • User Icon

    SAT

    19/04/2010 17.08.40

    uno legge il risvolto di copertina: a fre vargas non piaccino le storie assurde e complicatissime. e poi sfogliando sfogliano di fibise risucchiai in una macchinosissima vicenda di vampiri. vabbè. personaggi assurdi, irreali, dialoghi senza un briciolo di verosimiglianza.

  • User Icon

    letyhk

    22/01/2010 19.06.57

    E' il primo che leggo di questa autrice. Scorrevole e piacevole nella lettura ma decisamente troppo macchinosa la storia.

  • User Icon

    antonio

    13/01/2010 16.50.13

    Molto più che un giallo... come quasi tutti i romanzi di Fred Vargas. Questa signora è capace di creare personaggi indimenticabili,lasciandoti con un'incredibile nostalgia della loro straordinaria umanità. E' terribile che nella vita di tutti i giorni sia rarissimo incontrare persone come queste.La svagata tenerezza di Adamsberg viene ancor più esaltata in quest'ultima avventura , proprio perchè il commissario è stato duramente strapazzato da una cattiveria quasi inconcepibile. Un libro eccezionale.

  • User Icon

    rocco

    27/11/2009 11.46.58

    mai letto un libro così improbabile, dove la storia fa le capriole per trovare un senso. la trama si slega e si rilega ad ogni pagina; quasi mai la trama sembra rispettare un filo conduttore logico e strutturato lungo un progetto. Cis ono pagine, dialoghi e descrizioni che potrebbero ben essere tolte senza perdere nulla del libro. 1 stella, ma molto, molto cadente.

  • User Icon

    MAURO

    15/10/2009 22.49.38

    Fine, misterioso, pauroso, scanzonato...........in una parola bellissimo

  • User Icon

    brionytallis

    23/09/2009 22.31.02

    Adamsberg è sempre mitico. Però la Vargas poteva evitarci l'ennesimo ricorso ai vampiri .. mi sembra che quest'anno ne abbiamo avuti a sufficienza. Sicuramente non è il migliore della serie ma i personaggi sono unici.

Vedi tutte le 64 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione