Massa e potere - F. Jesi,Elias Canetti - ebook

Massa e potere

Elias Canetti

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: F. Jesi
Editore: Adelphi
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 1,44 MB
Pagine della versione a stampa: 615 p.
  • EAN: 9788845979293
Salvato in 8 liste dei desideri

€ 16,99

Punti Premium: 17

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Nel 1922, a Francoforte, lo studente diciassettenne Elias Canetti si trovò ad assistere a una manifestazione contro l’assassinio di Rathenau. Quel giorno egli sentì che la massa esercita un’attrazione enigmatica, qualcosa di paragonabile al fenomeno della gravitazione. Nel 1927, a Vienna, compiva un ulteriore passo: l’esperienza di essere nella massa, partecipando al grande corteo del 15 luglio, quando fu incendiato il Palazzo di Giustizia. La polizia sparò: novanta morti. Nelle sue memorie Canetti scriverà, a proposito della massa: «È un enigma che mi ha perseguitato per tutta la parte migliore della mia vita e, seppure sono arrivato a qualcosa, l’enigma nondimeno è restato tale». Il «qualcosa» a cui qui si allude è "Massa e potere", che apparve nel 1960, dopo trentotto anni di elaborazione. Già questi elementi, queste date fanno capire quale immensa energia, concentrazione, furia si sia depositata in queste pagine. Alla lunghissima genesi dell’opera corrisponde l’estrema singolarità della sua forma. Qui non ci viene semplicemente offerta una nuova teoria da allineare alle tante già esistenti su queste due parole ossessive: massa, potere. Profondamente avverso alla coazione a spiegare, che opprime la nostra cultura, Canetti è qui riuscito nell’impresa di pensare con il massimo della precisione, ma tenendosi sempre «al margine del mondo dei concetti». Questo libro, che si presenta come una severa trattazione scientifica, è ben più di un racconto frastagliato e sanguinoso: è un vasto mito costellato di tanti altri miti, spesso dissepolti con passione da libri dimenticati nell’oscurità delle biblioteche. Prima di diventare una vistosa caratteristica delle società moderne, la massa è stata, la massa continua ad essere molte altre cose. Per avvicinarci a capirla, bisogna innanzitutto ricordare – come dice un antico testo ebraico – «che non esiste spazio vuoto fra cielo e terra, bensì tutto è pieno di schiere e moltitudini». La massa è qualcosa di esterno, ma può essere anche interna; è visibile, ma può essere anche invisibile; può uccidere, ma attrae. Massa è in primo luogo quella sterminata dei morti. Massa è il fuoco, il grano, la foresta, la pioggia, la sabbia, il vento, il mare, il denaro. Massa è la «scena psichica» dello schizofrenico. La massa, infine, non può esistere se non come contrappeso, cosmica ’paredra’, di un’altra soverchiante entità: il potere. Alla proliferazione della massa deve rispondere la tenebrosa solitudine del potente. Genghiz khan e il presidente Schreber, il sultano di Delhi e Filippo Maria Visconti spiccano nel loro molteplice delirio sul fondo di masse di sudditi, cadaveri, allucinazioni. Con l’asciuttezza vibrante di un annalista cinese, Canetti ha saldato in un tutto questa immane storia che vive in ciascuno di noi, che è iscritta nei nostri gesti elementari: afferrare, fuggire, spiare, ingoiare. La muta dei cacciatori paleolitici convive e si intreccia per sempre con i dimostranti che incendiano il Palazzo di Giustizia, con il rogo della biblioteca di Kien in "Auto da fé". Alla fine riconosciamo come dallo sluagh-ghairm, il grido di battaglia dei morti negli Highlands scozzesi, discenda e si espanda in tutto il mondo un’altra parola: lo slogan.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 5
5
5
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Cristiano Cant

    13/04/2015 12:07:17

    Stritolati e insicuri, affascinati e impotenti, così si esce dalla lettura di questo libro, uno dei decisivi del Novecento. Il temere più di ogni cosa d'essere toccati dall'ignoto (le pagine con cui il libro si apre) viene come a giocarsi in un riflesso beffardo sul lettore, che è come inghiottito dalla prorompenza del testo, dai suoi scorticanti lucidissimi artigli, dalla calma tragica e inattesa che fronteggia il sopravvissuto al panico improvviso mosso da una folla cieca. Si resta sotto le ruote di quest'opera maestosa come in una pura riconoscenza della mente, il dono di quasi un quarantennio che Canetti ha assunto a sacrificio portante della sua vita, della sua ricerca, del suo corpo a corpo con la morte, che egli ha risolto e superato. Nel libro c'è tutto, etnografia, filosofia, sociologia, la lente dell'antropologo e il lampo dell'aforista, il fascino della leggenda e l'urlo della tradizione; ma soprattutto l'astio verso l'impossibilità e le incongruenze di un potere imprendibile, che non può e non potrà mai essere giusto perché è il volto della scoperta fragilità che ha sempre bisogno d'incattivirsi per confermarsi potente, e che trova, a fronte del suo spettro, quello delle masse ancora più fragili, irrisolte, forti e numerose nel loro resistere sotto il cielo. Opera di immensa e meravigliosa irregolarità, cattedrale di preziosità inclassificabile nel novero della saggistica più alta, studio di una vita e summa di uno spirito fra i più geniali del secolo. L'eroe del resto "non affronta solo avversari umani"; questo mi sento di offrire in un commento che sarà appena un sibilo a fronte di quello che Canetti è, è stato e continuerà a meritare. Il mito tradotto in carne, in un capolavoro di spaventosa e folgorante grandezza.

  • User Icon

    gianni

    22/02/2010 12:51:00

    Questo saggio affronta la tematica da un punto di vista molto particolare, presenta tutta una serie di aspetti e di problematiche che a volte, almeno a me, sembra che non abbiano molto a che fare con l’argomento generale del libro. In realtà, alla fine dell’esposizione, l’autore riesce a mostrare come la cosa sia perfettamente logica e sensata e che l’illogicità era solo in apparenza. Ovviamente questo saggio è stato scritto da una persona che aveva una marcia in più rispetto a tanti comuni mortali, credo che non sia fuori luogo in questo caso parlare di vero e proprio genio. Il libro è un bellissimo excursus sul significato di massa nelle sue varie forme, e di potere, all’interno delle più diverse culture: si va dalla cultura occidentale del secolo scorso, fino alle culture più primitive di popoli ormai scomparsi o di popolazioni primitive ancora esistenti: boscimani, aborigeni, ecc…. Molto interessante risulta, almeno per me, il parallelo tra potere e paranoia, è un collegamento a cui non avevo mai pensato ma che invece ha una sua ragione d’essere. A volte il saggio sembra anche indulgere, almeno all’inizio, su alcune considerazioni abbastanza ovvie, ma il tutto è funzionale al susseguirsi del filo logico all’interno del saggio, che in realtà è costituito da vari saggi, quante sono le sezioni del libro. Non trovo che i due concetti presenti nel titolo del saggio siano in realtà contrapposti, anche se apparentemente lo potrebbe sembrare: il potere da che mondo è mondo è concentrato nelle mani di pochi, e quindi è per sua natura non attribuibile alla massa, ma si potrebbe anche dire che non esiste potere che non implichi un perfetto controllo delle masse; quando questa capacità di controllo viene meno ecco che basta un istante per perdere il potere (vedi rivolte, ribellioni, rivoluzioni, ecc…). Saggio poi che si legge benissimo e senza fatica, pur non essendo io particolarmente ferrato in antropologia culturale. Da leggere assolutamente.

  • User Icon

    alex

    02/07/2007 09:54:37

    era il testo per il mio esame di antropologia culturale.....fantastico il testo ed il professore Alfieri-

  • User Icon

    maqroll

    13/11/2006 14:59:37

    Due concetti contrapposti e complementari (massa e potere, appunto) indagati facendo ricorso a tutte le risorse epistemologiche possibili: la mitologia, l’antropologia, l’etnologia, la storia, la letteratura. Un turbine di metafore possenti e di simboli indimenticabili dall’autore che ha avuto il coraggio di scrivere anche Auto da fé.

  • User Icon

    Raffaele Gazerro

    14/05/2004 01:08:14

    Volume del 1960. Che contiene 38 anni di studio ed osservazione sulla fenomenologia della massa, nonché del potere. Con un taglio inconsueto e inattuale. Ricostruendo miti, storie, elaborazioni e configurazioni ben poco classiche. Il riferimento non è attraverso i "progressi" della storia, ma nel guardare ai boscimani, ai re ed agli sciamani per poter sfiorare quella natura indicibile e misteriosa del potere che tanto seduce inopinatamente le masse. E sono esclusi i riferimenti tradizionali: tanto per dire - Marx e Freud rimangono fuori dalla porta. Un autore - Canetti - che è stato in ogni caso uno dei più grandi scrittori del Novecento. Un'opera - autenticamente - indimenticabile e necessaria che costituì per l'autore anche un esorcismo e un disincanto da paure che è difficilissimo non ritenere attuali.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente
  • Elias Canetti Cover

    Scrittore di lingua tedesca. Nato in una famiglia di ebrei sefarditi, ebbe come lingue materne l'antico spagnolo e il bulgaro. Lettore molto precoce, nel 1911 si stabilì a Manchester con la famiglia e lì imparò l'inglese. Dopo la morte improvvisa del padre, nel 1912, si attaccò fortemente alla madre che divenne la figura dominante della sua educazione intellettuale. A Vienna (1913) e poi a Zurigo (1916) conquistò la quarta lingua: il tedesco, a cui poi sarà sempre fedele come scrittore. Nel 1921 fu a Francoforte e nel 1924 a Vienna, per volere della madre e dello zio cominciò a studiare chimica. Si laureò ma non fece mai il chimico poichè sin dall'infanzia aveva deciso che poteva essere soltanto uno scrittore. Del 1932 è... Approfondisci
Note legali