Editore: Leone
Collana: Mistéria
Anno edizione: 2013
In commercio dal: 11/09/2013
Pagine: 537 p., Brossura
  • EAN: 9788863931396
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 11,90

€ 14,00

Risparmi € 2,10 (15%)

Venduto e spedito da IBS

12 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

€ 7,56

€ 14,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    CINZIADAMICI

    13/03/2018 09:27:13

    Una rosa,tanti cavalli,ma solo un paio di razza pura! La musica ,un mimo ,gli scacchi e le stelle,qualche goccia di veleno,la morte,la vita,la filosofia,un po' di storia,la delicatezza di un sentimento e la perfezione stilistica degli autori:un origami a colori di geometrie svizzere ,per atmosfere principali e precisione narrativa!Fotografia di romanzo a cinque stelle!Mi è piaciuto molto,perchè originale e sorprendente! Consigliatissimo! Cinzia D'Amici

  • User Icon

    TONYCOSTA

    01/03/2018 07:26:17

    SINFONIA FATALE Un inno alla gioia di leggere finalmente qualcosa di unico è questo thriller!Non c'è bisogno di essere particolarmente colti per capirlo!Ci pensano l'ispettore Allievi con la terminologa Domitilla di Mauro a rendere edotti i lettori su ogni possibile significato di certe parole,attorno al quale gli autori hanno costruito il fiore all'occhiello della letteratura attuale."Melodia fatale" è semplicemente questo : una rosa che profuma di perfezione narrativa,per abilità tecnica e originalità d'ideazione. Qui l'assassino non uccide,si limita a "suonare" la morte,in maniera melodiosa .Senza crudeltà.Con fredda e lucida determinazione,sinfonicamente fatale! E le riflessioni galoppano tra rododendri e veleni ,origami e frammenti di situazioni e atmosfere suggestive e poderose,che costellano la mente dei protagonisti e della squadra di Allievi ,ora depistando,ora illuminando i lettori, attraverso mosse spettacolari su una scacchiera di racconto per immagini ,o capolavoro letterario "musicale" ,che riduttivamente si è definito thriller.Splendido romanzo! Il massimo delle Stelle! TONY COSTA

  • User Icon

    Marino Rivelli

    22/02/2018 08:35:27

    Ho letto un altro potente romanzo di questo formidabile binomio di scrittori."Melodia fatale" non è uguale a nessun libro che mi sia capitato tra le mani,perchè d'altro stampo di narrazione,di contenuto ,di schema e d'atmosfera: elegante, enigmatico, avvincente.Perfetto. Beethoven inneggio' alla gioia,e stupì tutta la sua epoca ,fin lì sorda ai toni di grandezza e attrazione verso la magistralità. I Ripa scuotono la riflessione dei lettori,da troppo tempo abituati ad un genere che ,prima di leggere loro,aveva poche colossali novità da proporre. Il labirinto lessicale è un intelligente meccanismo di narrazione,che si possono permettere,secondo me,solo questi autori. Due cavalli di razza ,attraverso un palio d'intrighi ,e molteplici poliglottismi feroci e subdoli, audacemente ed elegantemente cavalcano il sentiero della vittoria,che passa per il trionfo della verità,inchiodando il colpevole al palo dell'unica rivelazione possibile:quella che profuma di bianco e successo ,perchè purifica i ragionamenti e innalza l'intuizione, più volte depistata abilmente,fino a quell' ultima pagina, che gli autori autografano in inconfondibile dettaglio di classe .Una fotografia in musica ,un origami di seta,una costellazione di rose,ciascuna a doppio bocciolo di splendore : il mio giudizio sintetico su questo romanzo ...infinito...a cinque stelle! Marino Rivelli

  • User Icon

    GIANNILEPORE

    24/01/2018 16:59:36

    L' ispettore c'è.E si chiama Tobia Allievi.Il killer c'è.E uccide con un disegno preciso.Il fiore non manca.È bianco e profuma.I cavalli fanno galoppare la fantasia .E tutto è pronto per l 'arresto.E invece non è così.Questa è la normale tessitura di un thriller.Qui invece c'è un romanzo fuori dal comune,che avvince perché è singolare e nuova è la strategia narrativa.La parola non dice,fa riflettere,a seconda del contesto in cui viene magistralmente collocata,attraverso una figura particolare,la terminologa Di Mauro.Allievi non ha al suo seguito una squadra di poliziotti che ammanettano il cattivo,ma ha un patologo,un chimico e un esperto informatico che condensano dettagli scientifici e atmosfere precise nei loro rapporti all 'ispettore.E la sua abilità è tale che gabba per tutto il romanzo il lettore e il collega ginevrino,mentre architetta un piano straordinario per intrappolare il killer.Ci riuscirà? Una cosa è certa: questo libro è un audace " Inno alla gioia" di leggere ,perché depista e piace e trasforma la realtà come nessuno può immaginare.Rose,cavalli ed elementi poliglotti sono il segno preciso che il genere "Ripa" è semplicemente. "unico",perché porta il lettore a passeggio tra secoli di cultura di ogni ordine e grado,con l'invenzione del labirinto lessicale tra piani di materie e finestre di discipline,tra pavimenti di argomenti svariati e intonaci da tradurre in concettualita' probabili,a seconda della loro inquadratura.Stile di gran classe.Audace nella sua linearità Complimenti agli autori! Gianni Lepore

  • User Icon

    CARLO VENTURI

    23/01/2018 07:45:06

    Attraverso un viaggio interdisciplinare,questo thriller si rende perfetto.L'ispettore Tobia Allievi , la sua squadra investigativa e il personaggio infrequente di una terminologa,la dottoressa Domitilla Di Mauro,prendono per mano il lettore e lo conducono in uno slalom audace e depistante sui sentieri della disgregazione psichica di un killer spietato e vendicativo,senza insanguinare le pagine di inutili trovate per vendere il libro a tutti i costi. Questo thriller è un congegno preciso di erudizione e tattica descrittiva con risvolti imprevedibili e singolari,dove le parole sono elegante sorpresa ad ogni pagina.Il titolo la dice lunga,perchè questa MELODIA eternerà il successo di questi autori formidabili dei quali ,in un mese, ho letto tutti i loro thriller ,fatalmente per nomi altisonanti e famosi,che non mi convincono più da tanto tempo.Tanti gli ingredienti della trama,che vengono miscelati con una metodologia completamente nuova e,mi auguro,innovatrice, nel panorama di genere,che,purtroppo,ha ultimamente ben poco da dire,se non architettando i soliti omicidi alla solita maniera ,dove il bene trionfa sul male o il male trionfa sul bene.Questi autori parlano una lingua diversa,invece,quella di un labirinto di preparazione e conoscenza raffinatissime ,che travolge il lettore ,senza fargli trovare facilmente via d'uscita.Neanche dopo aver firmato il finale di straordinarietà,perchè la bellezza di questo romanzo è l'eco nel pensiero dell'indimenticabile ideazione,che risuona come una musica tutte le volte che si ha voglia di stupore di genialità.Niente di simile in giro al giorno d'oggi!Niente che possa piacere così!Complimenti ai RIPA a cinque stelle! Carlo Venturi

  • User Icon

    Eleonora Bandi

    22/01/2018 12:47:55

    Ho letto due libri dei Ripa, " Melodia fatale" e " Le ali della vendetta". Hanno due cose in comune: gli autori eccezionali e la perfezione di romanzo. " Melodia fatale" é tatticamente delineato, la narrazione è precisa e delicata, ma tagliente ed efficace ad ogni frase.La trama é una fotografia magistrale di argomentazione multidisciplinare, narrata con leggerezza ed eleganza, come pochi grandi autori sanno fare.Questo thriller è insolito e non stanca mai, benche' superi le 500 pagine.I personaggi sembrano disegnati con indelebile inchiostro di eclettica musicalità. La trama e d'incomparabile audacia.Pochi elementi e una melodia fatale e intrigante , su una scacchiera fenomenale, portano il lettore in un mondo di arguzia, stratagemmi e inganni , dove a uscire vittoriosi sono esclusivamente gli autori Ripa con questo thriller insuperabile e potente.Da cinque stelle! E.B.

  • User Icon

    MIMMOROMANELLI

    21/01/2018 10:02:28

    Thriller suggestivo ed intrigante.Nuovo nel genere quanto a ideazione e strategia narrativa.Il protagonista,l'ispettore Allievi ,invita il lettore audacemente ad una partita a scacchi con la follia,assistito dalla terminologa Di Mauro e coadiuvato da una squadra multietnica ,che rincorre ,attraverso l'espediente del labirinto lessicale,un latin killer più eterodosso che mai,in un dedalo d' insospettabili inganni e trovate geniali con le quali cattura,innanzitutto,il lettore fino all 'ultima pagina.Accattivante l'atmosfera classico- scientifica che permea tutto il romanzo senza stancare mai,intessendolo di musicalità e colori inconfondibilmente straordinari.Imperdibile perché sensazionale!Mimmo Romanelli

  • User Icon

    TILDE LAMBORGHINI

    18/01/2018 11:18:59

    MELODIA IN CATTEDRA.DOPO LO SPLENDIDO NOIR "LE ALI DELLA VENDETTA" DI QUESTI BRAVISSIMI AUTORI,QUESTA "MELODIA FATALE" MI FA CONFERMARE L'OPINIONE ESPOSTA NELLA PRECEDENTE RECENSIONE : I THRILLER DEI RIPA DEVONO ESSERE ADOTTATI NELLE SCUOLE,PER RISOLLEVARE LA CULTURA DAL DISASTRO IN CUI STA PRECIPITANDO.IN QUESTO THRILLER,CHE HO LETTO CON PARTICOLARE ATTENZIONE,NON C'E' UNA VIRGOLA FUORI POSTO.FORSE L'UNICA NOTA DOLENTE E' L'ERRATA CLASSIFICAZIONE DI GENERE,PERCHE' NON E' ESATTAMENTE UN THRILLER.E' UN'OPERA MAGISTRALE ,FIRMATA DA DUE GEMELLI ITALIANI ECCEZIONALMENTE ABILI NEL MANIPOLARE IL NOSTRO IDIOMA, ATTRAVERSO LA CONOSCENZA DI SVARIATE DISCIPLINE SCIENTIFICHE E UMANISTICHE,E ATTINGENDO AD ALTRE LINGUE E ATMOSFERE INTERNAZIONALI,CHE USANO LO STRATAGEMMA PLURIOMICIDIARIO,PER AVVINCERE FINO ALL'ULTIMO ,CON UNA TECNICA DI NARRAZIONE FORMIDABILE.OGGI LE ISCRIZIONI A SCUOLA SI FANNO ON-LINE.E IL PERIODO E' PROPRIO QUESTO IN CUI SCRIVO.SAREBBE FURBA L'ADOZIONE DI QUESTO ROMANZO COME MANUALE PROPEDEUTICO LICEALE,PER L'ISTITUZIONE DI UNA MATERIA TRASVERSALE E OPPORTUNA,IN GRADO DI FORMARE GENERAZIONI DI STUDENTI DISTRATTI E VACUI,CONVOGLIANDO LA LORO ATTENZIONE SULLA CULTURA PIACEVOLE DA ASSIMILARSI,PERCHE' LE SI RESTITUISCA, ATTRAVERSO LA RIEDIFICAZIONE DELLA VITALITA' E DELLA VIVACITA' INTELLETTIVA,ORMAI SULLA VIA DEL TRAMONTO,L'UNICA POSSIBILITA' DI RISCATTO:LA RIFLESSIONE ELEGANTE SUL PATRIMONIO MULTIDISCIPLINARE DELLA NOSTRA CIVILTA'.E LO STILE DI ALBERTO E GIORGIO RIPA IN QUESTO CAMPO SA DIRLO A GRAN VOCE,SENZA STRILLARE MAI.CON RAFFINATEZZA.ROMANZO STRAORDINARIO,A PARTIRE DALLA "PRIMA PAROLA" FINO ALL'ULTIMA,CHE NON SVELA ALCUN ENIGMA TRA LE NOTE,TRASFORMANDO FINANCHE IL LETTORE STESSO IN UN ENIGMA DI STUPORE E MERAVIGLIA SENZA SOLUZIONE.FELICE E ATTRAENTE IL TITOLO.UNA MELODIA DA CINQUE STELLE PER UNA NUOVA MATERIA DI STUDIO :"TEORIA DELL'ARMONIA DISCIPLINARE".RINASCERE E' SEMPRE POSSIBILE PER LA NOSTRA CULTURA E L'OCCASIONE "RIPA" E' CHIAVE PERFETTA! Tilde L

  • User Icon

    MARCOFIORANI

    17/01/2018 12:37:41

    MELODIA PERFETTA Quando un thriller è così intrepido e audace,non è dissimile dal crimine,attorno al quale ruotano le mie materie d'insegnamento.Infatti ,in comune col crimine ,ha la repentinità della fase epilogativa e la sensazionalità. Nel 60 % circa dei casi,recentemente è stato verificato che un crimine crudele come l'omicidio è premeditato. Questo thriller è ideato con magistrale premeditazione,snocciolato in ogni frase con tecnica precisa e sottilmente radente ,e costituisce parimenti evidente fattispecie delittuosa,per il semplice motivo che finisce troppo presto-sebbene superi inconsuetamente le cinquecento pagine-stordisce le intuizioni,stupisce per l'abile tessitura di atmosfere multidisciplinari , inchioda i lettori per l'abilità depistante e profana i suoi ragionamenti come un serial killer che si accanisce contro le vittime prescelte,sollevandole in eterno dalle loro preoccupazioni di progettuale felicità. Ed è un crimine ancora più efferato e crudele non leggere questi autori,che ,attraverso il personaggio dell'ispettore Tobia Allievi e della squadra che dirige,tracciano ad ogni pagina il profilo del killer della normalità.Dettagliare la sinossi,significa togliere il brivido a chi voglia leggere questo romanzo,che non è e non può essere uguale a nessun altro che ho letto,perchè qui la parola non è mai uguale a se stessa,come nessun omicidio è uguale ad un altro,benchè se ne possa stilare casistica di ritualità.E questo thriller più che mai uccide ogni dubbio a riguardo,elevandosi a delitto perfetto! Marco Fiorani

  • User Icon

    CIRO DESIDERI

    09/01/2018 15:03:37

    UN OTTIMO THRILLER! Forse il più bello che hanno scritto questi autori !L'ispettore Allievi è creatura audace e dall 'intelligenza raffinata .La terminologa è ciceroniana Circe di trama,la squadra assortita e poliglotta è il mimo che attrae e distrae il lettore e la geografia di dettagli e di atmosfere è un pianeta di ricchezza multidisciplinare insolito e inimmaginabile.La regia degli autori è abile e strategicamente profusa ad ogni pagina.Nulla è lasciato al caso. Cavalli,fiori,veleni, profumi, corse in palio,fotografie in musica, animali coricati su spine di scacchi e morti aglobulate sono piccoli raggi di luce che tutti insieme fanno uno splendido romanzo.Un thriller eccezionale!Da Oscar!Sei stelle! Ciro Desideri

  • User Icon

    Enzo Spettoli

    03/01/2018 16:01:17

    MELODIA SENSAZIONALE Ho letto "Le ali della vendetta" e "Attrazione fatale" di questi autori.Mi mancavano "Melodia fatale" e "L'ultima mossa".Non sono un sentimentale, pertanto m'ispirava di più quello con gli scacchi in copertina e così ho lasciato Melodia per ultima.Le devo restituire il mal tolto,perchè questo thriller è impeccabile.Originale,intrappolante,sensazionale.Ma chi l'ha mai scritto un thriller così intelligente?Quante direzioni prende ,quante discipline tocca, quante volte fa entrare e uscire dalla porta delle certezze ,quante volte fa piombare in supposizioni imprevedibili?Tobia Allievi,Lacroix,la terminologa Di Mauro e tutta la squadra dell'ispettore "tirasomme" fanno venire voglia di fare un viaggio in Svizzera e poi una partita a scacchi con la morte, dove a vincere sarà sempre il bianco della musica, che ispira e delucida dirompente coi suoi inni alla gioia, in mezzo alla croce più difficile da portare che è quella della follia dilagante del nostro tempo, che miete vittime innocenti, senza un bravo ispettore Allievi pronto ad arrestare il colpevole.La trama è intrigante, altro che "Melodia"!Qui si uccide,si muore, ma non è Allievi il protagonista del romanzo.I protagonisti sono due:gli autori, che hanno trovato il modo di "catturare"l'attenzione del lettore ,senza consentirgli di evadere neanche un istante da queste sorprendenti pagine di abilità e astuzia.Non è corretto svelare ,mi limito solo a dire che già dal titolo tutto può essere il contrario di tutto.Una sola cosa è certa:questa "melodia" suona una musica esclusiva a cinque stelle e sa come diffonderne la loro luce,affinchè splendano sempre di più!Da leggere senza indugio!E' questo il Thriller !Enzo Spettoli

  • User Icon

    Melody Boldini

    28/09/2017 11:17:59

    UN ENIGMA ENTRE LAS NOTAS:ROMANZO STELLARE.Thrillertradotto anche in spagnolo coltitolo di MELODIA FATAL, Mozart sosteneva che la musica non è nelle note,è tra le note....MELODIA FATALE,assieme aglialtri tre afirma dei Gemelli RIPA,è l'opera piùbella cheabbia mailetto.Non svelo latrama,sotto gli occhi di tutti.Invito i lettori difficili a"studiare"questi thriller.Chi vuole accostarsi al Genio,ha il dovere di farlo!E di riflettere!Ci sono due categorie di scrittori,a mio giudizio:quelli cheraccontano e quelli che sanno.I primi non ascenderebbero mai all'Empireo dantesco.I secondi,invece,sono come i profumi,ilcui successo dipende dadue fattori:fragranza emittente e olfatto intercettante.Trasmissione e ricezione.Senza l'uno o l'altro polo,non c'è corrente.Dove c'è corrente,c'è sempre un"2"di mezzo!Se questo"2"sfoglia poi stadi di spaziotempo alla maniera delle Stelle coiloro palpiti di fusione nucleare,irraggiando-come il nostro leone dalla criniera di fuoco colorata-calore ed energia nella chiave d'arancio cheapre su pentagramma il suo nome latino,puòavere unsolocognome e due "soli", inequivocabili nomi:Alberto e Giorgio RIPA. In questothriller c'è tutta la volta celeste,con l'alto eil basso che saltellano e s'invertono in ossimorica circolarità, squadrabile senza eguali da dialettiche esagonali di leggerezza e operosità logica,eleganti e raffinatissime.Per capire,bisogna soffermarsi suun semplicissimo concetto:che cos'è una linea chiusa?Cosa può comportare un'azione di uguale e contrario?Alla vita può far eco la morte!Alla falsità può opporsi la verità!Al Brutto può rispondere il Bello!Al mediocre può contrapporsi l'eccelso!Di fronte a un puntino giganteggia una Stella!SIGNUM GEMINORUM VIDE è scrittoin questothriller.Se ciò accade,non ci sono mimi poliglotti chetengano,nèveleni,nèlaghi,nè palii,nèconfusioni d'identità!Una Stella vera nonha eguali!Come Stella binaria RIPA!La siriconosce dallasinfonia multidisciplinare con nueve besos y dos notas de genio!5 STELLE.MB

  • User Icon

    MATTEOMAREMONTI

    21/09/2017 11:38:41

    MELODIA GENIALE Montagne che diffondono echi di lugubre malinconia,laghi che riflettono mistificazioni e bugie di gradimenti,inni che evocano mimi mimati,foto che spezzettano indegne intenzioni,palline che bucano rododendri di follia,origami che crocifiggono intuizioni e depistaggi. il colore di una rosa dal candido crine profuma la mente di Tobia Allievi di audacia e interpretazioni, fuorviate,talvolta, dalla volgare menzogna,tra fatalità occasionata dalla voglia di credere alla magia della scoperta, e ineluttabile constatazione della crepa prevedibile nella malta d'inganni,che conglomera,impura,la rete neurale della giulività.Chi uccide e perchè? Commenti,scacchiere,veleni...FIDE!Le parole più belle del thriller! Non tutte le rose sono ortodosse,perchè non tutte sono uguali. L'esistenza è un palio d'intrighi.. Lo stile e la classe degli autori, uno scrigno di perfezione erudita,senza eguali! Davanti ad esso, il lettore sincero zittisce il logos,schiude i petali di cuore,riflette in sintagmi e...tace. E illumina con cinque stelle di cielo il suo plauso ai RIPA! Matteomaremonti

  • User Icon

    Marco

    22/02/2016 16:56:57

    Un giallo che segue le linee guida della scuola inglese del genere, ma scritto da italiani. Eureka! Concordo con alcune pagine, capitoli di troppo, ma non si può avere tutto ! M

  • User Icon

    Fabio

    07/12/2014 16:30:15

    Un voto più vicino al 4 che al 2, anche se la pecca di fondo risiede in una lunghezza eccessiva e inutile. Molte pagine sembrano voler creare una suspence abbastanza scontata, ma il libro riesce comunque a distinguersi come un buonissimo thriller, con personaggi azzeccati, soprattutto i collaboratori nultietnici di Allievi. Abbastanza astruse e poco chiare le intuizioni di Domitilla, ma interessante lo sfondos scientifico e umanistico. Ho letto di peggio, molto peggio, ma anche di meglio. Comunque consigliato.

  • User Icon

    Giovanni

    06/10/2014 16:48:53

    E' uscito il secondo libro ! Ho iniziato a leggerlo: intrigante !

  • User Icon

    Andrea

    17/06/2014 17:01:21

    E' un buon thriller che mi ha entusiasmato sin dalle prime pagine. Mai noioso. Complimenti ai due fratelli autori che dimostrano una buona cultura sia storica che scientifica, ma quest'ultima è la loro specialità. Sono un pochino complicati i ragionamenti della donna che interpreta le frasi in latino. Sono in attesa di un loro secondo romanzo

  • User Icon

    Ignazio Sinatra

    27/10/2013 22:20:28

    Melodia Fatale è un thriller intrigante e avvincente. Un killer che ama gli enigmi e lascia messaggi in latino e due investigatori che gli danno la caccia. I due autori, gemelli, mostrano tra l'altro un'ampia cultura in molti campi. Consigliato!

Vedi tutte le 18 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione