Mario Pannunzio. Giornalismo e liberalismo

Antonio Cardini

Anno edizione: 2011
In commercio dal: 29 marzo 2011
Pagine: 328 p.
  • EAN: 9788849521139
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Ed il 1965, dalla Liberazione al centrosinistra, con una attività intesa a costituire in Italia una forza liberaldemocratica di stampo occidentale, fondata su una vera cultura democratica, per ottenere la quale fu un organizzatore unico, nell'Italia degli anni cinquanta, attraverso la rivista "Il Mondo", di un universo intellettuale composto di scrittori, artisti, critici, politici, giornalisti. Fu così il regista della cultura politica italiana democratica a metà del Novecento. Mario Pannunzio è una figura di rilievo nella storia italiana del Novecento, perché volle assicurare attraverso "Il Mondo" una cultura politica democratica occidentale per nutrire classi medie e ceti popolari, orientati alla cultura cattolica e marxista, difficilmente adattabili al mercato e alla democrazia diffusi in un'Italia in rapida crescita. Quelle che allora sembravano culture vincenti e quelli che apparivano come blocchi infrangibili si sono alla prova del tempo dissolti e dal Novecento ci giunge invece alta e forte solo la voce liberaldemocratica di Pannunzio e la sua lezione fondativa per la nostra democrazia, di cui oggi abbiamo più che mai bisogno.

€ 34,00

Venduto e spedito da IBS

34 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Cardini, già autore di un volume sul "Mondo", compone, quasi a prosecuzione, una distesa, dettagliata, documentata biografia di Pannunzio, direttore del settimanale e figura di un filone culturale che ebbe tanto indiscusso prestigio quanto ristretto ascolto. Meglio: le idee lanciate o le battaglie sostenute mossero le acque stagnanti dell'Italia centrista, come prima avevano offerto riferimenti non secondari alla piattaforma antifascista, ma non si incarnarono in un movimento solido. Il Partito radicale, fondato a Roma il 9 dicembre 1955, rimase una formazione viziata da un introverso elitismo, che l'avrebbe condannata a un rapido sfaldamento. La chiassosa diramazione che ha avuto in Pannella il suo mentore ha pochissimo a che vedere con la discrezione e l'equilibrio dei tanti intellettuali che riconobbero in Pannunzio molto più che un maestro di giornalismo politico. Con la consueta secchezza, Valiani gli scrisse nel dicembre '54: "Ci troviamo a discutere non della formazione di un governo e neppure di un alleanza di partiti, sibbene di un gruppetto intellettuale". Eppure, nella fucina del "Mondo" – che chiuse l'8 marzo 1966 – lavorarono fior di autori, personalità che mantennero ognuna una sua indipendenza e si distinsero per eleganza e dignità. A scorrere l'elenco dei nomi di coloro che frequentavano le stanze ovattate del periodico non si attenua l'ammirazione per un regista silenzioso di incontri e dialoghi. Né si resta insensibili di fronte alla lucidità di certi suoi giudizi: nell'aprile 1947 Pannunzio delinea un'alternativa secca: "In economia, e non solo in economia, ormai è chiaro, o si è liberali o comunisti". C'era del vero, ma gli impulsi di una società di massa richiedevano presenze fuori dalla portata di chi preferì la vis polemica delle "prediche inutili".
Roberto Barzanti