Made in Japan

Artisti: Deep Purple
Supporto: Vinile LP
Numero dischi: 2
Etichetta: Friday Music
Data di pubblicazione: 9 giugno 2011
  • EAN: 0829421270126
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 51,76

€ 60,90

Risparmi € 9,14 (15%)

Venduto e spedito da IBS

52 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Cosimo Ferrareis

    31/03/2014 22:26:02

    Il disco da lasciare ai posteri. Perché nessun disco più di Made in Japan può dare l'idea di cosa sia (o sia stato) la musica rock. Quella vera, potremmo dire quella classica, non quella che è poi degenerata frammentandosi in tante subdirectory, accomunate da una ricerca di originalità e da una conclamata snaturalizzazione della idea rock. Made in Japan, uno dei primi dischi live ed il più famoso di tutti, è stato invece il manifesto che ha consacrato la musica rock. In esso infatti c'è tutto ciò che è rock. E c'è, soprattutto, un complesso (come si usava dire all'epoca) fatto di grandissimi musicisti che, dopo aver tentato la via della progressive, raggiungono la vetta più alta della loro immensa carriera. Il basso di Roger Glover, ad esempio, non si fa notare moltissimo, ma c'è. Eccome che c'è, a tenere il ritmo con la batteria di Ian Paice, capace, quest'ultimo, di un grandissimo assolo in The Mule, secondo la migliore tradizione dei concerti rock. A metà strada con gli altri, poi, si staglia la figura del compianto Jon Lord, mitico tastierista capace (anch'egli) di dettare il ritmo e di esibirsi in grandi virtuosismi, come in Higway Star. E' indubbio, però, che le due star del gruppo sono il cantante Ian Gillan ed il chitarrista Ritchie Blackmore. Tutte le canzoni del disco sembrano eseguite per esaltare l'incredibile voce del primo e la assoluta genialità del secondo. E se in Strange Kind of Woman questo connubio è più appariscente (con Gillan capace di duettare sulle note alte della Fender di Blackmore), in effetti in ogni canzone si celebra la loro grandezza. Difficile dire quali sono i momenti più alti di questa opera. Sicuramente l'assolo di Blackmore in Higway Star lascia senza fiato. Ma è il riff di Smoke on the Water che una volta ascoltato ti accompagna per tutta la vita. Semplice e geniale al contempo. Se non lo conoscete... o avete meno di 6 anni o venite da Marte! In entrambi i casi, appena potete, correte a comprare questo disco da leggenda.

Scrivi una recensione