Meglio soffrire che mettere in un ripostiglio il cuore

Susanna Casciani

Editore: Mondadori
Collana: Chrysalide
Anno edizione: 2016
Pagine: 180 p., Rilegato
  • EAN: 9788804658955

Età di lettura: Young Adult

nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa italiana - Young Adult

Disponibile anche in altri formati:

€ 12,75

€ 15,00

Risparmi € 2,25 (15%)

Venduto e spedito da IBS

13 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Aurora

    14/08/2017 13:08:08

    Lo comprai semplicemente per raggiungere la spedizione gratuita, lo tenni nella libreria per molto tempo fino a quando mi venne voglia di un libro leggero, "frivolo", allora presi in mano questo e viste le dimensioni decisi di iniziare la lettura. Già dalla prime pagine mi impressionò; piansi! Piansi come se quello che stavo leggendo stesse succedendo a me, come se qualcuno mi avesse tirato un pugno... Ho vissuto tutte le emozioni insieme alla protagonista, ogni bacio mancato era come se mancasse a me, ogni passo era come se lo compiessi io. Lo consiglio a chi ha avuto/ ha storie importanti, ma a dire il vero lo consiglio anche ai più piccoli. Può insegnare molto se letto nel modo giusto.

  • User Icon

    Ale

    31/03/2017 07:52:11

    Un libro espressivo e per certi versi "claustrofobico" che descrive quel senso di vuoto e di ribellione percepibile dopo aver subito la rottura di un legame affettivo. Non so se possa aiutare ad elaborarla, ma sicuramente fa riflettere. Il libro è diretto, immediato, quasi tagliente. Difficile valutarlo in modo laico perché si corre il rischio di modulare un giudizio rispetto al nostro vissuto più che sulla storia in sé stessa.....

  • User Icon

    Elena

    23/03/2017 22:05:05

    Questo libro secondo me è una piccola perla. Se non odiassi tanto pasticciare i libri direi che bisognerebbe leggerlo con la matita in mano per sottolineare tutte le belle frasi che contiene, che sono tante. Molto toccante e scritto bene.

  • User Icon

    Marti

    30/06/2016 15:26:30

    Sembrava di leggere un diario, per i miei gusti un pò adolescenziale ma non per questo mi sento di dare un giudizio negativo. Scrittura semplice.

  • User Icon

    Paola

    08/04/2016 16:51:01

    Un romanzo sul senso dell'amore, quello che ti fa stare male fino a pensare di morire, che ti fa venire voglia di tornare a dormire quando ti svegli. Un libro in cui perdersi per ritrovarsi. Bellissimo.

  • User Icon

    Simona

    08/04/2016 16:45:51

    Questo libro è un messaggio di speranza per chi si trova a raccogliere i pezzi e a ricominciare proprio da sè stessi, arrivando a capire che ciò che è successo è, alla fine, necessario per comprendersi ed essere più felici....

  • User Icon

    Riccardo

    08/04/2016 16:40:26

    Splendido libro, da leggere e rileggere per persone a cui nella vita è capitato di perdere qualcosa e provare dentro un senso di vuoto che lacera, che fa perdere di vista la bellezza della vita. L'ho letto tutto di un fiato e mi ci sono ritrovato molto pur essendo un ragazzo. Scorrevole ma allo stesso tempo ricco di significato! Magico!

  • User Icon

    Jenny

    08/04/2016 12:17:59

    Scrivere su una pagina Facebook è una cosa, saper scrivere un libro è un'altra. L'impressione è quella di leggere un sms lungo 180 pagine. Occorrono tecniche, competenze, attenzioni, che qui sono completamente assenti. Questo libro è scritto in maniera così banale da risultare di una pesantezza allucinante. Procede a rilento per tanti motivi, primo fra tutti una punteggiatura abusata e quasi utilizzata a caso, con periodi brevissimi che vengono puntualmente stroncati da punti fermi non necessari. La maggior parte delle frasi si apre con congiunzioni che non potrebbero essere utilizzate in incipit di frase; inoltre, molte subordinate vengono private della principale, interposte fra due punti e ripetute più volte con un'anafora della congiunzione iniziale... come si fa nel parlato o sui social network. In poche parole leggere questo libro è come guidare avendo davanti uno che frena di colpo ogni due per tre: magari desidereresti procedere, ma lo stile (che stile?) non te lo permette. La trama è scontata, retorica, ridondante, di un sentimentalismo ossessivo che però di fatto non riesce a commuovere né a lasciare niente che non si avesse già prima. Le sfumature psicologiche sono inesistenti, il lessico elementare, poche ed inefficaci le figure retoriche. Libro bocciato in pieno, nella speranza di far capire che un lavoro di letteratura non può prescindere dalla tecnica.

  • User Icon

    Valery

    04/04/2016 21:07:25

    Sui social in questi anni sono aumentate a dismisura persone convinte, per il solo fatto di avere migliaia di seguaci, di essere dei veri e propri talenti letterari (spesso incompresi...) In realtà un talento letterario non lo "certifica" di certo lo share di audience, consensi o popolarità che si raccoglie su Facebook anche se ormai sembra che sia diventato normale basarsi principalmente su questo..invece la signora/signorina Cascianimi pare un caso lampante del suddetto genere. Il suo libro si puo' paragonare a un pacchetto addobbato benissimo che promette di celare un gran bel regalo, grandi promesse e poi invece, una volta scartato, si rivela una grandissima delusione. Tanti paroloni ma davvero poca, pochissima sostanza. Lento,monotono, banale eppure evidentemente pretenzioso allo stesso tempo, una combinazione rara. Pessimo. Io lo sconsiglio assolutamente.

  • User Icon

    Windeyes

    04/04/2016 10:32:06

    Questo libro è la dimostrazione che esistono persone che magari sanno mettere insieme la parole, e lo fanno anche piuttosto bene, hanno gli strumenti, un buon dizionario eccetera.. eppure scrivendo non riescono a trasmettere assolutamente nulla, non riescono a creare nulla che rimanga impresso. Opera banale, melensa e sopratutto noiosa. Molto fumo e poco arrosto. Un libro inutile, che non ti lascia nulla. A chi piace questo genere "sentimental-emozionale" - che ora sembra andare per la maggiore - consiglio altre autrici...di altro spessore..perchè anche in questo genere "frivolo" serve un po' di talento VERO.

  • User Icon

    Alice

    23/03/2016 20:44:19

    Insomma! lettura un po troppo dispersiva e noiosa, sono arrivata alla fine con molta fatica sperando in un colpo di scena che ravvivasse la lettura ma niente!

Vedi tutte le 11 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione