Mastro Don Gesualdo

Giovanni Verga

Curatore: E. Di Mauro
Editore: Feltrinelli
Edizione: 8
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
In commercio dal: 4 giugno 2014
Pagine: 383 p., Brossura
  • EAN: 9788807901447
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Usato su Libraccio.it - € 5,13
Descrizione
Pubblicato in versione definitiva nel 1889, "Mastro don Gesualdo" è un romanzo che sta dentro la modernità, già nel cuore stesso del Novecento. Lasciatasi alle spalle la folgorante epicità della famiglia Malavoglia, abbandonata la velocissima compattezza lirica con cui aveva narrato le vicende degli umili e primitivi abitanti di Aci Trezza, Giovanni Verga, qui, trasferisce il proprio sguardo sul crudelissimo mondo di terra di Vizzini, brulicante di piccoli e grandi affaristi, di nuovi ricchi spietati e pronti a tutto, di spie maligne e di macchiette patetiche. Lo scrittore fa i conti con il tempo storico, con la trasformazione dell'economia, con la morte della bellezza mitica. Su tutto e su tutti spicca la figura complessa del protagonista che, come dice David H. Lawrence nel saggio proposto ai lettori di questa edizione, "potrebbe essere veramente un greco adattato ai tempi moderni". Un "uomo comune" e, insieme, un "eroe".

€ 8,08

€ 9,50

Risparmi € 1,42 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Libro inedito Chiara Gamberale
OMAGGIO ESCLUSIVO PER TE
Con soli 19€ di libri del Gruppo Feltrinelli fino al 15/01/2019

Scopri di più

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 9,50 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Hodor

    18/01/2017 11:47:20

    Nessuna recensione per questo capolavoro Verghiano? Poveri noi.. Certo, non è una lettura rassenerante o confortante bensì un affresco spietato di una realtà in cui qualsiasi sentimento è subordinato al possesso, all'accumulo scriteriato di beni materiali. Nemmeno in punto di morte, nel momento di dover lasciare quel poco o quel tanto qui sulla terra per cominciare un viaggio finalmente incosciente, nemmeno in quei momenti si verifica il miracolo dell'apertura, della liberazione. Questi personaggi non hanno anima o idea spirituale di se stessi, la loro impotenza è straziante. Non ha lo stesso lirismo epico de I Malavoglia ma ne è il figlio legittimo. Da leggere.

Scrivi una recensione