Il manifesto del libero lettore. Otto scrittori di cui non so fare a meno

Alessandro Piperno

Editore: Mondadori
Anno edizione: 2017
Pagine: 156 p., Rilegato
  • EAN: 9788804674016

72° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Classici, poesia, teatro e critica - Storia e critica - Studi generali

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 15,72

€ 18,50

Risparmi € 2,78 (15%)

Venduto e spedito da IBS

16 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    massimo r.

    16/01/2018 14:11:20

    Libro godibilissimo, per chi ama la lettura e le dedica una parte importante del proprio tempo, come Piperno.

  • User Icon

    Loris

    09/01/2018 15:11:56

    La libertà del lettore si esprime nel puro diletto, scevro dagli obblighi professionali del recensore, dagli intenti di ordinamento e catalogazione degli accademici, dalle aspirazioni di chi cerca insegnamenti morali o conoscenze pratiche. L’ambito è ristretto al romanzo, genere che a dispetto delle continue profezie nefaste sopravvive ai secoli e alle mode. Piperno insiste sul ruolo del tempo, elemento manipolato dallo scrittore (e dal lettore) per andare oltre la linearità dell’esperienza individuale. Lo stesso tempo (inteso come permanenza di attenzione) è un possibile criterio in base al quale si può azzardare una definizione di ‘classico’. La ri-lettura consente di superare l’impatto dell’intreccio, mettendo in luce la presenza (o l’assenza) di qualità stilistiche che sono la fonte di un piacere duraturo. Anche l’età del lettore condiziona la percezione di un romanzo: i desideri e il vissuto fanno si’ che alcuni testi siano davvero compresi ed amati solo nella maturità. Il tempo, perduto e ritrovato, è il tema cardine della Recherche di Proust, cui Piperno dedica una ‘lezione’ appassionata ed interessante, giocata sull’analisi dei tempi verbali. Tutti i capitoli monografici offrono spunti intriganti, delineano le peculiarità e le innovazioni degli autori trattati attraverso le loro opere più note. Da parte mia, ho trovato particolari consonanze nelle pagine dedicate ad Anna Karenina e alla sublime prosa di Nabokov. Il testo si chiude con una serie di biografie di personaggi romanzeschi, un divertissement che allunga piacevolmente la foliazione.

Scrivi una recensione
Prologo

I cittadini del magico paese della narrativa

Tolstoj o dell'arte di introdurre i personaggi
Flaubert o dell'ambiguità del punto di vista
Stendhal o dell'orgoglio di scrivere male
Austen o quando la fiaba si fa romanzo
Dickens o del genio di iniziare un romanzo
Proust o dell'uso dei tempi verbali
Svevo o del miglior modo di vendicarsi
Nabokov o di come il gioco si fa tragedia

Biografie dei personaggi citati nel prologo
Nota dell'autore
Ringraziamenti