Mare Nostrum II

Supporto: Vinile LP
Numero dischi: 2
Etichetta: ACT
Data di pubblicazione: 26 febbraio 2016
  • EAN: 0614427981219
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 25,50

Venduto e spedito da IBS

26 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
Descrizione

La lunga attesa è finita. Mare Nostrum presenta il 'Suono d’Europa' ... Parte seconda.
Il trombettista sardo Paolo Fresu, il fisarmonicista francese Richard Galliano e il pianista svedese Jan Lundgren formano il trio “Mare Nostrum” (il nostro mare, il nome con cui i Romani chiamavano il Mar Mediterraneo). Questo ensemble costruisce collegamenti tra le culture musicali dei suoi tre protagonisti. Innumerevoli sono stati gli ascoltatori di tutto il mondo affascinati dalla loro musica e dal loro caratteristico 'suono d’Europa'. .Quando il primo album “Mare Nostrum” fu pubblicato nel 2007, i critici di molti paesi affermarono senza incertezze che questi tre musicisti avevano trovato il modo di forgiare qualcosa di una bellezza senza tempo. Questo “ensemle lirico con un acuto senso di compostezza” (Downbeat, Stati Uniti) aveva creato “un meraviglioso album di genuino calore” (Jazz Magazine, Francia), che era ricco di “poesia e originalità” (Süddeutsche Zeitung, Germania) e che era “tranquillo, intimo e talvolta meditativo” (Stern, Germania). In altre parole, “un album particolarmente insolito e bello. Un’eccezionale festa musicale” (Morning Star, Regno Unito). Inoltre, il quotidiano Independent aveva previsto che questo “paesaggio sonoro del jazz europeo contemporaneo” sarebbe stato notevole dal vivo sul palco. E avevano ragione: il trio ha ormai tenuto più di 150 concerti in più di 20 paesi e gli spettatori di tutto il mondo sono stati rapiti dal suo incantesimo. .Fresu, Galliano e Lundgren sono personaggi dissimili, eppure questi musicisti eccezionali, con i loro differenti patrimoni culturali, hanno fondato un'alleanza che esalta le loro affinità e crea una simbiosi unica. Suonano strumenti diversi, ma insieme si combinano per creare un suono ideale. Ciascuno dei tre è un musicista irresistibilmente melodico e ognuno di loro ha lavorato per espandere i confini del jazz. Ognuno ha scavato nella sua tradizione musicale nazionale e, dal momento che tutti e tre sono cresciuti vicino alla costa, il mare riveste un ruolo più che simbolico: si tratta di una presenza costante, una fonte di ispirazione e il punto di partenza per tutti i tipi di viaggi e incontri, reali e immaginari.
Va da sé che questi musicisti sono costantemente tra i più richiesti in Europa, nessuno escluso. Fresu è coinvolto in numerosi progetti che vanno dal cinema al teatro, e spesso si trova sul palco con musicisti come Nguyên Lê, Ralph Towner, Uri Caine e Omar Sosa. Galliano è un musicista infinitamente curioso che si muove liberamente tra il jazz e il mondo classico ed è sempre alla ricerca di nuovi input creativi, come ha dimostrato lavorando al fianco di Charlie Haden, Charles Aznavour o la Sinfonietta Krakow.
Jan Lundgren ha nel suo bagaglio non solo la solennità nordica e lo spirito impressionista, ma anche radici profonde nella tradizione del pianoforte jazz americano, che lo hanno portato a collaborazioni con jazzisti tradizionali come Scott Hamilton o Harry Allen. L’individualità e il carattere distintivo di Lundgren sono parte di ciò che lo rende un pianista molto richiesto, sia che si tratti del progetto “Kind of Cool” di Wolfgang Haffner oppure, più di recente, del tributo di Nils Landgren a Leonard Bernstein intitolato “Some Other Time”.
Il fatto che tutti e tre siano così richiesti ha fatto sì che Fresu, Galliano e Lundgren abbiano impiegato sette anni per dare seguito al grande successo del primo album. Tuttavia, va detto che la lunga attesa per “Mare Nostrum II” non è stata delusa. Tutti e tre i musicisti hanno ancora una volta scritto pezzi irresistibili e l'ascoltatore è immediatamente catturato dalla bellezza del loro suono. L'orecchio può spaziare dagli accordi lirici di Jan Lundgren al calore del suono della tromba di Fresu fino alle cascate di contrappunti di Galliano. Questo album contiene ballate malinconiche, la passione rovente e il profondo anelito del tango (“Blue Silence”), i colori nordici di “Kristallen den fina”. Si avventura nel mondo della canzone francese (“Giselle”), o in quello della musica classica (“Farväl”). “Aurore” è invece un inno radioso e “Leklåt” è un boogie travolgente. Accanto alle composizioni originali a cui hanno contribuito tutti e tre i membri della band, l'album include due arrangiamenti di brani classici. “Si Dolce è il tormento” dal nono libro di madrigali di Claudio Monteverdi, compositore innovativo protagonista degli albori dell'opera barocca; e il “Gnossienne No. 1” del maestro della miniatura musicale Erik Satie. Questi due brani completamente dissimili e per certi versi antitetici, provenienti da epoche e contesti così diversi, dimostrano come questi tre musicisti all’apice della loro carriera riescano a trovare l'essenza del jazz europeo attraverso la loro interazione perfetta.

Disco 1
  • 1 Apnea
  • 2 Blue Silence
  • 3 Aurore
  • 4 Khristallen Den Fina
  • 5 Giselle
  • 6 E Varie Notti Tre Vie Notai
Disco 2
  • 1 Farväl
  • 2 Gnossienne No. 1
  • 3 Lili
  • 4 Leklåt
  • 5 Le Livre D’un Père Sarde
  • 6 Si Dolce È Il Tormento
Mostra tutti i brani