Traduttore: L. Gramish
Editore: TEA
Collana: Teadue
Anno edizione: 2006
Formato: Tascabile
In commercio dal: 2 novembre 2006
Pagine: 307 p., Brossura
  • EAN: 9788850212408

44° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa straniera - Gialli - Gialli storici

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Seconda metà del XII secolo. Lupo di Pietravecchia è un cavaliere che ha abbandonato la via delle armi e si è ritirato in una regione impervia dei Balcani, le Meteore. Vive come un eremita dopo anni di lunghi viaggi e alterne fortune in Europa e dopo la terribile esperienza della Crociata, che l'ha lasciato ferito nel corpo e nello spirito e convinto di dover espiare una grave colpa. Ha rarissimi contatti con il piccolo villaggio che si trova vicino al suo eremo. La gente del luogo, che lo chiama Magister, lo teme e lo rispetta, e ne osserva con sospetto le strane abitudini. Ma questa volta il male che si è abbattuto sulla piccola comunità è troppo spaventoso e un gruppo di contadini si decide a chiedergli aiuto. Un giovane religioso, infatti, è stato trovato brutalmente ucciso nei pressi del borgo. Il corpo straziato ha fatto pensare all'assalto di un animale ma quando, poco tempo dopo, un'altra vittima viene trovata con gli stessi segni, i contadini spaventati pensano subito all'opera di una strega. Lupo, che conosceva la seconda vittima, un suo vecchio compagno d'armi, sente di non potersi tirare indietro...

€ 5,00

€ 10,00

Risparmi € 5,00 (50%)

Venduto e spedito da IBS

5 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 5,00 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Capitan Francesco

    10/11/2012 01:09:50

    Un libro scritto bene in un'ambientazione poco usata, purtroppo quest'ultima non è abbastanza sfruttata: in www.fantasymagazine.it un recensore è arrivato ad affermare che si poteva trasporre tutto in un'ambientazione western con pochissime modifice... non ha tutti i torti. La storia inoltre fatica a diventare veramente avvincente e anche la trovata dei cavalieri della croce di ferro è troppo evidentemente un espediente per introdurre un po' d'azione, e dopo i vari intermezzi per descrivere il loro viaggio sino al luogo ove si svolge la vicenda mi aspettavo un po' di più.

  • User Icon

    Yaris

    20/09/2012 16:48:13

    Carino, ma poteva venire meglio. Un intreccio ben studiato ma realizzato con poco brio - perchè, diciamocela tutta, un thriller dovrebbe far battere il cuore, anche etimologicamente parlando, mentre questo libro è troppo lento anche per una pigra professionista come me. Il finale è un po' scontato, ma è apprezzabile che non lo si scopra fino, letteralmente, all'ultima pagina. Come primo tentativo non c'è male, ma bisogna ancora lavorarci su.

  • User Icon

    Antonio

    15/12/2008 20:58:26

    Un buon libro, ottima la capacità narrativa dello scrittore. Lettura semplice e fluida. Per niente noioso, avvincente, cosiglio vivamente la lettura.

  • User Icon

    R. Paris

    07/07/2008 23:59:04

    Una bella scoperta questo libro! Salvini c'immerge nell'atmosfera del tempo dipingendo luoghi affascinanti senza dilungarsi in noiose descrizioni. Un romanzo ben calibrato con un personaggio interessante e comprimari ben delineati. Non sono un esperto giallista ma il finale non mi sembra scontato. In definitiva, per me, soldi e tempo ben spesi.

  • User Icon

    Chiara da Budapest

    21/09/2007 15:31:21

    Affascinante giallo storico e magico che ci trasporta nei Balcani del 1100. Terrasanta, streghe, superstizioni e saltinbanchi in un piccolo paesino che raccoglie tutta l'atmosfera e la barbarie del Medioevo europeo. Bello.

  • User Icon

    ans72

    16/03/2007 16:34:22

    Il libro inizia bene. Avvincente, interessante. Gilles riesce ad incuriosire il lettore portandolo sempre più, all'interno della vicenda. Poi, dopo le prime 150 pagine ci si accorge che il ritmo sta rallentando. Diventa ripetitivo. Si perde di interesse. Il finale è quanto mai scontato e banale. Peccato.

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione