Curatore: L. Forti
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2005
In commercio dal: 1 febbraio 2005
Pagine: VII-61 p., Brossura
  • EAN: 9788806168568
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Cristiano Cant

    16/05/2018 04:29:03

    Uno strano pittore che crede d'essere il Dio dei pennelli arriva in una pensioncina di Vienna, è lì per studiare in Accademia (dove sarà puntualmente bocciato). Ha già dentro di sé tutti i grumi di ferocissima acredine verso la "specie" semitica, deliri che non tarderanno ad affacciarsi nelle sue considerazioni: "Dannati giudei, trasformate in sermone ogni risibile scoreggia di topo". Parte da qui la forza di questo testo, dove ogni mossa e ogni sguardo dell'Adolfo in questione viaggia su binari di estremismo terribile e a cui l'autore contrappone - con lucidissima bravura - le irrisioni di cui è capace solo la grande poesia. Ogni rancorosa levata dell'imbrattatele viene sempre rovesciata in un reciproco che pian piano la smonta, la svilisce in una maschera di farsa, soprattutto - è ovvio - quando è lui stesso a parlare nel tentativo di giustificare i suoi folli pensieri: "I comandamenti sono solo dieci, ma con un sacco di note a fondo pagina". L'altro protagonista, un libraio ebreo, è un mite che ascolta l'altro e se ne prende cura, pur dentro strali e strali di ingiurie che gli fanno comprendere presto con che stampo di soggetto ha a che fare. Il gioco in definitiva sarà quello di un duello fra morte e poesia costruito in dialoghi nei quali tristezza e ironia sapranno spendersi al meglio: "Morte: Seguitemi! - Hitler: Posso portare lo spazzolino? - Morte: E' l'inizio di una splendida amicizia - Hitler: Signora, non la deluderò". Di echi Brechtiani che sorseggiano le loro bevute è pieno il libriccino, si agita fra le righe il taglio del sorriso come l'ombra che sbeffeggia l'orrida luce di un astio senza fine. Basta leggere il giudizio su Vienna: "Sodoma multirazziale, miscuglio di feccia". Ma è l'Adolfo in noi che vuole esaltare Tabori, queste nere urgenze irrazionali che possono coinvolgere chiunque nel corso della vita. Egli le mescola in tragiche movenze leggere, ma gli istinti e le domande che l'opera si trascina devono restare scossa senza pause.

  • User Icon

    mauro

    01/04/2005 13:34:00

    Mi aspettavo molto di più! Deludente e a tratti incomprensibile. peccato!

Scrivi una recensione