Categorie

Andrea Vitali

Editore: Garzanti Libri
Anno edizione: 2010
Pagine: 370 p. , Rilegato
  • EAN: 9788811678144

«Sono il meccanico Landru», si presentò il forestiero, gli occhi fissi a terra. Il Musante temette di non aver capito bene. O che quello lo stesse prendendo in giro. Fece per ribattere. «Mi saprebbe indicare da che parte sta il convitto del cotonificio?» lo anticipò l’altro. Ma al Musante la lingua prudeva. «Landru?» chiese. «Come quel tizio francese?».

Puntuale come ogni inverno, torna il romanzo di Andrea Vitali, l’autore di Olive comprese e Almeno il cappello, con la corriera dei suoi personaggi colma di humour, levità e atmosfere anni Trenta. Lo scrittore del Lario, con Il meccanico Landru, reinventa una storia riequilibrando divagazioni e aneddoti (una prima versione del romanzo era stata pubblicata nel 1992), arricchendola di vicende e personaggi, ma soprattutto della sua esperienza umana e artistica.
Attraverso una vicenda di apparente semplicità, il libro racconta come l’irruzione di un elemento estraneo, l’arrivo di uno straniero, possa alterare i fragili equilibri di una comunità di persone che si regge su abitudini, frequentazioni e tradizioni consolidate. E lo mostra con grazia e leggerezza, attraverso una piccola folla di personaggi d’antan destinati a imprimersi, come sempre capita con i romanzi di Vitali, nella memoria dei lettori. In sottofondo assistiamo alla lotta tra due giovani politici del Partito Nazionale Fascista in carriera, l’irruente Aurelio Pasta e l’astuto Eumeo Pennati. Intorno a loro, si muovono l’intrigante prevosto don Ascani e il medico del paese, il dottor Lieti, che cura gratuitamente gli operai. Altre figure chiave del romanzo sono il direttore dello stabilimento, l’ingegnere Luigi Galimbelli, monarchico dichiarato e retrocesso da dirigente a direttore del cotonifico per non aver mai preso la tessera del Partito e il capostazione di Bellano, Amedeo Musante, puntuale confidente del maresciallo Rodinò. Poi ci sono loro, le tre giovani donne protagoniste di tutta la narrazione: la rossa e focosa Mirandola Gilardoni, la timida ma determinata Emilia Personnini, segretaria del direttore del cotonificio bellanese e Maddalena d’Elia, la bella e giovane vedova alla ricerca di un possibile riscatto. In mezzo a loro, a creare risse e scompiglio, turbamenti amorosi e licenziamenti, il meccanico Landru Angelici, scansafatiche e opportunista e i suoi colleghi comprimari. Landru ha non a caso lo stesso nome di quel tizio francese, quel Henri Landru detto anche Barbablù, un criminale e assassino seriale che creò lo scompiglio nella Parigi di fine Ottocento. Anche il meccanico Landru Angelici, con la sua aria fascinosa e i suoi modi di fare bizzarri, creerà vari turbamenti fra le famiglie bellanesi, lui, lo straniero che di giorno ripara i telai dei cotonofici e che nel tempo libero si dedica alle donne.
Andrea Vitali, con questo nuovo intenso romanzo, ci riporta sulle rive del lago di Como accanto ai suoi personaggi tipici e affabili, veri o verosimili, facendoci assaporare come una spezia il denso odore dell’acqua immobile e scura del Lario. «È un profumo che droga, quello del lago d’estate, ricco e pesante, - ha scritto Vitali - bisogna saperlo portare». È il profumo che emanano le pagine di questo suo nuovo libro, una storia rubata dai ricordi dell’autore e restituita oggi scritta su carta. Una storia che non conoscevamo e che aspettava solo di essere scoperta e raccontata.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    paolo b

    06/11/2013 15.39.31

    Uno dei migliori Vitali. Premetto e concludo: si deve leggere Vitali solo dopo aver letto, riletto, e letto ancora...ogni cosa che ha scritto Piero Chiara. Il maggior merito di Vitali è infatti quello di riprendere, nel suo piccolo, quella poetica.

  • User Icon

    Mariflo

    04/05/2013 18.05.09

    Sono un'affezionata lettrice di Vitali e ho letto questo libro in poche ore perchè non riuscivo ad abbandonarlo. Divertente, curioso, incalzante. I personaggi, come nella tradizione di Vitali, sono molti, ma tutti ben caratterizzati e unici. La storia cambia continuamente obbiettivo ed è impossibile prevedere come si possa evolvere. Assolutamente consigliato.

  • User Icon

    Tiziana

    30/06/2011 17.44.55

    per fortuna esiste Vitali che, con le sue storie argute, le trovate paradossali, i nomi assurdi, i buffi intercalare, le semplici vite intrecciate tra loro, ci fa sorridere con gusto. scorre con quel piacevole ritmo che acquieta e rasserena; mi diverte e distrae senza mai essere banale. lo consiglio a tutti ( e non solo questo suo titolo)come intermezzo tra letture più impegnate o ad alta tensione. saper divertire è un'arte in cui Vitali è maestro

  • User Icon

    michele

    21/06/2011 21.43.35

    Non lascia nessuna emozione interiore...senza sale..sciapo..non sa di niente...acqua bollita....riflessioni basse...

  • User Icon

    barbara

    19/06/2011 20.31.43

    Si legge volentieri e strappa tanti sorrisi, sfido chiunque a non aver sognato di vivere almeno un giorno a Bellano... però ogni libro di Vitali mi sembra la copia di quello precedente , cambiano i nomi dei protagonisti ma si fa fatica a ricordare la trama di qelli già letti...

  • User Icon

    Mari

    04/06/2011 18.51.03

    Vitali non delude mai, almeno per chi lo conosce a fondo. i suoi romanzi sono unospaccato della provincia d'un tempo ed i personaggi sono costruiti con la pazieza di un sarto.

  • User Icon

    LUKE

    17/04/2011 09.15.49

    Vitali non delude mai. E' sempre un piacere leggere un suo libro e un rammarico finirlo. Questo l'ho conservato per un bel pò di tempo sopra il comodino in attesa...di un momento di sconforto da cancellare con queste righe.

  • User Icon

    Massimo F.

    13/03/2011 12.12.54

    Il solito, semplice (semplicistico?) Vitali. Quasi banale nel suo raccontare la provincia, ma sempre molto accattivante nel descrivere figure del suo lago di Como: di altri tempi, tuttavia così attuali. Piacevole, come sempre.

  • User Icon

    Annarita

    10/02/2011 23.56.49

    E' gradevole l'atmosfera anni '30. E graziosa pure la storia dei pochi abitanti di Bellano, paese del nord Italia, in cui la vita scorre con i ritmi lenti e scanditi degli anni '30. Vitali scrive con leggerezza e sa raccontare con uno stile sintetico e al tempo stesso efficace una storia molto semplice. Sono tempi di cose nuove a Bellano: il festeggiamento del matrimonio del re e l'arrivo di un piccolo gruppo di meccanici chiamati ad installare nuovi macchinari nella fabbrica tessile che dà lavoro a buona parte dei paesani. Il libro è ricco di personaggi, tutti riconducibili ai tipi "tipici" dei piccoli centri italiani durante il fascismo ed oltre nella storia. Il capostazione, occhio vigile e fido confidente del maresciallo dei carabinieri; il responsabile di sezione del Fascio, giovane sbruffoncello e ozioso; il direttore del cotonificio, brav'uomo di solidi principi e di buon senso; il buon parroco, intimo conoscitore dell'animo e dei bisogni dei suoi parrocchiani; la segretaria del direttore timida, determinata e capace di una passione talmente grande da condurla oltre il rispetto dell'onestà e dei legami familiari; e, ultimo tra i tanti, il meccanico, elemento di disturbo, l'estraneo che agirà da catalizzatore e sconvolgerà gli equilibri stanchi e trascinati dello scenario umano rappresentato. Ironico e dotato di un piacevole ritmo, anche grazie alla divisione in capitoli molto brevi e alla puntuale caratterizzazione dei molti personaggi. Minori o maggiori che siano, tutti rimangono vividamente impressi nell'immaginario di chi legge. Beh, perlomeno così è stato per me.

  • User Icon

    Mirco Ficola

    05/02/2011 18.04.25

    Non è il migliore Vitali: lo si avverte nella storia un pò frammentata, sempre alla ricerca di uno spunto per poter proseguire, con un finale forzato e decisamente paradossale. Comunque la "grattatina" e le occhiaie dell'Emilia rimangono memorabili.

  • User Icon

    maupes

    13/01/2011 11.58.55

    Landru, senza accento sulla 'u', giusto per sgomberare il campo da possibili malintesi con il famigerato assassino seriale francese. Qui siamo infatti a Bellano, vicino a Lecco (pochi km. da casa mia, ndr.) negli anni 30 dell'era fascista. Non è però un racconto politico, seppure dietro le righe si coglie tutta l'ironia e le contraddizioni dei personaggi e del tempo che poi non è difficile paragonare, per alcuni aspetti almeno, all'attualità. Andrea Vitali è bravissimo a raccontare una storia che, pur non contenendo eventi eclatanti, riesce a farli apparire come straordinari. L'interesse del lettore non viene mai meno grazie anche allo stile discorsivo dell'autore ed ai brevi capitoletti che strutturano il racconto rendendolo snello senza impoverirne assolutamente i contenuti. La storia riguarda ordinarie vicende e ritmi abituali che vengono sconvolti dall'arrivo di sei meccanici, a seguito della grande crisi, per far partire alcune macchine del cotonificio locale che impiega la gran parte della forza lavoro locale. Uno dei sei è Landru. Le donne sono affascinate dal suo aspetto e dai modi da gaucho, mentre gli uomini sono invidiosi. I compagni vengono cacciati dopo una rissa in una festa del partito fascista nella quale s'erano imbucati, mentre lui resta, anche per inaspettate doti di calciatore che vengono comode al partito. E sconvolge la paciosa tranquillità del paese, gli equilibri fra i vari personaggi, facendo emergere i contrasti, le invidie e le rivalità. Primo romanzo che leggo di questo autore specializzato in racconti rievocativi ambientati tutti, più o meno, nella stessa zona, che ha già ottenuto riconoscimenti a vari livelli. Del tutto meritati poichè riesce a coinvolgere il lettore con storie apparentemente minimali, che però riassumono efficacemente l'atmosfera del tempo, grazie anche ad una serie di personaggi ben delineati che restano nella memoria.

  • User Icon

    mo

    05/01/2011 15.10.51

    Bel libro, leggibilissimo. Molto piacevole per i momenti di relax.

  • User Icon

    anna150462

    03/01/2011 21.26.48

    I libri di Vitali sono sempre uno spasso!!! Peccato dover aspettare qualche mese per poter leggere il prossimo!!!

  • User Icon

    laura

    07/12/2010 23.08.12

    Molto bello ! Per i suoi panorami, per l'atmosfera dei luoghi e per i personaggi pittoreschi, appena finito il libro viene voglia di partire per Bellano...

  • User Icon

    claudio

    28/11/2010 13.54.10

    Eccellente!! Secondo me è il migliore del Vitali degli ultimi anni, anche se è una bella gara fra i suoi scritti. Questo vede in scena un meccanico dal nome strano, di cui si innamora perdutamente la classica "quasi zitella" della Bellano vitaliana. E inizia così tutta una serie di eventi concatenati uno con l'altro, che hanno per protagonisti personaggi dai nomi sempre più strampalati.

Vedi tutte le 15 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione