Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Marie Antoinette

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Regia: Sofia Coppola
Paese: Stati Uniti
Anno: 2006
Supporto: DVD
Salvato in 48 liste dei desideri

€ 6,99

Venduto e spedito da Vecosell

spinner

Disponibile in 4 gg lavorativi

Solo 3 prodotti disponibili

+ 2,90 € Spese di spedizione

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (9 offerte da 6,24 €)

La vita di Maria Antoinetta di Francia, la leggendaria regina adolescente. Promessa sposa di re Luigi XVI, l'ingenua Maria Antonietta all'età di soli quattordici anni viene gettata nel turbine dell'opulenta corte francese e costretta ad una vita fatta di scandali e congiure di palazzo. La giovane regina, sola, senza una guida, disorientata in quel mondo tanto pericoloso, riesce alla fine a trovare il modo di ribellarsi all'atmosfera di Versailles, passando così alla storia come la regina francese più incompresa.
4,13
di 5
Totale 40
5
18
4
15
3
3
2
2
1
2
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Silvana

    06/07/2021 17:45:38

    Un film storico rivisitato in chiave moderna, Kirsten Dunst è stata impeccabile in questo ruolo, nessuno meglio di lei avrebbe potuto interpretare il ruolo di Marie Antoniette. Costumi, acconciature e sceneggiature fantastiche.

  • User Icon

    Flavio

    06/07/2021 17:08:25

    Film fantastico, Kirsten Dunst perfetta per questo ruolo. Un film storico per niente pesante, anzi, leggero, a tratti simpatico, recitazione impeccabile, costumi bellissimi, premio Oscar più che meritato.

  • User Icon

    LorBar

    02/04/2021 22:35:14

    Film semplicemente fantastico! Sofia Coppola dimostra un grande gusto per le inquadrature, una grande consapevolezza nell'utilizzo dell'ironia nel processo di caratterizzazione psicologica della protagonista e nel descrivere la parte di un'epoca, con tutti i suoi barocchismi, gli eccessi e le ritualità grottesche.

  • User Icon

    Maria

    15/05/2020 19:03:19

    Film simpatico e interessante. Si basa su una storia vera e, nonostante sia un film storico, è rivisitato in chiave moderna, in modo tale da non renderlo noioso o ripetitivo. Ci mostra gli sfarzi e le feste di corte, gli intrighi e la vita vera di quei tempi, non fatta solo di cerimonie e riti. Interessante aver posto un paio di Converse tra le altre scarpe dell'epoca, per dirci quanto in realtà la protagonista non sia altro che una ragazza normalissima, con i suoi pregi, difetti e le sue paure. Interessante anche la scelta della colonna sonora pop rock. Mi è piaciuto molto.

  • User Icon

    sister

    15/05/2020 19:01:28

    Sono decisamente entusiasta. Film coinvolgente, ricco di dettagli. Non si tratta del classico film storico in quanto è un film con una scenografia ricca di colori ed emozioni , ma al contempo è basato sui costumi dell'epoca e forse per tanti versi è molto più realistico di altri film . Si racconta della vita sfarzosa ma anche intima della giovanissima Marie Antoinette alla corte di Francia dopo un matrimonio combinato, diventando Regina. Cast d'eccezione. Lo consiglio vivamente. Anche a chi non ama i film storici.

  • User Icon

    Gloria

    15/05/2020 07:43:07

    Film molto interessante e divertente. Basato su una storia vera, ma non così attendibile storicamente. Sono presenti dei dettagli del mondo moderno, a partire dalla musica rock inaspettata. La fotografia molto carina e non noiosa. I colori sono vivaci e brillanti, non ingrigiti come ci si potrebbe aspettare. In conclusione molto bello. Da vedere!

  • User Icon

    Melissa L

    13/05/2020 16:19:44

    Interpretazione fantastica della magnifica Kirsten Dunst che ci ha restituito la dolce ambiguità di Maria Antonietta. Il film parla di lei e di nessun altro, non del suo Re, non della Francia. Innovativa come sempre la visionaria Sofia Coppola che anche questa volta è riuscita a raccontarci qualcosa di nuovo seppur parlando di qualcosa di vecchio e notoriamente conosciuto. Con la stessa maestria, la fotografia filmica è rivoluzionaria ed evocatrice tanto quanto la trama stessa. Un film che non conosce stanchezza, trasognante, leggero come i suoi toni pastello, ma al tempo stesso dolcemente malinconico, tristemente romantico, visionario. Lo consiglio assolutamente.

  • User Icon

    Silvia

    23/04/2020 17:47:09

    Una rivisitazione in chiave pop della vita di Maria Antonietta. La fotografia è spettacolare, una totale gioia per gli occhi

  • User Icon

    Federica D'Alessio

    01/04/2020 15:29:50

    Bel film, ben fatto e piacevole da vedere.

  • User Icon

    Anonima

    26/08/2019 15:51:34

    Film che mi è piaciuto, mostra come alla fine lei era troppo giovane per regnare e sperpera il patrimonio per sciocchezze. L'unica pecca sono le converse che poi la regista fa passare come cosa voluta per dimostrare che Marie Antoinette era un'adolescente ma a mio parere o è un errore oppure una trovata pubblicitaria. In ogni caso consiglio la visione.

  • User Icon

    Maury

    01/08/2019 12:56:45

    Non riesco a salvarlo. Costumi e fotografia saranno anche belli ma...non riesco a salvarlo

  • User Icon

    siderite73

    23/09/2018 16:51:02

    Film molto bello, colorato, ben interpretato, con bellissimi scenari e splendidi costumi. Ho apprezzato la scelta di accompagnare alcune scene (soprattutto le più malinconiche) con musiche di ispirazione orientale: mi hanno fatto paragonare Versailles alla città proibita de "L'ultimo imperatore", un mondo separato, distinto, completamente concentrato su se stesso, regolato da un'etichetta ferrea, intollerante a qualsiasi cambiamento perfino se proposto dalla stessa regina, sordo ai fermenti del mondo.

  • User Icon

    massimiliano

    22/09/2018 19:03:01

    una voce fuori dal coro, Sofia Coppola ha una visione personale che giudico unica e piacevolmente "leggera" di un avvenimento storico decisivo per la Francia.

  • User Icon

    chiara

    30/10/2011 13:07:39

    Film bellissimo...bellissime le scenografie, la storia, i costumi...ogni cosa..Kirsten Dunst è bravissima...film veramente stupendo

  • User Icon

    Mr Bloody

    07/01/2011 19:12:31

    Un film estremamente delicato, a tratti divertente, che fa felice sia gli amati dei film storici\in costume, sia chi cerca un film diverso dal genere, frizzante e irriverente. Scenografie sontuose, fotografia splendida, musiche "moderne" incredibili e mai inappropriate, cast immenso. Tutto quadra alla perfezione in questa pellicola che sà narrare la vita delle persone e non la mera Storia. Consigliato!

  • User Icon

    marcuz86

    07/11/2009 18:49:14

    Un film che inizialmente è difficile da apprezzare, per via di molte scene prive di dialogo e specialmente per i tagli storici più importanti (come il caso della collana). In ogni caso trovo che Sofia Coppola abbia fatto un buon lavoro, che ci fa conoscere in modo fresco e giovanile alcuni dettagli, spesso sconosciuti, della regina Maria Antonietta. I costumi e la fotografia sono fantastici e l'abbinamento alla musica moderna stupisce un po'. Tra l'altro Sofia Coppola mostra la regina come un'adolecente che cresce e si diverte a modo suo in un modo a lei ostile e invadente.

  • User Icon

    Alice

    27/07/2009 13:47:47

    Per gli appassionati di film storici/ in costume come me,film imperdibile. Peccato per il finale, sembra un po' tirato via e comunque mi sarebbe piaciuto che la situazione politica francese del tempo fosse più dettagliata. Comunque costumi ed ambienti sono fantastici!!!!

  • User Icon

    mamardieng.r

    21/07/2009 21:18:38

    Ho letto con orrore i precedenti commenti e ci sono voluti diversi minuti per riprendersi da tali oscenità. E' probabile che questa pellicola se vista sotto l'effetto di un qualche psicotropo possa apparire in qualche maniera affascinante, posso capire che nell'ignoranza generale che regna oggi un guazzabuglio di lustrini, paillettes, urletti e pettegolezzi uniti a qualche sovraimpressione recanti date del XVIII secolo possa fare di un film un film storico ... ma qui si passa il limite. Quella della Coppola (a proposito, e questo sarebbe il suo momento più alto ? Non oso immaginare quelli bassi ...) è al massimo una parodia glamour malriuscita di un mondo che evidentemente nemmeno ha visto in cartolina. Se si vuole trattare la storia almeno un minimo la si deve conoscere e soprattutto rispettare.

  • User Icon

    lorenzo

    10/11/2008 15:24:02

    Marie Antoinette rappresenta probabilmente il punto più alto della carriera di sofia coppola e nella sua complessità e stravaganza probabilmente uno dei migliori film storici mai realizzati. Ciò è dovuto a numerosi fattori. In primo luogo la sceneggiatura, la vera perla del film, che non vuole creare un dramma storico sociale come ci si potrebbe aspettare, ma si concentra su temi e aspetti ritenuti dalla regista pragmatici. In secondo luogo, kirsten dunst, che probabilmente era l'unica persona capace di interpretare questo ruolo. In ultimo, la colonna sonora, forse l'elemento più orginale del film.

  • User Icon

    Pati

    17/04/2008 19:39:09

    A mio parere è un film impegnativo nonostante sia stato più volte giudicato frivolo da alcuni commentatori... Lo può vedere chiunque ma è la comprensione il vero problema: la maggior parte della gente non considera quei film dove non ci sono dialoghi e molte situazioni sono lasciate a metà o sono troppo implicite... Ad ogni modo penso che la Coppola sia una regista molto brava ma, mi dispiace dirlo,questo film non è per tutti. Cosa fare allora con il pubblico "medio"? Puntare sulle cose migliori del film, che sono molte: i favolosi costumi,il cast azzeccatissimo, le scenografie, la fotografia, i dolci, le feste, il turbinio di emozioni che, nonostante il film sia un pò lento, colpisce dritto al cuore e ci regala un ritratto (forse storicamente poco dettagliato) di una grande donna, una grande regina che i libri di scuola omettono un pò troppo... come, ahimè!, molte altre donne della storia! Il ritratto della Coppola è estremamente intrigante, genuino e giovanile allo stesso tempo ma lievemente deludente in alcuni punti... Perciò, caro spettatore basso alto o medio, accoccolati davanti la tv, magari in una bella giornata in cui l'ozio prevale sulla vitalità, e gustati questo mondo ammaliante, questo "paese dei balocchi",il paese della spensieratezza, che si trasforma in una bella delusione, la delusione di capire come va la vita e di comprendere di essere stato trasportato in un mondo che piace per finta ma che col tempo finisce con lo schiacciarti... Gustati ogni istante, dalla lussuria all'esasperazione, dalla gioia alla disperazione di questa donna straordinaria e misteriosa interpretata da una Kirsten Dunst inedita, che può solo stupirti...e se prima la consideravi slavata e banale adesso non potrai fare a meno di assegnarle il volto di Maria Antonietta........ Fine > effetto terapeutico: la gioia di vivere è tornata e hai capito quanto è importante godersi ogni istante perchè la vita è breve e non si sa mai cosa c'è dietro l'angolo... Baci e buona fortuna a tutti!

  • User Icon

    Giacomo

    29/01/2008 13:16:06

    Film molto particolare, la regina è vista sotto una chiave edonistica, c'è un'atmosfera quasi neoromantica stile anni Ottanta del XX secolo piuttosto che parigina Settecentesca. Comunque questo non danneggia una buona pellicola, molto originale, con a ttori molto bravi molto giovani e molto glam. Un mio particolare apprezzamento va al giovane Jason Schwartzaman che riesce sia fisicamante che emotivamente a rendere bene l'idea di questo re un pò bamboccione più interessato ai chiavistelli e agli elefanti, che alla polirica. molto veloce ma ugualmenet commovente la s cena finale in cui la famiglia reale vede abbatersi contro Versailles l'uragano della rivoluzione. Vloce perchè il fotogramma delle stanze da letto reali devastate dalla ferocia della plebe, fa capire la triste sorte toccata alla giovanissima coppia reale, già dall'inizio chiaramente vittima designata dagli intrighi, dalla sfortuna,dalla morte di Luigi XV e dagli eventi. Ho apprezzato molto i costumi ma ancor più la musica rock che non involgarisce per nulla il tutto nè ridicolizza la scenoigrafia o la sceneggiatura. Un ottimo film, forse non molto incisivo nelle psicologie generali dei protagonisti ma non per questo da 5+. un ottimo giudizio per questa pellicola giovane, innovativa, fresca, non fredda e storicamente fededegna anche nella sinteticità tipica dell'arte cinematografica.

  • User Icon

    OskarSchell

    22/01/2008 09:12:44

    Carino... ma non mi ha convinto il finale.

  • User Icon

    Nene

    09/01/2008 00:45:21

    Mi sono dimenticato di dire una cosa. Concordo pienamente con Gian. Sofia coppola poteva fare un capolavoro ma alla fine ha realizzato solo un bel film.

  • User Icon

    Nene

    06/01/2008 03:03:54

    Elegante,sfarzoso e raffinato. Costumi e scenografia sono sublimi, così come montaggio, fotografia e regia. Solo una donna poteva realizzare un film del genere. Apprezzabile anche la scelta di mischiare la colonna sonora tra classico e moderno, anche se in alcune sequenze sarebbe stato più appropriato mantenersi esclusivamente sul classico. Un plauso anche a Jason Schwartzman, perfetto nei panni del sovrano un po ebete, mentre Asia Argento è sempre straordinaria quando deve essere antipatica. Che dire di Kirsten Dunst? Bella! Bellissima! Ma quanto a talento non è di certo Anna Magnani. Non demerita comunque.

  • User Icon

    Gian

    25/12/2007 15:50:46

    Dare un giudizio a questo film secondo me è davvero una faticaccia! Il film in effetti è molto bello, ma almeno per me ha rappresentato una delusione, perchè la Coppola avrebbe potuto creare un capolavoro, e invece ha fatto solo un bel film, nulla di più. Ci sono pochi difetti, che però si notano: la regista riassume ben 9 anni della vita della regina, che furono i più intensi, in una scena di pochi minuti, quando i suoi 4 anni di vita da Delfina vengono raccontati in più di un'ora. Non viene abbastanza messo a fuoco il rapporto profondo che la legava ai figli, così come la storia con Fersen, il suo unico grande amore: la loro relazione viene descritta come un flirt durato pochi giorni. Nel film ci sono poi numerosi errori cronologici, e diverse sbavature che dimostrano che Sofia deve ancora maturare totalmente come regista. Eppure il film ha dei grandi pregi, che finiscono per oscurare i difetti: Kirsten Dunst è stata perfetta nel ruolo della sovrana, anche nelle (poche) scene in cui la regina è ormai una donna matura. La vita a Versailles è rappresentata in maniera sublime, in ogni istante: dalle attività svolte in pubblico fino ai riservati festini del Petit Trianon. La fotografia è incredibile, grazie alla mano di Lance Acord, già collaboratore di Sofia (questo film se lo meritava l'Oscar per la fotografia)! Poi non vorrei essere ripetitivo, ma è innegabile che le creazioni di Milena Canonero abbiano dato al film quelle atmosfere uniche di cui c'era bisogno! Un complimento va anche alle musiche: oltre a rivelare il gusto impeccabile della regista, è stupendo il contrasto tra moderno/antico che si viene a creare! Infine volevo dire che ho trovato giusta la scelta di fermare il film alla notte del 6 ottobre 1789: i quattro anni successivi avrebbero allungato eccessivamente il film; tuttavia sarebbe bello vedere un prossimo film in cui vengono mostrati gli ultimi anni di MA: è in questo periodo che la regina dimostrò fierezza e regalità come mai fece in passato, anche nelle situazioni più difficili.

  • User Icon

    DANILO

    03/12/2007 11:28:51

    Ehm, non per fare il saputello ma... nella verità STORICA Maria Antonietta (con marito, figli e Madame Elisabeth sorella del re) SONO stati portati via da Versailles in carrozza! Useranno uno squallido carretto per condurla - ahimè - alla ghigliottina quattro anni dopo... quindi il finale del film della Coppola è corretto, anche perchè credo si sia voluto sottolineare il concetto del "viaggio" in carrozza, tema anche del libro della Fraser da cui è tratto il film: in carrozza Maria Antonietta fu condotta a Versailles; in carrozza la portarono via da lì molti anni dopo. Ciao a tutti! :)

  • User Icon

    matt

    13/11/2007 19:34:44

    Un film sicuramente particolare,che non lascia nulla al caso e che sviluppa alcuni temi fondamentali della vita di corte e in particolare di Maria Antonietta. I silenzi e gli sguardi fanno da padroni ma le musiche,che dovrebbero legare immagini ad emozioni,non convincono molto. I costumi sono eccezionali e Kirsten Dunst è perfetta nel suo ruolo. Peccato per la fine orribile: non sulla carrozza caspita!!! Comunque molto carino!

  • User Icon

    DANILO

    14/09/2007 19:51:18

    "Che mangino le brioches!". Un'immagine di due-tre secondi davvero "potente". Il film di Sofia Coppola è fatto (anche) di queste immagini, di queste sequenze, insomma di queste trovate. A tutti quelli che sostengono che questo film è scarno di contenuti e poco dettagliato, rispondo che quello dell'essenzialità e della stringatezza era proprio uno degli obiettivi di S.Coppola, la quale non voleva certo fare un tipico film storico pedante e pieno di retoriche del tipo "però in effetti c'era questo popolo affamato...". L'obiettivo era quello di raccontare a spizzichi e bocconi (di torte!) la routine giornaliera di questa adolescente che fu Maria Antonietta, fino alla maturazione mista a sobrietà raggiunta con la gravidanza. I suoi sentimenti e le sue emozioni sono suggeriti dalle lunghe inquadrature sui primi piani, tipici del film: il pianto seguito al parto della Contessa di Provenza; l'espressione sconsolata seguita ad ogni lettera-rimprovero di Maria Teresa; lo sgomento seguito al glaciale silenzio dei nobili al teatro dell'opera, verso la fine del film. E poi certo le guance pesantemente imbellettate e i sorrisi da "ochetta giuliva" assieme alle sue due inseparabili amiche nelle splendide scene dello shopping sfrenato, del gioco d'azzardo e dei balli notturni, il tutto condito da dolci e coppe di champagne! Bella anche la sequenza "da letto" con Fersen: piccante, accennata, per niente volgare, insomma diversa! Tutti messaggi in codice che ci invitano a leggere tra le righe, per narrare e colorare la storia; quella Storia passata che ancora vive nei libri che, con lo scopo di spiegarla, non sempre ci permettono di capirla. Per quel che riguarda la messa in scena del film, meravigliosi i costumi, fantastica la colonna sonora punk-pop-rock e azzeccata la scelta degli attori. E il privilegio di aver potuto girare nella vera Versailles dà ancora quel qualcosa in più a questo piccolo capolavoro! E ammettiamolo: chi non vorrebbe per il proprio compleanno una enorme torta con tanto di candelotti scintillanti?! ;-)

  • User Icon

    andrew

    24/07/2007 17:49:49

    Ho trovato il film di Sofia Coppola bellissimo. Sebbene non sia un film storico in senso stretto, la figura di Maria Antonietta è stata delineata in modo preciso. Bravissima K. Dunst. Le accuse di superficialità credo siano ingiuste. E' vero che alcuni episodi chiave della vita della sovrana sono stati ignorati, ma la il carattere del personaggio risulta lo stesso. Quello che è nuovo è il punto di vista con cui viene indagato il personaggio storico. Maria Antonietta è un'adolescente che viene catapultata in una realtà estranea e meravigliosa. I colori, i costumi, le musiche rendono benissimo il suo stupore, la sua voglia di divertirsi e di essere spensierata, atteggiamenti tipici dell'adolescenza,(significative le scene della festa all'opera di Parigi e l'attesa dell'alba nel parco della reggia ),ma anche la sua inadeguatezza alla vita di corte e alle responsabilità politiche. Col passare del tempo, poi le spese sfrenate serviranno a farle dimenticare la solitudine e l'infelicità del matrimonio. A questo proposito ho trovato ben azzeccata la scelta di fare interpretare Luigi XVI a J.Schwarztman. Impacciato, goffo e timido, ma evidentemente innamorato della giovane e bella moglie. Un amore che traspare piu' che dalle parole dagli sguardi (la prima scena all'opera quando Maria Antonietta, ignorando l'etichetta di corte, applaude lo spettacolo o quelle finali durante l'ultimo pasto a Versailles). Ecco credo che questo sia il segreto del film; un film pieno di musica, di colori, di sguardi e di cose non dette, ma che sono sufficienti a farci comprendere i sentimenti dei vari personaggi e dove le parole possono risultare superflue.

  • User Icon

    nico

    13/06/2007 13:56:01

    Meraviglioso! Non tutti hanno capito che questo è il miglior film di Sofia Coppola che chiude la trilogia dedicata all'adolescenza. Da vedere, ma soprattutto da ascoltare (grazie ad una splendida colonna sonora).

Vedi tutte le 40 recensioni cliente
  • Produzione: Sony Pictures Home Entertainment, 2013
  • Distribuzione: Eagle Pictures
  • Durata: 123 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1);Inglese (Dolby Digital 5.1);Inglese per non vedenti (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Danese; Finlandese; Hindi; Inglese; Inglese per non udenti; Italiano; Norvegese; Svedese
  • Formato Schermo: 1,85:1
  • Area2
  • Contenuti: dietro le quinte (making of); scene inedite in lingua originale; speciale: "Luigi XVI presenta la Reggia di Versailles"; trailers
  • Sofia Coppola Cover

    Propr. S. Carmina C., attrice e regista statunitense. Figlia di Francis Ford C., nasce e cresce sui set cinematografici (a solo un anno di vita compare nel capolavoro Il Padrino, 1972). Accreditata come attrice in molti film del padre (spesso con lo pseudonimo «Domino»), nel prequel della saga di Guerre Stellari: Star Wars - Episodio I: La minaccia fantasma (1999) di G. Lucas e in alcuni video musicali («Deeper and Deeper» di Madonna ed «Electrobank» dei Chemical Brothers, diretto da S. Jonze), a soli diciotto anni è cosceneggiatrice dell'episodio coppoliano di New York Stories, mentre nel 1998 fa il suo esordio nella regia con il cortometraggio Lick the Star. Nel 1999 presenta al Festival di Cannes il suo primo lungometraggio, Il giardino delle vergini suicide, dramma «raggelato» sul suicidio... Approfondisci
  • Kirsten Dunst Cover

    Propr. K. Caroline D., attrice statunitense. Inizia la carriera all'età di tre anni come baby-modella per l'agenzia Ford. Con all'attivo più di settanta spot pubblicitari e diversi videoclip, appare al cinema per la prima volta (non accreditata) nell'episodio di F.F. Coppola di New York Stories (1989). La sua filmografia è composta da una lunga serie di ruoli da bambina prodigio hollywoodiana (da Jumanji, 1995, di J. Johnston a Small Soldiers, 1998, di J. Dante) e da alcune prove di sorprendente maturità recitativa (dalla bambina-vampiro in Intervista col vampiro, 1994 di N. Jordan, all'adolescente Lux Lisbon in Il giardino delle vergini suicide, 2000, di S. Coppola). Raggiunge la popolarità internazionale interpretando la ragazza dell'uomo-ragno in Spider-Man (2002), Spider-Man 2 (2004) e... Approfondisci
  • Jason Schwartzman Cover

    Propr. J. Francesco S., attore statunitense. Proveniente da una delle più famose famiglie hollywoodiane (è figlio del produttore Jack S. e dell'attrice T. Shire, e nipote di F.F. Coppola), debutta sul grande schermo a diciotto anni nei panni del giovane studente-drammaturgo innamorato di una professoressa in Rushmore (1998) di W. Anderson. Interprete di personaggi dall'aria assente e un po' impacciata, partecipa a film indipendenti (CQ, 2002, di R. Coppola) e a produzioni mainstream (S1mOne, 2002, di A. Niccol, e I Heart Huckabees - Le strane coincidenze della vita, 2004, di D.O. Russell). Più recentemente è Luigi xvi in Marie Antoinette (2006) della cugina S. Coppola e, diretto ancora da Anderson, il minore dei tre fratelli che vagabondano per l'India in Il treno per il Darjeeling (2007). Approfondisci
  • Rip Torn Cover

    "Nome d'arte di Elmore Rud T. jr., attore statunitense. Professionista scrupoloso e stra­or­di­na­riamen­te prolifico, inaugura con Ba­by Doll (1956) di E. Kazan una carriera costellata di personaggi insoliti, spesso caparbi uomini del Sud non privi d'una sofferta umanità. Col suo viso segnato ed espressivo, dà vita a figure complesse, capaci di celare una profonda sensibilità dietro una maschera di impulsiva violenza. Emozionante nelle rare performance come attore protagonista (Tropico del cancro, 1970, di J. Strick; Giorno di paga, 1973, di D. Duke), dimostra un talento non meno esplosivo nelle innumerevoli parti di supporto: La dolce ala della giovinezza (1962) di R. Brooks, Cincinnati Kid (1965) di N. Jewison, mib - Men in Black (1997) e miib - Men in Black II (2002) di B. Sonnenfeld,... Approfondisci
Note legali
Chiudi