Il lupo della steppa

Hermann Hesse

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: Ervino Pocar
Editore: Mondadori
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
  • EAN: 9788852016615

68° nella classifica Bestseller di IBS Ebook eBook - Narrativa straniera - Classica (prima del 1945)

Salvato in 6 liste dei desideri

€ 7,99

Punti Premium: 8

Venduto e spedito da IBS

EBOOK
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Scrivi cosa pensi di questo articolo
5€ IN REGALO PER TE
Bastano solo 5 recensioni. Promo valida fino al 25/09/2019

Scopri di più

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Il conflitto tra istinto e ragione, fra sensualità ed esigenze dello spirito in uno dei romanzi più affascinanti e audaci di Hesse (1877-1962): un atto di accusa contro il suo tempo minacciato dai totalitarismi e contro la decadenza della civiltà occidentale.
4,68
di 5
Totale 19
5
15
4
2
3
2
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    KidChino

    20/11/2015 15:24:11

    Un capolavoro. Per iniziare questa recensione forse è la parola più azzeccata per descrivere il lupo della steppa. No. Non mi sento un lupo della steppa. Non mi sento Harry. È la storia di una malattia. Una malattia della mente. E questa malattia porta un uomo ad avere una scissione interna. Una scissione dell'anima. Essere uomo e bestia. E non solo. Qui abbiamo la scoperta del proprio io. Dei tanti io che ognuno ha dentro di se. La scoperta dell'amore. La scoperta della vita stessa. Il protagonista fa un cammino. Ed il suo cammino lo porta alla scoperta. Scopre nuovi mondi. Nuove emozioni e sensazioni. Di scoprire se stesso. La domanda che mi pongo alla fine di questo libro è solo una. Chi è il lupo della steppa? Ma soprattutto, è davvero esistito questo lupo della steppa o è solo nella mia testa?

  • User Icon

    Claudio

    18/07/2013 22:50:58

    Se apprezzi il libro perché ti senti simile al protagonista, se trovi la grandezza del libro nel sentirti anche tu un lupo della steppa, allora non sei il giusto lettore di questo romanzo, e non sei ancora arrivato al punto di comprenderlo. Quando afferrerai che non sei un lupo, che non sei simile a Harry ma molto lontano sarà tempo di rimuginare su questo romanzo.

  • User Icon

    Travax

    02/03/2013 17:18:46

    E' il primo che leggo di Hesse, sicuramente seguiranno altri (siddharta e narciso e boccadoro) anche se dubito che riusciranno a leggermi dentro come "il lupo della steppa". Mentre scorrevo le pagine ero letteralmente rapito, coinvolto, assoggettato al "lupo" che è dentro di me. a un certo punto mi sono chiesto se non l'avesse scritto proprio per me; sembra assurdo ma è così. non credo sia un libro per tutti. se non hai il lupo dentro, se non sei incline a rifugiarti in te stesso, se sei bravo a farti scivolare le parole addosso non credo tu sia in grado di apprezzarlo. devi saper cogliere le sfumature, i particolari. devi essere un uomo profondo e di sentimenti. devi avere una tua solida morale (particolarmente ferrea in alcuni ambiti). credo che sia il classico libro capace di "rapire" un detenuto, uno che lo sia stato in passato o comunque uno che abbia infranto la legge (che quindi sappia cos'è una stanza di isolamento, un interrogatorio, l'aula di un tribunale eccetera). se gli si vuole trovare un neo; un pò troppo prolisso alla fine quando si dilunga a parlare di Mozart e di goethe. un libro immenso come il suo autore!

  • User Icon

    Gabriele

    28/08/2012 14:57:42

    Senza dubbio il capolavoro dell'autore: già, perché qui Hesse si mostra a noi in tutto e per tutto, veramente, senza tralasciare né difetti, né tanto meno discussioni filosofiche di rilevanza impressionante. Ed è come se lui ci rivolgesse queste stesse discussioni per portarcele alla mente, coinvolgendoci nei suoi ragionamenti con una delicatezza di penna finissima. Un libro intellettuale, ma non pesante, perché la storia in fondo è magica, sebbene spaventi un po' in alcuni punti (si pensi ai due compagni che sparano a caso sulle auto in corsa, con l'intento di ammazzare i conducenti). In questo senso, il racconto è una assoluta anticipazione della guerra che verrà, e perciò la narrazione si tinge di tinte polemiche nonché politiche; ci sono riferimenti sottintesi parecchio forti contro i regimi totalitari, in particolare il nazismo, e continue critiche alla posizione di comodo della borghesia (che Hesse senz'altro non ama affatto). In sostanza, l'esistenza è il gioco delle pedine che teniamo nascoste in tasca, che altro non sono se non le nostre mille sfaccettature. Sta all'individuo posizionarle correttamente, perché è giusto abbandonarsi ai piaceri più elementari, senza per questo perdere la propria filosofia interiore. Dunque, principalmente, Il Lupo Della Steppa è un inno (pazzo, nel senso buono) alla vita.

  • User Icon

    Paolo Pizzi

    04/03/2011 15:00:45

    E' sempre difficile condensare in così poche parole quello che si pensa di un romanzo che per fama, stile, bravura dell'autore e temi trattati non si può definire in altro modo che "immortale", rubando così un termine caro all'autore stesso e a Goethe prima di lui. E' sempre difficile ...specialmente quando si consumano caratteri preziosi con inutili preamboli. Per sintetizzare Il lupo della steppa è un romanzo che si sviluppa su diversi piani narrativi nettamente delineati da altrettanti diversi stili di scrittura sempre e comunque adeguati al ritmo della narrazione. E' esclusivamente grazie al ritmo infatti che il testo non appare slegato, che il confine tra un ambiente e l'altro, che il passaggio da uno stile all'altro, non appaiono eccessivi e discordanti. Questi ambienti, queste sfere di competenza, o piani narrativi che dir si voglia, sono oggettivamente slegati e riordinati uno dentro l'altro quasi l'autore avesse voluto scrivere quattro o più libri distinti, tuttavia questo netto distacco non stona anzi a suo modo dona al testo una sorta di peculiare appeal, una sensazione di ordine, di lucidità mentale. Questi differenti piani pur slegati sono accomunati dalla volonta di Hesse di far confrontare il suo protagonista con il dualismo faustiano, di riproporre quell'eterno conflitto interiore in chiave moderna (per l'epoca) e tentare di risolverlo trovando una soluzione a suo modo deinitiva ancorchè temporanea e aperta a molteplici interpretazioni. La logica conseguenza dell'evoluzione della scissione dell'io, l'estremizzazione dei propri opposti porterà il protagonista all'autodistruzione o alla redenzione? E' in questa domanda che sta il perno della vicenda, è nell'incertezza che si esplica la genialità dell'autore. Mi rendo conto di sembrare astruso e sibillino, invito dunque chiunque fosse interessato alla mia recensione completa (vana speranza condita da borioso orgoglio) a contattarmi direttamente o a consultare il mio profilo su anobii.

  • User Icon

    Ivano

    28/02/2011 00:51:29

    Il contrasto tra la borghesia ipocrita e frivola, e la profondità spirituale di un intellettuale(emblematica la parte di racconto in cui Haller si ferma a fissare il vaso con l' raucaria ammirando ma non comprendendo la dedizione con cui la padrona se ne prende cura). Contrasto che però è prima di tutto riflesso del proprio contrasto interiore, contrasto tra lupo e uomo, tra odio e amore, tra rabbia e comprensione. Onirico il finale.

  • User Icon

    SuBurriccu

    15/12/2010 23:59:53

    Forse non esiste un altro scrittore capace come hesse di creare un personaggio in modo così uguale a te stesso. Ti ci trovi, non c'è niente da fare. E poi sono belle le atmosfere, e i personaggi secondari (l amico di demian, narciso, l amico musicista in gertude, e infine erminia). Personalmente lo adoro e doso i suoi libri per non finirli. Forse in fondo il personaggio dei libri di hesse è sempre lo stesso, che si sposta e si modella sul racconto. In fondo boccadoro non è così diverso da siddharta o da demian, solo...sono proiettati in avanti, in una scoperta della vita. Harry è anche lui, forse, lo stesso personaggio. Ma stanco. Ecco forse è un boccadoro invecchiato che non ha più molta voglia di guardare avanti. Per questo gli do 4 e non 5, perchè forse sono io ancora un po' troppo boccadoro e un po' troppo poco harry. Forse è vero quello che dice lo stesso hesse, che è un libro per chi ha 50 anni, anagraficamente o non. forse lo rileggerò tra 20 anni e gli darò 5. intanto aspetto che la mia fornitrice ufficiali di libri come si deve mi regali quello che mi sono tenuto per ultimo: il gioco delle perle di vetro. Poi avrò un quadro definitivo dello scrittore. Solo una sensazione per chi l avesse letto: non vi ha ricordato un po', nelle atmosfere, il maestro e margherita di bulgakov? Cia'

  • User Icon

    Renzo Montagnoli

    27/02/2008 12:42:09

    Romanzo di grande valore, di notevole analisi psicologica, anche se non di facile lettura. Tuttavia, per quanto espone, più che per come lo espone, è consigliabilissimo, per trarne una grande lezione sul senso da dare alla vita.

  • User Icon

    angela66

    21/03/2007 13:23:38

    finito il libro mi sono posta tante domande...è un libro che fa molto riflettere sulla nostra esistenza e sul vuoto di valori della vita odierna;di una attualità sconolgente tutti ci possiamo riconoscere nel protagonista.è un libro di magica scrittura,di travolgenti fantastiche metafore e di libertà interpretativa.consiglio la lettura a tutti...:c'è "un lupo della steppa " in ognuno di noi....!

  • User Icon

    enrico

    20/11/2006 15:20:31

    Libro illuminante, che lascia un solo rammarico: di essere finito. Avrei insomma voluto che non finisse mai.

  • User Icon

    AntonioZ.

    02/09/2006 14:34:49

    Un'opera preziosa, commovente e infinita. Un primo, importantissimo passo verso la consapevolezza e la conoscenza del proprio Io.

  • User Icon

    oscar

    04/06/2006 13:11:30

    harry era(è)instabile pensandoci è naturale essere instabli ma non forzatamente...........in modo naturale

  • User Icon

    Livio

    21/11/2005 23:56:20

    Mi è parso un libro sulla solitudine di un uomo che rifiuta tutto ciò che lo circonda perche non gli piace e non lo comprende, antimoderno e chiuso nel suo mondo il protagonista del manoscritto può però trovare speranza di felicità in qualcuno diverso ma allo stesso tempo simile a lui. Bello e confusionario, dove finisce la realtà e comincia il sogno?

  • User Icon

    lorenzon

    18/09/2005 22:33:23

    è il libro che mi ha fatto avvicinare all'autore;un capolavoro e non voglio dire altro anzi,no lo dico mi sono riconosciuto nel protagonista........almeno in alcuni tratti,ma credo che molti si possano riconoscere in lui.Leggetelo e mi darete ragione

  • User Icon

    Salvatore Servodio

    07/03/2005 22:38:20

    Se ci fosse un uome capace di poter interpretare in maniera chiara e coerente il coas che si trova quando il cuore e la mente si scontrano con le loro idee e i loro desideri, generando un uomo perplesso nei confroniti della vita e i suoi simili, allora quest'uomo sarebbe sicuramente Herman Hesse. Per sostenere la mia tesi, invito a tutti quello che non hanno mai letto questo romanzo di dedicare una settimana per intraprendere un incredibile viaggio nella mente di un tizio di nome Harry Holler e vivere tramite i suoi occhi la pazzia e l'ignoranza del mondo occidentale dell'inizio 900. Scoprirete infine che queste "qualita'" si possono ancora notare nella nostra societa' idierna, generatrice di ipocresie e menzogne.

  • User Icon

    PAOLO

    21/09/2004 17:10:54

    ESPRESSIONE PURA DEL MALE DI VIVERE. ACCETTARE E RIFIUTARE LA QUOTIDIANITA' RIFUGIANDOSI NELLA MAGIA DEL SUBCONSCIO. BATTAGLIA INFINITA CONTRO SE STESSI, CON L'INEVITABILE SCONFITTA DELLA RAGIONE

  • User Icon

    Fabrizio Osti

    03/11/2003 15:03:15

    Si tratta di un vero capolavoro. Si può leggere da diversi punti di vista, ma in tutti i casi nn delude mai il lettore. Credo non si possa paragonare Harry Haller (il lupo della steppa) ad un moderno intellettuale, magari di sinistra. Il personaggio è troppo complesso per rinchiuderlo nella banalità di una categoria chiusa ed autoreferenziale come questa! Lo stesso autore nell'introduzione, parte integrante del romanzo, sostiene la sostanziale appartenenza del protagonista al mondo borghese; in alcune parti sembra proprio che il solitario lupo della steppa provi un forte e struggente "Sehnsucht" per le regole borghesi, fino a vivere una storia molto poco intellettuale con una ragazza fantastica!

  • User Icon

    Ale

    09/02/2003 02:09:32

    Questo è l'autentico capolavoro di Herman Hesse. non paragonabile neppure al già ottimo "Siddharta"!Questo libro è l'amico saggio che vorresti ti parlasse e ti raccontasse la vita! Assolutamente geniale. Sublime.

  • User Icon

    vittorio baccelli

    27/03/2001 09:25:47

    Al pari di Siddharta questo libro è stato dai giovani assurto ad opera cult. &#8220;Il lupo della steppa&#8221;: con questo appellativo l&#8217;autore chiama se stesso, cioè l&#8217;artista asfissiato dal clima borghese. Eppure ne è avvinto per legame ereditario, l&#8217;uomo &#8220;umano&#8221;, nemico della guerra e della macchina, avido più che di gioia di sofferenza, fino al suicidio e che pure non sa né ribellarsi, né uccidersi, e nemmeno soffrire fino in fondo. Il protagonista, attraverso avventure fantastiche riconosce in se un&#8217;anima tutta spirito in lotta contro un antico e selvaggio lupo della steppa: è il tipico esempio del moderno intellettuale, delle sue contraddizioni, della nevrosi di tutta la sua (la nostra) generazione d&#8217;intellettuali ricolmi di contraddizioni e d&#8217;incongruenze. Questo libro porta il lettore attraverso esperienze di vita, artistiche, sensuali, oniriche, rivoluzionarie, borghesi, attive, ma impotenti. -<META>vittorio baccelli<META>-

Vedi tutte le 19 recensioni cliente
  • Hermann Hesse Cover

    Scrittore tedesco. Abbandonati gli studi teologici, lavorò come meccanico e poi come libraio; nel 1904 si stabilì sul lago di Costanza, dedicandosi all'attività letteraria. Nel 1911 compì un lungo viaggio in India e nel 1921 prese la cittadinanza svizzera. Fu insignito del premio Nobel nel1946. Il romanzo che lo rivelò fu "Oeter Camenzind" (1904), una storia pervasa di idillica malinconia. Seguirono "Sotto la ruota" (1906) e diversi volumi di novelle. Gli avvenimenti della prima guerra mondiale produssero in lui una violenta crisi accentuando la sua tendenza all'introspezione. Si accostò alla psicoanalisi e introdusse nei suoi libri nuovi e più maturi elementi di critica sociale. Nel 1920 scrisse "L'ultima estate di Klingsor" cui seguirono i... Approfondisci
| Vedi di più >
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali