Categorie

Oscar Farinetti

Curatore: F. Bailo
Editore: Mondadori
Anno edizione: 2015
Pagine: 197 p. , Brossura
  • EAN: 9788804653004
Usato su Libraccio.it € 9,18


Mio padre mi diceva sempre: «Ricordati, ragazzo, che le persone sono più importanti delle cose». Oscar Farinetti

Sono passati un paio d’anni dalla Malora, quella narrata da Beppe Fenoglio, quando Oscar Farinetti, ancora ragazzino, coglie il senso della vita attraverso le parole di sua nonna Teresa, contadina scampata alla miseria. Il boom economico degli anni Sessanta è appena iniziato e Alba, insieme a tutti i suoi contadini, sta iniziando a rialzare la testa. Eppure la nonna Teresa non smette di ripetere «Mangia cun el pan!», mangia con il pane!, mentre il giovane ma scaltro Oscar cerca di accaparrarsi piuttosto il companatico. Il pane, per quella cultura contadina, era un dovere, un mezzo per risparmiare su altre vivande più costose.
A distanza di molti anni Oscar Farinetti, imprenditore e fondatore di Eataly, non ha mai cessato di mangiare con il pane, nel senso che non ha mai cessato di pensare agli altri nel momento in cui deve prendere delle decisioni, anzi, negli anni ha scoperto che lo stesso rispetto per il cibo, la natura e le persone che aveva riscontrato in sua nonna Teresa, caratterizza anche l’operato di suo padre, il comandante partigiano Paolo.
È proprio a suo padre e alla sua straordinaria vita che l’autore dedica questo appassionante saggio. Si tratta di un Memoir che ripercorre tutta la vita del giovane Paolo, che poco più che ventenne nel 1943, decide di “salire in montagna” e ribellarsi allo Stato fascista. La parabola del carismatico Paolo, presto diventato comandante della XXI brigata Matteotti “Fratelli Ambrogio”, protagonista di atti di coraggio e umanità, rivive nel racconto appassionato che ne fa il figlio Oscar.
“Le persone sono più importanti delle cose, i dubbi sono meglio delle certezze e le critiche meglio dell’adulazione”, queste le parole e questa la filosofia di vita che percorre tutta l’esistenza della famiglia Farinetti.


I. Da dove veniamo
II. Le colline della «malora»
III. A bottega nel pastino
IV. Soldato sì, ma riluttante
V. Ribelli alla macchia
VI. Nascita di una formazione partigiana
VII. Autonomi, di nome e di fatto
VIII. Tra agguati e sabotaggi
IX. Un agosto movimentato
X. Azioni e reazioni
XI. I 23 giorni della città di Alba: una pagina di libertà chiusa in tragedia
XII. Pane e cachi
XIII. Un Natale di freddo e di fame
XIV. Socialista (quasi) per caso
XV. I «saldi partigiani»
XVI. La necessità aguzza l'ingegno
XVII. La beffa delle carceri
XVIII. I fascisti col fiato sul collo
XIX. Poi anche Paolo fu ferito
XX. E, infine, la Liberazione
XXI. Il tesoro della IV armata
XXII. La rapina del '46
XXIII. Il lieto fine

Epilogo, L'eredità

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Domenico Bosco

    22/07/2016 16.46.05

    Racconto intenso ed appassionante scritto dal figlio Oscar sulla vita del padre Paolo Farinetti comandante della banda partigiana "Fratelli Ambrogio" durante la lotta per la liberazione sulle colline nei dintorni della città di Alba in Piemonte. Emerge forte la figura del Comandante Paolo audace, coraggioso e nello stesso tempo riflessivo e profondamente umano. Ancorato a saldi principi a cui farà riferimento ogni sua azione ed ogni scelta, Paolo risulta un raro conoscitore di uomini, sempre al primo posto e più importanti delle cose disposto a preferire i dubbi ed imparare dalle critiche. la frase " La vita è un film a lieto fine basta essere onesti e non mollare mai e' ancora più vera in relazione alle origini poverissime di Paolo ed al successo professionale ottenuto nel dopoguerra come imprenditore, lavorando con caparbietà ed onestà che hanno sempre contraddistinto il protagonista MI fa sempre pensare che questi UOMINI hanno combattuto per il loro ed il nostro futuro quando avevano poco più di 20 anni!!. Nel racconto e' bello intuire come gli insegnamenti di Paolo hanno poi segnato e guidato la vita di Oscar e la riconoscenza del figlio nei confronti del padre e' la logica conseguenza. Lettura caldamente consigliata .

  • User Icon

    Il libraio di Novara

    16/12/2015 14.53.46

    Farinetti ripercorre la storia del padre, il comandante Paolo che, a capo della XXI brigata Matteotti «Fratelli Ambrogio», combatté i nazifascisti sulle colline delle Langhe durante la Resistenza. Quel padre che partigiano lo è stato per tutta la vita. Aveva regole semplici: le persone sono più importanti delle cose, distingui tra il difficile e l'impossibile, non mollare mai. «Mangia con il pane» è il mantra che Oscar si sentiva sempre ripetere dalla nonna paterna Teresa ed è il sunto di una filosofia di vita che attraversa le generazioni della famiglia Farinetti.

  • User Icon

    ago

    09/08/2015 14.22.50

    Al di là dell'uso, a volte, decisamente sbagliato delle virgole (va bene che ci sono scrittori professionisti che non conoscono la punteggiatura...) e di alcuni concetti inutilmente ripetuti più volte, è un bel libro. Perché appassiona come un romanzo ed educa come la Storia (quella, per dirla con le parole dell'autore, dalla parte dei "giusti"!).

  • User Icon

    claudio

    22/06/2015 22.03.32

    Oggi è più famoso il figlio, il promotore di Eataly e prima di Unieuro. Del padre si sapeva poco o niente. Invece fu un famoso capo partigiano e il figlio Oscar in queste pagine ce ne porge il ritratto proprio di quei drammatici giorni.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione